Acne: cause, manifestazioni e trattamento


L’acne non è un pericolo per la vita, ma le persone colpite spesso non solo si sentono letteralmente a disagio nella loro pelle, ma in realtà soffrono di un dolore fisico. Inoltre, l'acne può lasciare cicatrici sulla pelle a lungo termine e indebolire l'autostima.

Secondo l'Associazione Americana dei Medici di Medicina Generale, American Academy of Dermatology, l'acne è una delle malattie della pelle più comuni in tutto il mondo. Circa il 70-95% di tutti i giovani soffre di acne, ma anche le persone più anziane non la scampano[1].

Fortunatamente, ci sono molte opzioni di trattamento efficace per combattere l'acne - e quindi sia ridurre i brufoli che prevenire le cicatrici. In questo articolo ti diremo cos'è l'acne e come si differenzia dalle normali imperfezioni della pelle. Scoprirai anche quali terapie e rimedi casalinghi esistono contro l'acne e come si può ottenere una pelle più pura e bella.

Con il Test DNA Salute della Pelle cerascreen® puoi scoprire i requisiti della tua pelle e migliorarne la salute. Prelevi un campione di saliva comodamente a casa utilizzando il kit del test, lo invii al nostro laboratorio e nel giro di pochi giorni ricevi il referto online con consigli per migliorare la tua alimentazione e cambiare il tuo stile di vita. 

Acne vulgaris - la "comune" acne

L’acne può verificarsi ovunque ci sia la pelle - cioè su tutto il corpo. Tuttavia, le aree più frequentemente colpite sono il viso, la schiena, il collo, il torace- e le spalle. L'acne è una malattia non infettiva della pelle, causata da ghiandole sebacee bloccate o sporche[3].

L’acne si sviluppa prevalentemente durante la pubertà: la malattia si verifica spesso tra i 12 e i 18 anni[4]. Tuttavia, può verificarsi anche nei bambini e nei neonati come acne neonatale e negli adulti di tutte le età[5].

Nella maggior parte dei casi, l'acne è relativamente lieve e si attenua rapidamente - in questi casi, le persone colpite possono ricorrere a prodotti da banco. Nei casi più gravi, che colpiscono circa il 40% delle persone con acne, è necessario consultare un medico. Il trattamento medico spesso non può essere evitato[6].

Le donne possono tirare un sospiro di sollievo: anche se gli uomini e le donne sono affetti da acne con frequenza simile, la forma più grave di acne, l’acne conglobata, si verifica relativamente di più negli uomini.

Donna con acne si pulisce il viso

Apparizione di forme di acne

L’acne può apparire in diverse forme. Si distingue tra lesioni cutanee infiammate (comedoni chiusi e aperti) e non infiammate (noduli, papule e pustole) e lesioni [4]. Ecco un elenco delle forme di sintomi tipiche delle diverse forme di acne:

Tabella: aspetto di acne

Acne comedonica

Acne papulopustolare

Acne conglobata (forma più grave di acne)

Comedoni chiusi e aperti (punti neri)

Papule: piccoli noduli rossi, che sono per lo più dolorosi e si trovano sotto la pelle

 

Pustole : piccoli brufoli rossi con pus in punta

Cisti : noduli pieni di pus sotto la pelle, per lo più dolorosi

In che modo l'acne influisce sulla psiche e sulla qualità della vita?

Una minore autostima, paura dell'interazione sociale e insoddisfazione per il proprio aspetto – i sintomi non visibili dell'acne. Spesso accompagnano le cicatrici esterne in modo subliminale e limitano la qualità di vita generale[7],[8]. Oltre alla qualità di vita l‘autostima e l'umore generale vengono colpiti – allo stesso tempo, gli studi hanno dimostrato un aumento del rischio di disturbi d'ansia, depressione e pensieri suicidi[9].

Se l'acne è accompagnata da problemi psicologici e ansia, si dovrebbe anche prendere sul serio questi sintomi. Se soffri di problemi psicologici dovuti all'acne, non esitare a chiedere l'aiuto di un professionista.

Quanto dura l'acne?

L'acne inizia soprattuto in età giovanile con l'inizio della produzione di sebo e i primi punti neri nella zona del viso, che sono poi spesso seguiti da lesioni infiammate, cioè lesioni della pelle[10]. L'acne è una malattia cronica e può in alcuni casi durare dalla pubertà all'età adulta[11].

Acne di Maiorca o acne estiva

L'acne di Maiorca o l'acne estiva è una forma speciale di acne e, come suggerisce il nome, è più probabile che si verifichi nei mesi estivi. I fattori scatenanti dei brufoli pruriginosi possono essere emulsionanti e ingredienti grassi nelle creme solari, motivo per cui non è considerata medicalmente come acne. Se sei sensibile alle creme solari convenzionali, puoi ricorrere ai gel idrofili[30].

Cause dell'acne

Generalmente l'acne si verifica quando i pori della pelle si ostruiscono con sebo (seborrea), pelle morta o batteri. Ogni poro della pelle è in realtà l'apertura di un follicolo, che consiste di un capello e di una ghiandola sebacea. Questa ghiandola sebacea, come suggerisce il nome, rilascia sebo o olio. Questo olio serve a rendere la pelle morbida ed elastica e a fornirle idratazione. All'interno di questi processi, tuttavia, alcune cose possono andare male:

  • troppo sebo è stato prodotto
  • la pelle morta si accumula nei pori
  • i batteri si accumulano nei pori

In questo contesto, la ricerca si concentra spesso su fattore di crescita insulino simile 1 (IGF-1), che è considerato il fattore scatenante della produzione di sebo. Soprattutto durante la pubertà questo è stimolato da un livello crescente di ormoni sessuali come il testosterone. Può anche essere influenzato dalla dieta. I prodotti lattiero-caseari e gli alimenti ad alto indice glicemico attivano la produzione di IGF-1 [6]. Maggiori informazioni su una dieta che può aiutare a controllare meglio l'acne si trovano nel seguente capitolo "Influenze esterne".

L'indice glicemico (IG) descrive quanto fortemente un alimento contenente carboidrati influisce sul livello di zucchero nel sangue. Più alto è l’IG, più il livello di zucchero nel sangue aumenta. Gli alimenti ad alto indice glicemico sono per esempio patatine fritte, pane bianco o dolci da forno [13].

L'acne è causata geneticamente?

In questo caso ci sono ancora opinioni differenti ed è necessaria una maggiore ricerca: finora non è stato possibile dimostrare chiaramente se l'acne è ereditaria dai geni o se esiste una predisposizione genetica all'acne[27]. Diversi studi indicano tuttavia che l'acne si verifica prima e più gravemente se ci sono stati casi in famiglia[28],[29].

Le influenze esterne sull'acne

Non tutta l'acne è uguale, e se la malattia è di una certa gravità non si potrà purtroppo evitare il trattamento medico. Con i seguenti fattori è possibile sostenere le misure mediche o, in caso di progressioni più lievi, eventualmente prevenire un'epidemia di acne.

Infografica: Influenze esterne sull'acne

Alimentazione

Come già detto, può essere utile per le persone con acne tenere d'occhio l'indice glicemico degli alimenti, in quanto questo fa aumentare il livello di zucchero nel sangue e quindi stimola la produzione di sebo. Più sebo può significare che più follicoli si ostruiscono e si formano brufoli.

Anche i prodotti lattiero-caseari sono molto discussi: gli studi suggeriscono che i prodotti lattiero-caseari hanno un'influenza negativa sull'acne. Tuttavia, le connessioni esatte non sono ancora chiare[14].

  • Un approccio spiega questo fenomeno attraverso gli ormoni supplementari, che oggi vengono somministrati alle vacche per aumentare la loro produzione di latte. Questi ormoni si trovano in una certa misura anche nei prodotti lattiero-caseari trasformati e sconvolgono l'equilibrio ormonale.
  • Oltre a questi ormoni, tuttavia, ci sono comunque ormoni della crescita nel latte, che possono anche aumentare la formazione di acne. Il latte contiene anche le proteine del siero di latte e la caseina. Sono ormoni che dovrebbero stimolare la crescita del vitello. Se si ingeriscono queste proteine, si innescano reazioni ormonali nel corpo. Hanno quindi un effetto simile sul vostro corpo come il fattore di crescita IGF-1, che tra l’altro regola la produzione di sebo[15].
  • Una terza teoria sospetta che una combinazione di prodotti lattiero-caseari, alimenti altamente trasformati e zucchero raffinato, che è ora ampiamente utilizzato nella dieta occidentale, abbia un effetto negativo sull'aspetto della pelle. Questo porta ad un aumento del rilascio dell'insulina ormonale, che a sua volta rende la pelle più suscettibile all'acne[14].
  • Il lattosio zuccherino contenuto nel latte è in realtà destinato specificamente ai neonati, sia animali che umani. Oggi, circa il 65% delle persone ha un‘ intolleranza al lattosio – se queste persone mangiano prodotti caseari, l'acne può scoppiare a causa di una reazione di intolleranza [16].

Luce solare

Da tempo si è discusso se la luce naturale del sole possa avere un effetto curativo sull'acne - ma finora non si è potuto dimostrare chiaramente se sia giusto o sbagliato[17]. Oltre alla luce del sole, la ricerca ha anche studiato la terapia della luce con la luce artificiale. Qui si potrebbero ottenere miglioramenti, ma piuttosto a breve termine [18].

Igiene

Molte persone credono che l'acne sia causata dalla mancanza di igiene del viso [19]. In realtà, non è così: un'analisi di undici studi ha rilevato che il lavaggio del viso non fa scattare, non cura e non aggrava l'acne [17]. Gli studi che hanno esaminato diversi saponi o l'influenza della frequenza dei lavaggi non hanno potuto fornire alcuna intuizione significativa sulla misura in cui l'acne può essere scatenata da un'inadeguata igiene del viso[20],[21].

Stress

Lo stress è uno dei più influenti fattori scatenanti dell'acne [22]. Uno studio ha anche studiato come le tecniche di rilassamento e la gestione dello stress influenzano la gravità dell'acne – infatti, l'aspetto della pelle dei pazienti è migliorato grazie all'allenamento al rilassamento, ma la pelle si è anche deteriorata di nuovo non appena i partecipanti allo studio hanno smesso di fare gli esercizi[23]. Diversi studi hanno anche dimostrato che nelle fasi di stress, come ad esempio durante le grandi presentazioni al lavoro o gli esami importanti all'università, l'acne delle persone colpite è peggiorata notevolmente [24],[25].

Ormoni

Gli ormoni possono scatenare un bel po' di cose nel corpo, e purtroppo questo include anche la pelle impura e l'acne. La pubertà è comunque nota per il fatto che gli ormoni impazziscono e tutto il corpo è in uno stato di sconvolgimento. Ma anche in momenti successivi della vita gli ormoni possono cambiare e quindi probabilmente influenzare lo sviluppo dell'acne - è molto discusso nella ricerca [26].

Motivi per cui i tuoi ormoni cambiano sono ad esempio:

  • mestruazioni
  • menopausa
  • sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)
  • livelli di androgeni aumentati

La maggior parte delle volte, le epidemie di acne indotta dagli ormoni sono lievi e di breve durata.

Trattamento dell'acne

Per una forma lieve di acne non sono necessari farmaci forti o trattamenti farmacologici. Tuttavia, se l'acne raggiunge una certa gravità, si può avere bisogno di farmaci o altre forme di trattamento.

I farmaci più comunemente usati sono antibiotici, contraccettivi e farmaci anti-androgeni. In casi particolarmente acuti il farmaco isotretinoina viene somministrato esternamente o internamente. Appartiene ai retinoidi, - è un derivato della vitamina A e quindi ha tra l’altro effetti antinfiammatori.

Altre forme di terapia sono [31]:

  • laser e terapia della luce
  • peeling chimici
  • rimozione di punti neri da parte dei medici
  • iniezione di steroidi (direttamente nelle cisti, quindi solo per la forma più grave di acne conglobata)

Rimedi naturali contro l'acne

Non è sempre necessario acquistare creme costose contro l'acne. Ci sono anche alcuni rimedi in casa che possono raggiungere buoni risultati senza il rischio di effetti collaterali.

Olio dell'albero del tè

L’olio dell'albero del tè ha un effetto anti-infiammatorio e antimicrobico e può quindi aiutare a calmare la pelle e a lenire le infiammazioni esistenti [32]. L'acne da lieve a moderata può essere influenzata positivamente dall'uso regolare dell'olio dell'albero del tè, soprattutto in combinazione con l'aloe vera e la propoli (una resina di stucco prodotta dalle api) [33].

Teebaumöl: Hausmittel gegen Akne

Tè verde

Come l'olio dell'albero del tè, il tè verde è noto per il suo effetto antinfiammatorio. Può essere d'aiuto se si applica alle zone del viso colpite dall’acne, ma anche se si beve qualche tazza di tè verde al giorno. Ciò è dovuto alle cosiddette catechine, alcune sostanze vegetali contenute nel tè verde. Hanno un effetto antiossidativo, anti-infiammatorio e antibiotico. Inoltre, molte creme e lozioni contengono sostanze a base di tè verde, che possono anche calmare la pelle [34].

Alimentazione

La tua dieta può aiutare a migliorare l'acne - ma anche a peggiorarla.

Soprattutto, cerca di evitare i seguenti alimenti o di ridurli:

  • zucchero , e soprattutto zucchero raffinato
  • prodotti lattiero-caseari
  • prodotti alimentari altamente trasformati con un alto indice glicemico, come il pane bianco
  • grassi saturi e grassi trans

Altri alimenti possono essere incorporati nella tua dieta per fornire alla tua pelle le giuste sostanze nutritive ed energia:

  • prodotti integrali
  • legumi
  • frutta e verdura

Anche gli alimenti che contengono principalmente zinco, vitamina A e vitamina E e altri antiossidanti sono considerati "skinfood" e possono sostenere bene la pelle [35],[36],[37].

Cicatrici da acne

La forma più comune di cicatrici da acne è chiamata atrofica. Atrofica significa che la pelle perde la sua elasticità e la cicatrice è leggermente più profonda del resto della pelle. Questo accade quando non c'è abbastanza collagene disponibile, mentre la pelle guarisce dopo la ferita da acne [38].

Metodi di trattamento come i peeling promettono una struttura più fine della pelle. Ma anche tecniche speciali come il microago sono utilizzate negli studi di cosmesi, ad esempio, per affinare la struttura della pelle.

Le cicatrici sono causate principalmente dalla scarsa guarigione di piccole ferite sul viso. Pertanto, si dovrebbe cercare di non toccare i brufoli e le pustole con le dita e non premere su di essi in modo che non compaiano ferite sul viso.

In breve:

Che cos'è l'acne?

Acne non è solo la comune pelle impura, ma la più comune malattia della pelle del viso. Le persone colpite soffrono di vari gradi di gravità di questa malattia. L'acne può essere molto dolorosa - sia fisicamente che psicologicamente - e quindi un grande peso per il benessere.

Da dove viene l'acne?

>L'acne può essere causata da molti fattori - fino a che punto è geneticamente determinata è ancora discusso dalla scienza. Soprattutto i cambiamenti ormonali durante la pubertà, stimolano la produzione di sebo in faccia, che può causare l'ostruzione di più follicoli e la formazione di più brufoli e pustole. Altre influenze esterne come la luce del sole, un'adeguata igiene del viso e soprattutto una dieta equilibrata e sana possono avere un effetto positivo sull'acne.

Come viene trattata l'acne?

Per i decorsi più miti dell'acne si può fare a meno di cure mediche e inizialmente si può ricorrere a rimedi come l'olio dell'albero del tè, il tè verde o cibi sani con molte sostanze nutritive importanti. Tuttavia, se l'acne diventa troppo grave, si consigliano forme di terapia accompagnate dal punto di vista medico, come la terapia della luce con il laser o i peeling chimici.

Bibliografia

[1] G. M. White, „Recent findings in the epidemiologic evidence, classification, and subtypes of acne vulgaris“, J. Am. Acad. Dermatol., Bd. 39, Nr. 2, Supplement 2, S. S34–S37, Aug. 1998, doi: 10.1016/S0190-9622(98)70442-6.

[2] Statista, „Gesundheit - Häufigste Hauterkrankungen bei Kindern und Jugendlichen 2017“, Statista, Feb. 14, 2020. https://de.statista.com/statistik/daten/studie/974367/umfrage/haeufigste-hauterkrankungen-bei-kindern-und-jugendlichen-nach-geschlecht/ (zugegriffen Sep. 22, 2020).

[3] C. C. Zouboulis, „Acne vulgaris“, Hautarzt, Bd. 65, Nr. 8, S. 733, Aug. 2014, doi: 10.1007/s00105-014-2853-9.

[4] K. Bhate und H. C. Williams, „Epidemiology of acne vulgaris“, Br. J. Dermatol., Bd. 168, Nr. 3, S. 474–485, 2013, doi: 10.1111/bjd.12149.

[5] T. Jansen, S. Michelsen, und G. Plewig, „Acne neonatorum: diagnosis and treatment“, J. Invest. Dermatol., Bd. 3, Nr. 108, S. 386, 1997.

[6] Derma Plus, „Akne (Akne vulgaris) - Ursachen und die richtige Therapie“, derma.plus, Sep. 07, 2017. https://derma.plus/haut/akne/ (zugegriffen Sep. 08, 2020).

[7] D. P. Krowchuk, „Managing acne in adolescents“, Pediatr. Clin. North Am., Bd. 47, Nr. 4, S. 841–857, Aug. 2000, doi: 10.1016/S0031-3955(05)70243-1.

[8] S. H. Lee u. a., „Quality of Life of Acne Patients.“, Korean J. Dermatol., Bd. 44, Nr. 6, S. 688–695, 2006.

[9] L. K. Dunn, J. L. O’Neill, und S. R. Feldman, „Acne in adolescents: quality of life, self-esteem, mood, and psychological disorders“, Dermatol. Online J., Bd. 17, Nr. 1, Jan. 2011, Zugegriffen: Sep. 08, 2020. [Online]. Verfügbar unter: https://europepmc.org/article/med/21272492.

[10] A. W. Lucky, „A Review of Infantile and PediatricAcne“, Dermatology, Bd. 196, Nr. 1, S. 95–97, 1998, doi: 10.1159/000017838.

[11] C. N. Collier, J. C. Harper, W. C. Cantrell, W. Wang, K. W. Foster, und B. E. Elewski, „The prevalence of acne in adults 20 years and older“, J. Am. Acad. Dermatol., Bd. 58, Nr. 1, S. 56–59, Jan. 2008, doi: 10.1016/j.jaad.2007.06.045.

[12] T. Schäfer, A. Nienhaus, D. Vieluf, J. Berger, und J. Ring, „Epidemiology of acne in the general population: the risk of smoking“, Br. J. Dermatol., Bd. 145, S. 100–4, 2001.

[13] Jumk, „Tabelle glykämischer Index (Glyx), Kalorien, Eiweiß, Kohlenhydrate, Intoleranzen“, jumk. https://jumk.de/glyx/ (zugegriffen Sep. 08, 2020).

[14] R. Katta und S. P. Desai, „Diet and Dermatology“, J. Clin. Aesthetic Dermatol., Bd. 7, Nr. 7, S. 46–51, Juli 2014.

[15] B. C. Melnik, „Evidence for Acne-Promoting Effects of Milk and Other Insulinotropic Dairy Products“, Milk Milk Prod. Hum. Nutr., Bd. 67, S. 131–145, 2011, doi: 10.1159/000325580.

[16] G. H. Reference, „Lactose intolerance“, Genetics Home Reference. https://ghr.nlm.nih.gov/condition/lactose-intolerance (zugegriffen Sep. 08, 2020).

[17] P. Magin, D. Pond, W. Smith, und A. Watson, „A systematic review of the evidence for ‘myths and misconceptions’ in acne management: diet, face-washing and sunlight“, Fam. Pract., Bd. 22, Nr. 1, S. 62–70, Feb. 2005, doi: 10.1093/fampra/cmh715.

[18] F. L. Hamilton, J. Car, C. Lyons, M. Car, A. Layton, und A. Majeed, „Laser and other light therapies for the treatment of acne vulgaris: systematic review“, Br. J. Dermatol., Bd. 160, Nr. 6, S. 1273–1285, 2009, doi: 10.1111/j.1365-2133.2009.09047.x.

[19] H. L. Friedman, „The health of adolescents: Beliefs and behaviour“, Soc. Sci. Med., Bd. 29, Nr. 3, S. 309–315, Jan. 1989, doi: 10.1016/0277-9536(89)90279-7.

[20] F. R. Bettley, „The Effect of a Medicated Wash on Acne“, Br. J. Dermatol., Bd. 87, Nr. 3, S. 292–293, 1972, doi: 10.1111/j.1365-2133.1972.tb00327.x.

[21] H. C. Korting, O. Braun-Falco, E. Ponce-Pöschl, W. Klövekorn, G. Schmötzer, und M. Arens-Corell, „The influence of the regular use of a soap or an acidic syndet bar on pre-acne“, Infection, Bd. 23, Nr. 2, S. 89–93, März 1995, doi: 10.1007/BF01833872.

[22] F. Poli, B. Dreno, und M. Verschoore, „An epidemiological study of acne in female adults: results of a survey conducted in France“, J. Eur. Acad. Dermatol. Venereol., Bd. 15, Nr. 6, S. 541–545, 2001, doi: 10.1046/j.1468-3083.2001.00357.x.

[23] H. Hughes, G. F. Lawlis, B. W. Brown, und J. E. Fulton, „Treatment of acne vulgaris by biofeedback relaxation and cognitive imagery“, J. Psychosom. Res., Bd. 27, Nr. 3, S. 185–191, Jan. 1983, doi: 10.1016/0022-3999(83)90021-1.

[24] B. Wei u. a., „The epidemiology of adolescent acne in North East China“, J. Eur. Acad. Dermatol. Venereol., Bd. 24, Nr. 8, S. 953–957, 2010, doi: 10.1111/j.1468-3083.2010.03590.x.

[25] A. Chiu, S. Y. Chon, und A. B. Kimball, „The Response of Skin Disease to Stress: Changes in the Severity of Acne Vulgaris as Affected by Examination Stress“, Arch. Dermatol., Bd. 139, Nr. 7, S. 897–900, Juli 2003, doi: 10.1001/archderm.139.7.897.

[26] L. E. Gibson, „Adult acne: Can natural hormone treatments help?“, Mayo Clinic, März 2020. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/acne/expert-answers/adult-acne/faq-20058129 (zugegriffen Sep. 09, 2020).

[27] F. Ballanger, P. Baudry, J. M. N’Guyen, A. Khammari, und B. Dréno, „Heredity: A Prognostic Factor for Acne“, Dermatology, Bd. 212, Nr. 2, S. 145–149, 2006, doi: 10.1159/000090655.

[28] S. Zahra Ghodsi, H. Orawa, und C. C. Zouboulis, „Prevalence, Severity, and Severity Risk Factors of Acne in High School Pupils: A Community-Based Study“, J. Invest. Dermatol., Bd. 129, Nr. 9, S. 2136–2141, Sep. 2009, doi: 10.1038/jid.2009.47.

[29] D. M. Evans, K. M. Kirk, D. R. Nyholt, C. Novac, und N. G. Martin, „Teenage acne is influenced by genetic factors“, Br. J. Dermatol., Bd. 152, Nr. 3, S. 579–581, 2005, doi: 10.1111/j.1365-2133.2005.06387.x.

[30] DocCheck Medical Services, „Acne aestivalis“, DocCheck Flexikon, März 14, 2018. https://flexikon.doccheck.com/de/Acne_aestivalis (zugegriffen Sep. 09, 2020).

[31] Mayo Clinic, „Acne - Diagnosis and treatment“, Feb. 18, 2020. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/acne/diagnosis-treatment/drc-20368048 (zugegriffen Sep. 11, 2020).

[32] H. Cao u. a., „Complementary therapies for acne vulgaris“, Cochrane Database Syst. Rev., Bd. 1, S. CD009436, Jan. 2015, doi: 10.1002/14651858.CD009436.pub2.

[33] V. Mazzarello u. a., „Treatment of acne with a combination of propolis, tea tree oil, and Aloe vera compared to erythromycin cream: two double-blind investigations“, Clin. Pharmacol. Adv. Appl., Bd. 10, S. 175–181, Dez. 2018, doi: 10.2147/CPAA.S180474.

[34] S. Saric, M. Notay, und R. K. Sivamani, „Green Tea and Other Tea Polyphenols: Effects on Sebum Production and Acne Vulgaris“, Antioxidants, Bd. 6, Nr. 1, Dez. 2016, doi: 10.3390/antiox6010002.

[35] M. Gupta, V. K. Mahajan, K. S. Mehta, und P. S. Chauhan, „Zinc Therapy in Dermatology: A Review“, Dermatol. Res. Pract., Bd. 2014, 2014, doi: 10.1155/2014/709152.

[36] Z. El-Akawi, N. Abdel-Latif, und K. Abdul-Razzak, „Does the plasma level of vitamins A and E affect acne condition?“, Clin. Exp. Dermatol., Bd. 31, Nr. 3, S. 430–434, Mai 2006, doi: 10.1111/j.1365-2230.2006.02106.x.

[37] H. A. Al-Shobaili, „Oxidants and anti-oxidants status in acne vulgaris patients with varying severity“, Ann. Clin. Lab. Sci., Bd. 44, Nr. 2, S. 202–207, 2014.

[38] I. Mijad, „Microneedling Therapy in Atrophic Facial Scars: An Objective Assessment“, J. Cutan. Aesthetic Surg., Bd. 2, Nr. 1, S. 26–30, Juni 2009.

Contenuto