Ti auguriamo buon divertimento nella lettura

I nostri esperti ti possono aiutare a riconoscere e capire meglio i tuoi sintomi, clicca qui

Cervello addominale: come i batteri intestinali influenzano i nostri sentimenti

Difficilmente ci sono due organi che comunicano tra loro tanto quanto il cervello e l'intestino. I sentimenti influenzano i disturbi intestinali e i batteri intestinali - secondo le ultime ricerche - influenzano i nostri sentimenti.

Incontri il tuo primo amore e senti già le farfalle nello stomaco. Un grande esame si avvicina e lo stress colpisce lo stomaco. E a volte bisogna prendere decisioni importanti con l'istinto. Perché sentiamo le emozioni intensamente nello stomaco quando tutto avviene nella testa? Non è più un segreto che il cervello e l'intestino sono strettamente legati, anche se entrambi funzionano indipendentemente l'uno dall'altro. Un esempio: già alla vista del cibo, il cervello segnala all'intestino di prepararsi lentamente alla digestione. Se lo stomaco brontola per la fame, questo a sua volta rovina il nostro umore.

Impara in questo articolo come sono strutturati il cervello e il cervello intestinale e come i sentimenti influenzano il nostro corpo. Inoltre: 100 trilioni di batteri vivono in noi. Miliardi di loro vivono nel nostro intestino e contribuiscono a determinare come ci sentiamo.

Il cervello e i sentimenti

Il cervello risiede al sicuro nel cranio - circondato dai più sottili strati di tessuto connettivo. Cinquanta pensieri al minuto nel cervello, fino a 100.000 stimoli sensoriali al secondo corrono attraverso i percorsi neurali e in questo preciso momento il tuo cervello sta cercando di elaborare le informazioni di questo testo. Il cervello agisce come centro di controllo del corpo: la sua area di responsabilità si estende dal più piccolo movimento muscolare al grande caos emotivo [1].

Lo sapevi? Il cervello pesa in media 1,3 chilogrammi [1]. Il peso del cervello di uomini e donne è diverso. In media, il cervello degli uomini è circa 100 grammi più pesante. Ma ricorda che le dimensioni del cervello non determinano l'intelligenza di una persona [2].

Com'è costruito il cervello?

Wie funktioniert das Gehirn?

Più di 100 miliardi di cellule nervose si diramano nel cervello umano. Se si mettesse ogni cellula nervosa una accanto all'altra, la lunghezza sarebbe di 5,8 milioni di chilometri! Il cervello è composto da due emisferi cerebrali divisi in quattro aree principali: Cerebrum, Brainstem, Diencephalon e Cerebellum. Ciascuna di queste regioni controlla diverse funzioni corporee [3].

Area principale

Funzione

Cervello

Percezione sensoriale, movimento, linguaggio, memoria, riconoscimento di persone e oggetti

Tronco encefalico

Riflessi, circolazione del sangue, respirazione

Diencefalo

Ritmo sonno-veglia, regolazione della temperatura, rilascio di ormoni

Cervelletto

Equilibrio

Perché gli esseri umani hanno sentimenti?

I sentimenti nascono nel sistema limbico nella corteccia cerebrale. Sono reazioni a stimoli esterni o interni e ci aiutano a valutare le situazioni. La tristezza e la paura ci avvertono di una situazione dalla quale vogliamo proteggerci. La gioia ci incoraggia e ci fa desiderare di accogliere uno stato attuale e di viverlo più spesso [4].

Quali sentimenti ci sono?

Fino al 2017, la ricerca sulle emozioni presupponeva che gli esseri umani potessero provare solo sei emozioni: tristezza, rabbia, disgusto, paura, felicità e sorpresa. Uno studio della National Academy of Science ha aggiunto altri 21 sentimenti a questa lista [5]:

  • preoccupazione, orrore, dolore, confusione, stupore, impotenza;
  • piacere sessuale, romanticismo, soddisfazione;
  • nostalgia, serenità, sollievo, noia;
  • senso estetico, desiderio, ammirazione, adorazione;
  • divertimento, eccitazione, interesse.

Come influiscono i sentimenti sul corpo?

Quando proviamo gioia, sorridiamo o saltiamo in aria. Ma un'emozione non riguarda solo la nostra mente e le espressioni facciali e i gesti, ma anche i nostri muscoli e organi. Se siamo ansiosi, per esempio, i nostri muscoli tremano e il nostro cuore corre o il sudore esce da tutti i nostri pori. Quando siamo sorpresi, apriamo gli occhi o le nostre pupille si dilatano [6].

Il cervello addominale

L'evoluzione umana non si è accontentata del cervello nella testa. Pertanto, una rete di 100 milioni di nervi si è stabilita intorno al nostro intestino nella pancia, il cosiddetto cervello della pancia. Il cervello craniale fa il pensiero, mentre il cervello addominale si occupa in modo indipendente ed efficace della digestione. Ma entrambi i cervelli sono strettamente connessi e si scambiano informazioni sugli eventi esistenti come due colleghi [7].

Appena innamorato e con le farfalle nello stomaco? La sensazione di essere innamorati è simile a una situazione di stress. Il corpo produce più adrenalina, l'ormone dello stress, che aumenta il flusso di sangue al cuore e diminuisce il flusso di sangue allo stomaco [8].

Cos'è l'asse intestino-cervello?

Il cervello è in così stretto contatto con nessun altro organo come con l'intestino. L'intestino è più loquace del cervello. Così, il 90% delle informazioni proviene dall'intestino. La comunicazione tra il cervello e l'intestino passa attraverso il nervo vago. Il nervo vago è coinvolto nella regolazione della frequenza cardiaca, della pressione sanguigna, della funzione immunitaria e dei livelli ormonali [9].

Esempio lampante della connessione intestino-cervello: quando si mangia qualcosa di avariato, l'intestino si accorge che le tossine entrano nel corpo. Suona l'allarme e invia stimoli al cervello. Il cervello ti segnala la nausea e ti prepara a vomitare [10].

Emozioni e intestino - Quando la paura si diffonde nell'intestino

I ricercatori hanno anche osservato che le persone che hanno subito gravi traumi psicologici soffrono di disturbi intestinali senza cause organiche.

La teoria del cancello (Open Gate Theory) - sovraccarico di stimoli: la teoria presuppone che solo certe informazioni raggiungano il cervello dall'intestino. Le informazioni irrilevanti sono normalmente filtrate dal cervello. In alcune persone, tuttavia, questo meccanismo è difettoso. Il cervello viene nutrito con troppe informazioni in una volta sola e viene sopraffatto. Sempre più spesso, i pensieri sulla digestione diventano prevalenti nella mente [11].

L'influenza della flora intestinale sulla mente

Il cervello è considerato il luogo dove nascono i sentimenti. Ma gli abitanti del nostro intestino, i batteri intestinali, probabilmente hanno anche qualcosa da dire al riguardo. I batteri dovrebbero comunicare tra loro e secernere proteine che raggiungono il cervello. In questo modo, possono probabilmente influenzare i sentimenti di una persona.

Gli scienziati dell'Università della California hanno scoperto, sulla base di campioni di feci e di esami psicologici, che certi ceppi di batteri possono avere un effetto sul comportamento e sull'umore di una persona. I soggetti il cui campione di feci conteneva il ceppo batterico Prevotella tendevano ad avere più emozioni negative. Si pensa che il ceppo batterico Bacterioids abbia l'effetto opposto nell'uomo. Gli scienziati sono così giunti all'ipotesi che diversi ceppi batterici hanno un effetto su diverse aree del cervello e quindi sulle emozioni [12].

Conoscenze attuali basate su studi sui topi:

  • I batteri del genere Lactobacillus hanno stimolato il nervo vago in uno studio sui roditori, che ha aumentato i livelli di GABA. GABA è un aminoacido che rilassa e calma il corpo [13].
  • Un altro studio ha esaminato un gruppo di topi cresciuti in un ambiente privo di batteri e un altro esposto ai batteri. Il risultato: il primo gruppo di topi ha mostrato meno segni di ansia. Dopo essere entrati in contatto con i batteri, però, sono diventati più ansiosi dopo un po' [14].
  •  Alla McMaster University in Canada, è stato eseguito un trapianto di feci sui topi. Le feci dei topi avventurosi sono state trapiantate in topi che mostravano tratti timidi. Dopo un periodo di tempo, questi topi hanno mostrato molta più curiosità per l'ambiente circostante [15].

In poche parole, gli scienziati hanno condotto studi sui topi per indagare come la composizione della flora intestinale sia legata alle emozioni. I ricercatori sospettano che i batteri intestinali possano avere un effetto sul comportamento e sulle emozioni. Non è ancora possibile dire se questi risultati possono essere trasferiti agli esseri umani [16].

Cosa influenza la flora intestinale

Lo stress e i sentimenti come l'ansia non sono graditi ai batteri intestinali. L'ansia può portare a problemi intestinali, che a loro volta aumentano l'ansia. Una dieta malsana che è dannosa per la salute dell'intestino o una terapia con antibiotici può anche far si che la flora intestinale vada in tilt. Per esempio, una dieta ad alto contenuto di grassi può aumentare i sentimenti di ansia o addirittura portare a stati d'animo depressivi. I cosiddetti probiotici, batteri intestinali sani provenienti dal cibo, possono contrastare questo [9]. Perché e come esattamente i batteri intestinali e la psiche siano collegati non è ancora chiaro.

Intestino irritabile e malattia mentale

La ricerca attuale suggerisce che una composizione sfavorevole della flora intestinale può portare alla malattia mentale, e che certe emozioni possono a loro volta innescare disturbi intestinali. I medici osservano sempre più spesso che le persone che soffrono di autismo o di depressione soffrono anche di problemi intestinali [17, 18]. Nelle persone con il morbo di Parkinson, i medici sono stati in grado di determinare una scarsa composizione della flora intestinale sulla base di campioni di feci  [19].

Cos'è la sindrome dell'intestino irritabile?

La sindrome dell'intestino irritabile descrive i disturbi del tratto gastrointestinale che non hanno una causa apparente. Il dieci per cento della popolazione mondiale, soprattutto donne, è tormentato da problemi intestinali inspiegabili. I ricercatori della McMaster University in Canada suppongono che eventi psicologici come la depressione, l'ansia e lo stress costante favoriscano la sindrome dell'intestino irritabile. Nella sindrome dell'intestino irritabile, la comunicazione tra il cervello e l'intestino è disturbata [20–22].

I medici raccomandano alle persone con la sindrome dell'intestino irritabile di eseguire tecniche di rilassamento per ridurre lo stress e quindi alleviare i loro sintomi [21, 23]. Gli studi hanno dimostrato che anche l'esercizio fisico aiuta i malati [24].

Sindrome dell'intestino irritabile ed emozioni

Coloro che soffrono della sindrome dell'intestino irritabile si dice siano più sensibili emotivamente, secondo i risultati attuali. Inoltre, la sindrome dell'intestino irritabile si verifica in concomitanza con la depressione o i disturbi d'ansia. Allo stesso modo, anche le persone con depressione o disturbi d'ansia possono sviluppare la sindrome dell'intestino irritabile [15].

Intestino e sentimenti in sintesi

Come è strutturato il cervello?

Il cervello può essere diviso in quattro regioni principali: Cerebrum, Diencephalon, Brainstem e Cerebellum.

Come influiscono i sentimenti sul nostro corpo?

Gli esseri umani possono provare 27 sentimenti. Ogni sensazione può avere un effetto fisiologico sul nostro corpo. Certi sentimenti ci fanno tremare, i muscoli si tendono o la frequenza cardiaca aumenta.

Come avviene la comunicazione tra cervello e intestino?

L'intestino è l'unico organo che può funzionare indipendentemente dal cervello. Entrambi comunicano attraverso il nervo vago.

Qual è la connessione tra cervello e intestino?

Lo stress e i sentimenti come l'ansia portano a problemi intestinali e viceversa. Studi sui roditori hanno suggerito che la composizione dei batteri intestinali può influenzare il comportamento, l'umore e la comparsa di disturbi neurologici.

Una dieta malsana, lo stress e gli antibiotici possono anche influenzare la flora intestinale, che può aumentare i sentimenti di ansia.

Quali sono le cause della sindrome dell'intestino irritabile?

Si pensa che la sindrome dell'intestino irritabile sia causata da disturbi d'ansia e depressione.

Bibliografia

[1] Faller, Adolf; Schünke, Michael, Der Körper des Menschen - Einführung in Bau und Funktion, 17. Aufl. Thieme, 2016.

[2] „Corrections to a paper on race and sex differences in brain size and intelligence“, ResearchGate. https://www.researchgate.net/publication/222481902_Corrections_to_a_paper_on_race_and_sex_differences_in_brain_size_and_intelligence (zugegriffen Dez. 11, 2018).

[3] „DasGehirn_Aufbau_und_Funktion.pdf“. Zugegriffen: Dez. 11, 2018. [Online]. Verfügbar unter: http://www.ratgeber-neuropsychologie.de/gehirn/DasGehirn_Aufbau_und_Funktion.pdf.

[4] „Pschyrembel Online | limbisches System“. https://www.pschyrembel.de/limbisches%20System/K0M56/doc/ (zugegriffen Dez. 11, 2018).

[5] A. S. Cowen und D. Keltner, „Self-report captures 27 distinct categories of emotion bridged by continuous gradients“, PNAS, S. 201702247, Aug. 2017, doi: 10.1073/pnas.1702247114.

[6] „Die menschlichen Emotionen - Ein Überblick“. http://arbeitsblaetter.stangl-taller.at/EMOTION/ (zugegriffen Dez. 10, 2018).

[7] A. Hadhazy, „Think Twice: How the Gut’s ‚Second Brain‘ Influences Mood and Well-Being“, Scientific American. https://www.scientificamerican.com/article/gut-second-brain/ (zugegriffen Dez. 10, 2018).

[8] „Why do you get butterflies in your stomach?“, Mai 10, 2010.

[9] N. News, „Some Gut Feelings Are A Red Flag“, Neuroscience News, März 21, 2018. https://neurosciencenews.com/gut-emotion-behavior-8682/ (zugegriffen Dez. 10, 2018).

[10] „Neurologie: Wie der Bauch den Kopf bestimmt“, geo. http://www.geo.de/GEO/mensch/medizin/neurologie-wie-der-bauch-den-kopf-bestimmt-686.html (zugegriffen Dez. 11, 2018).

[11] D. Y. Inspector, „The surprising way emotions can affect your gut health“, Netdoctor, Aug. 10, 2018. http://www.netdoctor.co.uk/healthy-living/wellbeing/a27361/the-surprising-way-your-emotions-can-affect-your-gut/ (zugegriffen Dez. 11, 2018).

[12] „Bacteria In Your Gut Seriously Alter Your Behavior And Emotions, Study Finds“, IFLScience. https://www.iflscience.com/health-and-medicine/gut-microbes-strongly-influence-emotional-behaviors/ (zugegriffen Dez. 10, 2018).

[13] J. A. Bravo u. a., „Ingestion of Lactobacillus strain regulates emotional behavior and central GABA receptor expression in a mouse via the vagus nerve“, PNAS, Bd. 108, Nr. 38, S. 16050–16055, Sep. 2011, doi: 10.1073/pnas.1102999108.

[14] „Our Gut Microbes Influence How We Respond To Fear“, IFLScience. https://www.iflscience.com/health-and-medicine/gut-microbes-influence-respond-fear/ (zugegriffen Dez. 10, 2018).

[15] P. Bercik u. a., „The Intestinal Microbiota Affect Central Levels of Brain-Derived Neurotropic Factor and Behavior in Mice“, Gastroenterology, Bd. 141, Nr. 2, S. 599-609.e3, Aug. 2011, doi: 10.1053/j.gastro.2011.04.052.

[16] D. Ä. G. Ärzteblatt Redaktion Deutsches, „Mikrobiom: Wie der Darm Emotionen beeinflussen könnte“, Deutsches Ärzteblatt, Juni 30, 2017. https://www.aerzteblatt.de/nachrichten/76680/Mikrobiom-Wie-der-Darm-Emotionen-beeinflussen-koennte (zugegriffen Dez. 10, 2018).

[17] C. G. M. de Theije u. a., „Pathways underlying the gut-to-brain connection in autism spectrum disorders as future targets for disease management“, Eur. J. Pharmacol., Bd. 668 Suppl 1, S. S70-80, Sep. 2011, doi: 10.1016/j.ejphar.2011.07.013.

[18] J. B. Adams, L. J. Johansen, L. D. Powell, D. Quig, und R. A. Rubin, „Gastrointestinal flora and gastrointestinal status in children with autism--comparisons to typical children and correlation with autism severity“, BMC Gastroenterol, Bd. 11, S. 22, März 2011, doi: 10.1186/1471-230X-11-22.

[19] „Bauchhirn: »Eine psychische Störung beginnt im Darm«“. https://www.spektrum.de/news/eine-psychische-stoerung-beginnt-im-darm/1532597 (zugegriffen Dez. 10, 2018).

[20] J. K. Marshall u. a., „Eight year prognosis of postinfectious irritable bowel syndrome following waterborne bacterial dysentery“, Gut, Bd. 59, Nr. 5, S. 605–611, Mai 2010, doi: 10.1136/gut.2009.202234.

[21] „Pschyrembel Online | Reizdarmsyndrom“. https://www.pschyrembel.de/Reizdarmsyndrom/K0JMD (zugegriffen Dez. 11, 2018).

[22] „Irritable bowel syndrome - Symptoms and causes“, Mayo Clinic. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/irritable-bowel-syndrome/symptoms-causes/syc-20360016 (zugegriffen Dez. 11, 2018).

[23] R. N. P. ~ 2 min read, „Psychological Trauma Tied to Irritable Bowel Syndrome“, Nov. 01, 2011. https://psychcentral.com/news/2011/11/01/psychological-trauma-tied-to-irritable-bowel-syndrome/30933.html (zugegriffen Dez. 11, 2018).

[24] E. Johannesson, M. Simrén, H. Strid, A. Bajor, und R. Sadik, „Physical activity improves symptoms in irritable bowel syndrome: a randomized controlled trial“, Am. J. Gastroenterol., Bd. 106, Nr. 5, S. 915–922, Mai 2011, doi: 10.1038/ajg.2010.480.

Vuoi capire meglio il tuo corpo?

Misurando i tuoi parametri di salute, ricevi informazioni preziose sul potenziale del tuo corpo. A questo scopo, abbiamo sviluppato i kit cerascreen® per la raccolta e l'invio del campione da parte dell'utente finale. Facili e veloci da usare a casa e da rimandare gratuitamente al nostro laboratorio specializzato!
I nostri test sulla salute

Ci presentiamo

Vogliamo aiutare i nostri clienti a vivere una vita più sana. Per fare questo, lavoriamo con scienziati, medici ed ecotrofologi per sviluppare test che aiutano a capire meglio i sintomi del corpo.
Per saperne di più

Informazioni gratuite sulla salute

Iscriviti ora alla nostra newsletter e ricevi informazioni sulle ultime novità in materia di salute e nutrizione. Inoltre, ti daremo consigli sui prodotti e ti terremo aggiornato sulle promozioni del nostro negozio. Ottieni uno sconto di 5€ con l'iscrizione alla nostra newsletter.
Registrati ora
Contenuto