Analisi del metabolismo - una corretta alimentazione grazie al test del DNA?


I consigli dietetici appartengono al passato. I moderni test del DNA permettono di effettuare analisi metaboliche in base alle quali è possibile adattare individualmente la dieta e il programma sportivo ai propri geni.

Sei più il tipo per i carboidrati o per i grassi? Non ne hai idea? Secondo gli scienziati queste informazioni sono nel vostro DNA. Ognuno ha un metabolismo diverso, ognuno elabora i carboidrati e i grassi in modo diverso, ognuno perde e assume peso in modo diverso.

Dal 40 al 70 per cento delle differenze di peso tra le persone si dice che siano dovute ai geni. Un'analisi metabolica tramite il test del DNA può quindi rivelare come il tuo corpo reagisce a determinati alimenti, quanto sente la fame e quali sport sono adatti a te. Questo può aiutare a prendere decisioni dietetiche, per esempio: low-carb, low-fat, dieta proteica o piuttosto cambiamento di dieta con alimenti misti?

In questo articolo imparerai cosa significa esattamente "metabolismo", quali analisi metaboliche sono state a lungo superate dal punto di vista medico e da quali geni gli scienziati stanno cercando di capire le differenze nel metabolismo.

Che cosa significa metabolismo?

La Encyclopedia Britannica definisce il metabolismo (nel linguaggio tecnico "Metabolismus") come la somma delle reazioni chimiche che avvengono nelle cellule degli esseri viventi e producono energia o creano nuovo materiale organico. In parole povere:

Ogni volta che le sostanze chimiche si trasformano nel corpo avviene il metabolismo.

Il metabolismo è una delle proprietà uniche, che gli esseri viventi possiedono - dai batteri ai funghi e alle piante a noi umani e ad altri animali. Attraverso il metabolismo energetico possiamo attingere energia dall'ambiente, soprattutto dal nostro cibo, e utilizzarla nel nostro corpo. Solo attraverso questo siamo in grado di muoverci, pensare, sviluppare e riprodurci[1].

Buono a sapersi: forse hai già sentito parlare delle famose leggi fisiche della termodinamica? C'è un'importante affermazione: l'energia non può mai essere creata o distrutta, ma solo trasformata e trasmessa. Questo vale anche per i processi metabolici del corpo. L'energia che assorbiamo attraverso il cibo viene trasformata dal corpo in altre forme di energia. È il carburante per muscoli, cervello e organi [1].

Perché analizzare il metabolismo?

Gli scienziati sono ora certi che il metabolismo varia da persona a persona. Quali sono le sostanze nutritive che il tuo corpo utilizza e quanto bene le utilizza ha un'influenza sull'aumento di peso, sulla perdita di peso e sul funzionamento dei muscoli.

Le analisi metaboliche possono quindi fornire interessanti intuizioni su quali alimenti sono adatti a te se vuoi perdere peso e quanto sono forti le tue sensazioni di fame e di sazietà. Il metabolismo può anche dire se si traggono maggiori benefici dall'allenamento con i pesi o dagli sport di resistenza.

Ecco perché i programmi sportivi e di perdita di peso sono spesso derivati da analisi metaboliche.

I geni metabolici in evoluzione

Perché due persone hanno un metabolismo diverso? Alcuni biologi ipotizzano che nell‘evoluzione degli esseri umani si siano sviluppati modelli metabolici diversi.

I nostri antenati erano cacciatori e raccoglitori per la maggior parte della storia. Mangiavano principalmente carne, bacche, noci, frutta ed erbe aromatiche. La proporzione di grassi e proteine nella loro dieta era probabilmente superiore a quella della dieta occidentale di oggi. Solo circa 10.000 anni fa le persone in Europa hanno iniziato a coltivare cereali e a consumare molti più carboidrati. Questo è un breve periodo di tempo per l'evoluzione.

Alcuni ricercatori suppongono che questo è il motivo per cui i geni di molte persone sono ancora orientati verso l'utilizzo di grassi e proteine - con questi utilizzatori di grassi i carboidrati porterebbero rapidamente all'aumento di peso. Negli altri i geni si sono adattati nel corso degli ultimi 10.000 anni, ed è più probabile che siano metabolizzatori di carboidrati [2].

Buono a sapersi: i ricercatori concordano sul fatto che l'evoluzione non è stata ancora in grado di adattare il corpo umano alla dieta moderna che è emersa negli ultimi 100 anni. Gli alimenti elaborati, lo zucchero e in generale troppe calorie causano malattie della civiltà come l'obesità, il diabete e l'alta pressione sanguigna[2, 3].

Dalla scienza: l'alimentazione nell'età della pietra

Naturalmente, oggi non sappiamo esattamente cosa mangiavano i nostri antenati più di 10.000 anni fa. Ma i ricercatori hanno studiato le persone che vivono ancora in comunità di cacciatori-raccoglitori. Questi cacciatori e raccoglitori non hanno quasi mai avuto malattie cardiovascolari. Mangiano significativamente più proteine (19-35 per cento) e meno carboidrati (22-40%) rispetto al solito nella dieta occidentale di oggi, e una quantità simile di grassi (28-58 per cento) - ma probabilmente molto più dei sani acidi grassi omega 3. Questo potrebbe spiegare perché il loro sistema cardiovascolare è così sano[4].

Altri ricercatori suppongono che i carboidrati che la gente mangiava nel Paleolitico erano principalmente di qualità molto più alta. A quel tempo i carboidrati provenivano da frutta e verdura e difficilmente da cereali, la gente mangiava molte fibre alimentari[3].

Grafico: Quali caratteristiche del metabolismo influenzano i geni

Analisi del metabolismo mediante test del DNA

I nostri geni sono il modello per tutti i processi del nostro corpo. Questo vale anche per il metabolismo, naturalmente. Negli ultimi anni, i ricercatori hanno scoperto sempre più geni che sono legati al sovrappeso e alla perdita di peso.

Se si fanno analizzare questi geni metabolici con il test del DNA, si possono trarre conclusioni su:

  • come si ingrassa con i carboidrati e i grassi .
  • Quanta fame si sente e quanto velocemente ci si sente sazi.
  • Quanto velocemente le fibre muscolari si contraggono e quindi quale sportsono più adatti a te.

Si può ereditare il sovrappeso?

Naturalmente, i geni da soli non sono responsabili del sovrappeso. Ma una tendenza al sovrappeso può essere nel DNA.

Questa connessione è stata esaminata dagli scienziati in un'ampio studio nella rinomata rivista Nature. I ricercatori hanno valutato 125 studi, con i dati di quasi 340.000 persone.

Hanno identificato 97 geni correlati al peso. Insieme, questi geni spiegherebbero 2,7 per cento della differenza di peso tra le persone considerate nello studio.

In totale, il DNA influenza il peso in misura ancora maggiore: dal 40 al 70 per cento delle differenze di peso tra le persone si dice che siano latenti nel DNA[5].

Come i geni influenzano il peso?

I geni controllano il metabolismo e il peso in modi diversi. Da un lato, decidono quanto efficacemente la nostra digestione metabolizza carboidrati, grassi e proteine.

I geni controllano anche il nostro comportamento: quanto forte e quanto spesso hai la sensazione di fame? Quanto ci metti a sentirti sazio[5]?

Quali geni controllano il metabolismo e il sovrappeso?

Il collegamento tra il gene FTO e il sovrappeso è particolarmente chiaro. FTO ha persino preso il suo nome. Sta per "fat-mass and obesity associated", cioè "associata a massa grassa e sovrappeso".

Le persone con una mutazione determinata del gene FTO negli studi tendevano ad avere un indice di massa corporea (BMI) troppo alto. Si può dire che il gene FTO determina anche se si ottiene il grasso rapidamente.

I ricercatori hanno visto l'effetto soprattutto nelle persone che hanno avuto la mutazione FTO e allo stesso tempo consumato un sacco di acidi grassi saturi. Gli acidi grassi saturi si trovano nei prodotti finiti e negli alimenti di origine animale come carne, latte e formaggio[6].

Alcuni medici concludono: la FTO fa ingrassare alcune persone più di altre. Una dieta a basso contenuto di carboidrati e a base di grassi non è quindi particolarmente sensata per queste persone.

FTO può anche aiutare a decidere quanto bene possiamo controllare le nostre abitudini alimentari. In uno studio, bambini e adolescenti con la mutazione FTO sfavorevole tendevano ad avere attacchi alimentari incontrollati e allo stesso tempo una percentuale più alta di IMC e di grasso corporeo[7].

Grafico: FTO, gene dell'obesità?

Altri geni e la loro interazione

Naturalmente anche molti altri geni giocano un ruolo. L'interazione tra FTO e APOA5, per esempio, sembra avere un'influenza sullo sviluppo del sovrappeso e dell'ipertensione [8].

APOA5 è un altro gene che gioca un ruolo nel determinare come il tuo corpo usa il grasso e quanto velocemente aumenti di peso[9].

Il gene ADRB2 è un altro esempio. I ricercatori hanno scoperto che le persone con una certa espressione del gene sono sensibili ai carboidrati. Negli studi, la variazione del gene significava anche che le persone perdono peso rapidamente, ma anche perdono rapidamente i muscoli se consumano significativamente meno calorie [10].

Tabella: otto geni legati al metabolismo [7-9], [11-14]

Gene analizzato

Influenza su:

ADRB2

sensibilità ai carboidrati, resistenza, perdita di peso attraverso la riduzione delle calorie

APOA2

sensibilità ai grassi, perdita di peso attraverso la riduzione delle calorie, tendenza al sovrappeso

APOA5

sensibilità ai grassi, perdita di peso attraverso la riduzione delle calorie

FABP2

sensibilità ai grassi

FTO

sensazioni di fame, sensibilità ai grassi, tendenza al sovrappeso, tendenza a fare merenda e a mangiare cibi ad alto contenuto calorico

PPARG

sensibilità ai grassi, perdita di peso attraverso l'esercizio fisico, perdita di peso attraverso la riduzione delle calorie, tendenza ad essere in sovrappeso

LEPR Attivazione dell'ormone della fame leptina
ACTN 3 Velocità di contrazione delle fibre muscolari

 

Come funziona un'analisi del metabolismo tramite i test del DNA?

I test del DNA si basano su una complessa diagnostica di laboratorio, ma sono di solito abbastanza semplici da eseguire: si prende un campione di saliva con un batuffolo di cotone e lo si impacchetta in una provetta.

Così funziona anche il Test Metabolismo cerascreen . Con il kit del test riceverai tutto il necessario per il prelievo e l'invio del campione. Un laboratorio specializzato esaminerà quindi il tuo campione di saliva alla ricerca di otto geni, rilevanti per il tuo metabolismo, tra cui FTO, APOA5 e ADRB2.

Dopo l’analisi riceverai un referto dettagliato dei risultati in cui riceverai le seguenti informazioni:

  • Tendi ad aumentare di peso a causa di carboidrati o grassi ?
  • Sei un tipo da una forte sensazione di fame? Sei un tipo da una forte sensazione di sazietà?
  • Che tipo di fibra muscolare sei e quali sport sono adatti a te?

Analisi metabolica - Il DNA del campione di saliva viene analizzato in laboratorio

Analisi del metabolismo – metodi alternativi e obsoleti

Negli ultimi decenni gli scienziati hanno ripetutamente cercato di classificare il metabolismo delle persone senza analisi del DNA in tipi metabolici. Alcuni di questi concetti sono ancora oggi in uso, ma la maggior parte di essi sono dal punto di vista scientifico già da tempo superati.

Tipi metabolici / Tipi di corpo secondo Sheldon

Un metodo obsoleto per classificare il metabolismo degli esseri umani sono i tipi metabolici o anche i tipi fisici, che il medico americano William Sheldon ha suggerito. Ancora oggi vengono talvolta utilizzati nel settore del fitness per descrivere alcuni tipi di corpi. Questo spesso si riferisce a "tipi metabolici".

Sheldon ha assunto che si può dedurre la personalità di una persona dal suo fisico - e quindi, tra le altre cose, essere in grado di identificare le persone con la tendenza a commettere reati. Questa teoria discutibile era già contestata, quando Sheldon la formulò negli anni quaranta. Oggi è ampiamente smentita dalla comunità scientifica.

noltre, Sheldon distingueva tre tipi di persone in base al loro fisico e al loro metabolismo, tra i quali dovrebbero esserci anche tipi misti:

  • Ectomorfo: tendenza a dimagrire.
  • Mesomorfo: tendono ad essere muscolosi.
  • Endomorfo: tendenza ad essere obeso.

Quindi attenzione: questa classificazione è superata! In realtà, Sheldon non ha mai dimostrato i suoi presupposti nella ricerca scientifica. Da un punto di vista scientifico, i tipi fisici non hanno alcun significato [15].

I tipi metabolici secondo Kelley e Wolcott: tipizzazione metabolica

Un metodo medico alternativo di analisi metabolica è la tipizzazione metabolica secondo il medico americano William Donald Kelley e l'autore di saggistica William Linz Wolcott. Tuttavia, Kelley e Wolcott non hanno mai presentato studi scientifici a sostegno della teoria. Wolcott commercializza il metodo dal 1987 con la sua società Healthexce [16].

Nella tipizzazione metabolica si osservano in particolare i seguenti aspetti del metabolismo:

  • influenza del sistema nervoso: tipo parasimpatico (calmante) o simpatico (stimolante)
  • veloce (glucotipo) o lento (tipo beta) brucia-grassi
  • tipo di ghiandola , cioè se ghiandola tiroidea, ghiandola pituitaria, ghiandola surrenale o (nelle donne) ovaie hanno la maggiore influenza

Queste caratteristiche dovrebbero consentire una dichiarazione su quali sostanze nutritive è necessario e quali alimenti si dovrebbe mangiare per perdere peso e mantenere un peso sano.

Non esiste un metodo uniforme per determinare il tipo metabolico. I consulenti e i professionisti alternativi che offrono la tipizzazione metabolica utilizzano diverse misurazioni per l'analisi metabolica. Tra le altre cose, vengono utilizzati questionari, analisi del grasso corporeo, dispositivi diagnostici elettromagnetici e test del sangue e delle urine.

Il centro consumatori non vede nessuna base scientifica per la tipizzazione metabolica. Il fatto che molte persone che mangiano sulla base di questo tipo di tipizzazione perdono comunque peso può essere facilmente spiegato: cambiando la loro dieta, mangiano in modo più consapevole e consumano meno calorie [17].

Analisi del metabolismo in sintesi:

Cosa significa metabolismo?

Il metabolismo si riferisce ai processi nel corpo attraverso i quali le più svariate sostanze vengono convertite l'una nell'altra . Per la maggior parte intendiamo il metabolismo energetico: noi assorbiamo energia attraverso il cibo, che viene poi convertito nel corpo e utilizzato per tutti i tipi di processi.

Qual è il vantaggio di un'analisi del metabolismo?

Le teorie dicono: se si arriva a conoscere le peculiarità del metabolismo, per esempio attraverso un'analisi del DNA, è possibile adattare il piano alimentare e il programma sportivo . Questo può quindi aiutarti a ottenere e mantenere un peso corporeo sano.

Come sono collegati i geni e il metabolismo?

Il nostro DNA controlla anche come usiamo i nutrienti e come usiamo il cibo. Gli scienziati hanno scoperto, tra le altre cose, alcuni geni che sono legati a quanto si ingrassa con i grassi e carboidrati , quanto sono forti la sensazione di fame e la sensazione di sazietà e quanto velocemente le nostre fibre muscolari si contraggono.

Come funziona un'analisi del metabolismo con il test del DNA?

Per un test del DNA di solito si preleva un campione di saliva dalla mucosa orale. Laboratori specializzati esaminano poi alcune caratteristiche dei geni da analizzare. Ad esempio, il gene FTO ha una mutazione che ti rende più suscettibile all'obesità e all'alimentazione ad alto contenuto di grassi.

Bibliografia

[1] Encyclopedia Britannica, „metabolism | Definition, Process, & Biology“, Encyclopedia Britannica. [Online]. Verfügbar unter: https://www.britannica.com/science/metabolism. [Zugegriffen: 08-Jan-2020].

[2] L. Cordain u. a., „Origins and evolution of the Western diet: health implications for the 21st century“, Am J Clin Nutr, Bd. 81, Nr. 2, S. 341–354, Feb. 2005, doi: 10.1093/ajcn.81.2.341.

[3] M. Konner und S. B. Eaton, „Paleolithic nutrition: twenty-five years later“, Nutr Clin Pract, Bd. 25, Nr. 6, S. 594–602, Dez. 2010, doi: 10.1177/0884533610385702.

[4] L. Cordain, S. B. Eaton, J. B. Miller, N. Mann, und K. Hill, „The paradoxical nature of hunter-gatherer diets: meat-based, yet non-atherogenic“, Eur J Clin Nutr, Bd. 56 Suppl 1, S. S42-52, März 2002, doi: 10.1038/sj.ejcn.1601353.

[5] A. E. Locke u. a., „Genetic studies of body mass index yield new insights for obesity biology“, Nature, Bd. 518, Nr. 7538, S. 197–206, Feb. 2015, doi: 10.1038/nature14177.

[6] D. Corella u. a., „A High Intake of Saturated Fatty Acids Strengthens the Association between the Fat Mass and Obesity-Associated Gene and BMI123“, J Nutr, Bd. 141, Nr. 12, S. 2219–2225, Dez. 2011, doi: 10.3945/jn.111.143826.

[7] M. Tanofsky-Kraff u. a., „The FTO gene rs9939609 obesity-risk allele and loss of control over eating“, Am. J. Clin. Nutr., Bd. 90, Nr. 6, S. 1483–1488, Dez. 2009, doi: 10.3945/ajcn.2009.28439.

[8] M. H. Wang u. a., „Four pairs of gene–gene interactions associated with increased risk for type 2 diabetes (CDKN2BAS–KCNJ11), obesity (SLC2A9–IGF2BP2, FTO–APOA5), and hypertension (MC4R–IGF2BP2) in Chinese women“, Meta Gene, Bd. 2, S. 384–391, Mai 2014, doi: 10.1016/j.mgene.2014.04.010.

[9] C. Sánchez-Moreno, J. M. Ordovás, C. E. Smith, J. C. Baraza, Y.-C. Lee, und M. Garaulet, „APOA5 Gene Variation Interacts with Dietary Fat Intake to Modulate Obesity and Circulating Triglycerides in a Mediterranean Population12“, J Nutr, Bd. 141, Nr. 3, S. 380–385, März 2011, doi: 10.3945/jn.110.130344.

[10] J. A. Martínez, M. S. Corbalán, A. Sánchez-Villegas, L. Forga, A. Marti, und M. A. Martínez-González, „Obesity Risk Is Associated with Carbohydrate Intake in Women Carrying the Gln27Glu β2-Adrenoceptor Polymorphism“, J Nutr, Bd. 133, Nr. 8, S. 2549–2554, Aug. 2003, doi: 10.1093/jn/133.8.2549.

[11] K. Masuo, „Roles of Beta2- and Beta3-Adrenoceptor Polymorphisms in Hypertension and Metabolic Syndrome“, Int J Hypertens, Bd. 2010, Okt. 2010, doi: 10.4061/2010/832821.

[12] D. Corella u. a., „Association between the APOA2 promoter polymorphism and body weight in Mediterranean and Asian populations: replication of a gene-saturated fat interaction“, Int J Obes (Lond), Bd. 35, Nr. 5, S. 666–675, Mai 2011, doi: 10.1038/ijo.2010.187.

[13] L. M. Delahanty u. a., „Genetic predictors of weight loss and weight regain after intensive lifestyle modification, metformin treatment, or standard care in the Diabetes Prevention Program“, Diabetes Care, Bd. 35, Nr. 2, S. 363–366, Feb. 2012, doi: 10.2337/dc11-1328.

[14] M. Lefevre u. a., „Comparison of the acute response to meals enriched with cis- or trans-fatty acids on glucose and lipids in overweight individuals with differing FABP2 genotypes“, Metab. Clin. Exp., Bd. 54, Nr. 12, S. 1652–1658, Dez. 2005, doi: 10.1016/j.metabol.2005.06.015.

[15] J. E. Roeckelein, Dictionary of Theories, Laws, and Concepts in Psychology. Greenwood Publishing Group, 1998.

[16] „Metabolic Typing - Home“. [Online]. Verfügbar unter: http://www.healthexcel.com/index1.html. [Zugegriffen: 09-Jan-2020].

[17] „Stoffwechsel-Diäten“, Verbraucherzentrale.de. [Online]. Verfügbar unter: https://www.verbraucherzentrale.de/wissen/lebensmittel/schlankheitsmittel-und-diaeten/stoffwechseldiaeten-6555. [Zugegriffen: 08-Jan-2020].

Contenuto