Allergia alla polvere di casa - sintomi, test e rimedi


Gli acari vivono nella biancheria da letto, scatenano le allergie attraverso la polvere di casa e possono quindi causare l'asma. Chi è allergico può spesso adottare alcune semplici misure quotidiane.

Non sei mai solo nel tuo letto - perché i microscopici piccoli aracnidi, gli acari della polvere di casa, vi si aggirano sempre. Gli acari della polvere causano allergie in molte persone e si trovano in ogni casa e in ogni letto senza eccezione.

Ma non c'è motivo di disperare: le giuste misure nella vita quotidiana possono aiutare.

    Cosa sono gli acari della polvere?

    13 diversi tipi di acari vivono nella polvere delle nostre case e appartamenti - e sono quindi chiamati acari della polvere di casa. Sono aracnidi a otto zampe di dimensioni fino a 0,5 millimetri, che non possiamo vedere a occhio nudo. Si nutrono principalmente di scaglie di pelle e muffa e preferiscono stare in cuscini, coperte, materassi e tappezzeria. Ci possono essere fino a dieci milioni di acari della polvere in un letto [2, 3].

    Buono a sapersi: gli acari della polvere di casa non hanno nulla a che fare con una casa sporca o poco igienica. Gli animaletti si trovano in ogni casa. Tuttavia, se arieggi molto la tua casa e lavi frequentemente la tua biancheria da letto, puoi ridurre significativamente il loro numero.

    Dove vivono gli acari della polvere di casa?

    Il clima preferito dagli acari della polvere: da 25 a 30 gradi Celsius e oltre 70 gradi di umidità. Se è caldo e umido, gli acari sono attivi e si riproducono rapidamente. Dato che noi esseri umani emettiamo calore e umidità quando dormiamo, creiamo l'habitat ideale per gli acari tra la coperta e il materasso.

    D'altra parte, gli aracnidi odiano i climi freddi e secchi. Più fa freddo, più lentamente si riproducono. Se l'umidità è inferiore al 50%, gli acari perdono troppi liquidi e muoiono[4]. Tuttavia, le allergie sono spesso particolarmente gravi quando in autunno iniziamo ad accendere il riscaldamento e l'aria diventa più secca - perché gli acari morti si decompongono e si mescolano con i loro allergeni nella polvere [5]. E anche se le temperature esterne in inverno sono troppo basse per gli acari, essi possono andare in letargo nei nostri materassi [6, 7].

    Non ci sono acari della polvere in montagna?

    Per molto tempo si è detto che gli acari della polvere difficilmente si presentano al di sopra dei 1.200-1.800 metri di altitudine. Tuttavia, uno studio del 2016 suggerisce che gli acari della polvere possono prosperare ad alta quota - il fattore decisivo non è l'altitudine, ma la temperatura e l'umidità del materasso. Secondo i ricercatori, i cambiamenti climatici e gli edifici meglio isolati e riscaldati hanno migliorato le condizioni per gli acari anche ad alta quota nelle alpi.

    Tuttavia, gli studi suggeriscono che l'aria d'alta quota è buona per i pazienti allergici e asmatici, in parte perché c'è meno polline e spore di funghi e polvere. Inoltre, la radiazione UV è più intensa, il che rafforza il sistema immunitario e stimola la produzione di vitamina D [8–10].

    Origine dell'allergia alla polvere di casa

    L'allergia alla polvere di casa è un'allergia di tipo I. In un'allergia di tipo immediato il nostro corpo classifica le proteine innocue, chiamate allergeni, come pericolose. Tali allergeni si trovano negli escrementi degli acari della polvere di casa. In un grammo di polvere si possono trovare fino a 250.000 palline di escrementi. Non c'è da stupirsi che le allergie agli acari siano così comuni[1].

    Come si sviluppa un'allergia alla polvere?

    In caso di allergia, il nostro corpo produce anticorpi IgE specifici, che sono lì per combattere gli allergeni negli escrementi dell'acaro della polvere di casa. Questo fa sì che le cellule del corpo rilascino sostanze messaggere, soprattutto istamina, quando incontriamo gli escrementi dell'acaro. Queste sostanze messaggere innescano reazioni infiammatorie che sono accompagnate dai tipici sintomi come starnuti e prurito agli occhi[3, 11].

    Chi sviluppa un'allergia alla polvere?

    I ricercatori hanno riconosciuto che i genitori di allergici alla polvere di casa spesso soffrono anche di allergie, come la febbre da fieno. Quindi la tendenza alle allergie sembra essere ereditaria. Se tu stesso hai delle allergie, vale la pena prestare maggiore attenzione se i tuoi figli hanno i sintomi di un'allergia alla polvere di casa [12, 13]

    Lo sapevi? La gente era già consapevole nel 17° secolo che la polvere di casa può scatenare la rinite allergica. Ma fu solo nel 1964 che i ricercatori trovarono gli acari nella polvere di casa e sospettarono che fossero i colpevoli [14].

    Allergia alla polvere e asma allergica

    Se tu, in quanto soggetto allergico, entri ripetutamente in contatto con un gran numero di acari della polvere di casa, i sintomi possono peggiorare nel tempo. La mucosa nasale può diventare permanentemente infiammata, il che è accompagnata da prurito e un naso costantemente tappato. Inoltre, i sintomi possono diffondersi al tratto respiratorio inferiore.

    In questo caso, può svilupparsi l’asma allergica. Gli acari della polvere di casa sono considerati uno dei fattori scatenanti più comuni per questo tipo di asma, insieme al polline e alle allergie ai peli di animali [16].

    Allergia alla polvere: sintomi e test

    I soggetti allergici reagiscono alla polvere di casa soprattutto di notte e al mattino quando sono a letto tra gli allergeni. Anche se si solleva la polvere quando si passa l'aspirapolvere o si pulisce, si può provare fastidio.

    Quali sono i sintomi dell'allergia alla polvere di casa?

    I sintomi tipici dell'allergia alla polvere di casa sono[5, 15]:

    • naso chiuso, rinite acquosa e attacchi di starnuti
    • occhi acquosi e pruriginosi
    • più raramente: prurito e arrossamento della pelle, scatenando una riacutizzazione della neurodermite

    Come viene verificata l'allergia alla polvere?

    Se sospetti che tu o tuo figlio siate allergici alla polvere di casa, puoi verificarlo in diversi modi. Specialisti in allergologia, spesso pediatri, eseguono un prick test. Questo comporta che un medico gratti una soluzione contenente l'allergene nella pelle, di solito sul braccio o sulla schiena, e controlli il rossore e il gonfiore come risultato [17].

    Sono possibili anche esami del sangue. Puoi chiedere al tuo medico un esame del sangue o eseguire un autotest a casa, come il Test Allergia Polvere cerascreen®.

    Il prick test e l'esame del sangue ti dicono se il tuo corpo forma più anticorpi IgE a contatto con gli allergeni degli acari della polvere di casa. I medici si riferiscono a questo come sensibilizzazione all'allergene [13, 14].

    Tuttavia, la sensibilizzazione non significa che si sente realmente una malattia allergica con i sintomi corrispondenti. I medici possono essere sicuri con un test di provocazione, in cui l'allergene viene messo nel naso o nei polmoni sotto osservazione medica. I medici misurano poi, tra le altre cose, quanto si gonfiano le mucose nasali e se cambia il volume dell'aria che si respira dentro e fuori[18].

    Allergie crociate in caso di allergia alla polvere di casa: se sei allergico agli acari della polvere, c'è una possibilità relativamente alta che tu reagisca anche a molluschi e crostacei - per esempio, se mangi gamberi, granchi, aragoste o cozze. Colpevoli sono le proteine negli animali che sono simili agli allergeni degli acari. I medici parlano in tal caso di un'allergia crociata[19–21].

    Allergia alla polvere – Terapia

    La terapia di gran lunga più efficace contro i sintomi dell'allergia alla polvere di casa è ridurre il numero di acari della polvere di casa, come farlo, lo imparerai qui di seguito nei nostri 12 consigli.

    Quali farmaci aiutano contro l'allergia alla polvere di casa?

    Per alleviare i sintomi, si possono anche usare sciacqui nasali e farmaci. Le compresse antistaminiche e gli spray con glucocorticoidi sono la scelta abituale, ed è possibile ottenere in farmacia alcuni di questi farmaci per l'allergia. Tuttavia, questi farmaci non sono adatti all'uso a lungo termine.

    Immunoterapia per l'allergia alla polvere di casa

    Poiché le allergie alla polvere di casa si verificano durante tutto l'anno, è necessaria una soluzione permanente per le persone con allergie gravi. Se arieggiare e lavare la biancheria da letto non è sufficiente a ridurre il numero di acari, l'immunoterapia può aiutare.

    In questa terapia, chiamata anche iposensibilizzazione, i medici somministrano ripetutamente l'allergene, in dosi crescenti, per almeno due anni. Questo viene fatto o iniettando l'allergene nella pelle o dando compresse o gocce sotto la lingua.

    In molti casi, il sistema immunitario si abitua all'allergene attraverso l'immunoterapia e i sintomi diminuiscono. La ricerca medica degli ultimi anni ha suggerito che le immunoterapie per l'allergia alla polvere di casa possono anche aiutare contro l'asma allergica [14, 22, 23].

    Consigli per chi è allergico alla polvere

    Se sei allergico agli acari della polvere, la prima cosa da fare è cercare di rendere la vita difficile a queste piccole creature, soprattutto in camera da letto. I seguenti consigli ti aiuteranno a ridurre il carico di allergeni per te o per i tuoi figli [15, 24–26].

    12 consigli per ridurre gli acari della polvere

    1. Ventila molto! Arieggiare il letto più volte al giorno assicura aria fresca, che assorbe l'umidità dal letto.

    2. Dota il tuo materasso di una copertura speciale, un involucro. Questa biancheria da letto per allergie evita che gli allergeni degli acari della polvere si accumulino nel materasso. Puoi lavare le fodere in umido quando cambi le lenzuola, e lavarle frequentemente.

    3. Un letto ad acqua è una buona alternativa per chi soffre di allergie: la forfora non può accumularsi nel materasso, inoltre i letti ad acqua sono facili da pulire.

    4. Compra biancheria da letto di cotone e arieggiala quotidianamente.

    5. Lava la biancheria da letto ogni una o due settimane a 60 gradi.

    6. Non rifare il letto. Sentito bene: in un letto fatto e coperto, il calore e il liquido hanno più difficoltà a fuoriuscire dal materasso.

    7. Altri tessuti nella stanza, come cuscini, coperte e tende, vanno messi in lavatrice a 60 gradi almeno ogni tre mesi.

    8. Sbarazzati del materiale superfluo nella camera da letto su cui gli acari possono stabilirsi - come mobili imbottiti, cuscini decorativi e animali impagliati.

    9. Se il tuo peluche preferito deve stare a letto con te, dovresti lavarlo regolarmente a 60 gradi. Se questo non è possibile, mettilo nel congelatore per 24 ore - questo uccide anche gli acari.

    10. Non mettere piante in camera da letto - aumentano l'umidità.

    11. Gli animali domestici, come noi umani, spargono la forfora, che serve come cibo per gli acari. Tienili fuori dalla camera da letto, se possibile.

    12. Lascia l'aspirapolvere a qualcuno che non è allergico agli acari della polvere e prendi un’aspirapolvere con un filtro per polveri sottili.

      Questi consigli sono utili solo per le persone che sono allergiche alla polvere di casa. Coloro che non hanno un'allergia probabilmente non saranno in grado di prevenire lo sviluppo di un'allergia in futuro con queste misure[28].

      In sintesi

      Cosa causa l'allergia alla polvere di casa?

      Chi soffre di allergia alla polvere di casa reagisce agli escrementi degli acari della polvere di casa, che si mischiano alla polvere. Gli acari della polvere di casa preferiscono vivere nei nostri letti, dove si nutrono di scaglie di pelle e si sentono a casa nei climi umidi e caldi. Le condizioni di siccità e di freddo sono dannose per gli acari.

      Quali sono i sintomi di un'allergia alla polvere di casa?

      L'allergia alla polvere di casa si manifesta principalmente al mattino con gli starnuti e il prurito agli occhi. Raramente, c'è rossore e prurito sulla pelle. Per chi soffre di neurodermite, l'allergia alla polvere di casa può scatenare una ricaduta della malattia.

      Cosa posso fare contro l'allergia alla polvere di casa?

      La misura più efficace è quella di ridurre il numero di acari nella camera da letto, soprattutto attraverso un'ampia aerazione e il lavaggio della biancheria da letto a 60 gradi almeno ogni due settimane. Se non aiuta agire contro gli acari in casa, l'immunoterapia può alleviare i sintomi.


      Bibliografia

      [1] forsa Gesellschaft für Sozialforschung und statistische Analysen mbH, „Allergien - Ergebnisse einer telefonischen Repräsentativbefragung“, Feb. 2012.

      [2] M. J. Colloff, „Taxonomy and identification of dust mites“, Allergy, Bd. 53, Nr. s48, S. 7–12, doi: 10.1111/j.1398-9995.1998.tb04989.x.

      [3] Helmholtz Zentrum München - Allergieinformationsdienst, „Hausstaubmilbenallergie: Grundlagen“, Allergieinformationsdienst. [Online]. Verfügbar unter: https://www.allergieinformationsdienst.de/krankheitsbilder/hausstaubmilbenallergie/grundlagen.html. [Zugegriffen: 29-Aug-2018].

      [4] J. Korsgaard, „Epidemiology of house-dust mites“, Allergy, Bd. 53, Nr. 48 Suppl, S. 36–40, 1998.

      [5] Helmholtz Zentrum München - Allergieinformationsdienst, „Hausstaubmilbenallergie - Symptome“, Allergieinformationsdienst. [Online]. Verfügbar unter: https://www.allergieinformationsdienst.de/krankheitsbilder/hausstaubmilbenallergie/symptome.html. [Zugegriffen: 24-Aug-2018].

      [6] R. de Boer und K. Kuller, „Mattresses as a winter refuge for house-dust mite populations“, Allergy, Bd. 52, Nr. 3, S. 299–305, März 1997, doi: 10.1111/j.1398-9995.1997.tb00994.x.

      [7] U. Gehring, B. Brunekreef, B. Fahlbusch, H.-E. Wichmann, J. Heinrich, und the INGA study group, „Are house dust mite allergen levels influenced by cold winter weather?“, Allergy, Bd. 60, Nr. 8, S. 1079–1082, Aug. 2005, doi: 10.1111/j.1398-9995.2005.00872.x.

      [8] C. Grafetstätter u. a., „No Concentration Decrease of House Dust Mite Allergens With Rising Altitude in Alpine Regions“, Allergy Asthma Immunol. Res., Bd. 8, Nr. 4, S. 312–318, Juli 2016, doi: 10.4168/aair.2016.8.4.312.

      [9] L. H. Rijssenbeek-Nouwens, K. B. Fieten, A. O. Bron, E. J. Weersink, P. J. Sterk, und E. H. Bel, „Clinical Improvement In Patients With Severe Asthma At High Altitude Occurs Irrespective Of Allergy To House Dust Mite“, in D21. ASTHMA THERAPY: NEW TARGETS, NEW TRICKS, 2010, S. A5416–A5416, doi: 10.1164/ajrccm-conference.2010.181.1_MeetingAbstracts.A5416.

      [10] F. Th. M. Spieksma, P. Zuidema, und M. J. Leupen, „High Altitude and House-dust Mites“, Br. Med. J., Bd. 1, Nr. 5740, S. 82–84, Jan. 1971.

      [11] E. R. Tovey, M. D. Chapman, und T. a. E. Platts-Mills, „Mite faeces are a major source of house dust allergens“, Nature, Bd. 289, Nr. 5798, S. 592–593, Feb. 1981, doi: 10.1038/289592a0.

      [12] D. Posa u. a., „Evolution and predictive value of IgE responses toward a comprehensive panel of house dust mite allergens during the first 2 decades of life“, J. Allergy Clin. Immunol., Bd. 139, Nr. 2, S. 541-549.e8, Feb. 2017, doi: 10.1016/j.jaci.2016.08.014.

      [13] M. Haftenberger u. a., „Prävalenz von Sensibilisierungen gegen Inhalations- und Nahrungsmittelallergene“, Bundesgesundheitsblatt - Gesundheitsforschung - Gesundheitsschutz, Bd. 56, Nr. 5, S. 687–697, Mai 2013, doi: 10.1007/s00103-012-1658-1.

      [14] M. Raulf u. a., „Mites and other indoor allergens — from exposure to sensitization and treatment“, Allergo J. Int., Bd. 24, Nr. 3, S. 68–80, 2015, doi: 10.1007/s40629-015-0049-1.

      [15] R. Buhl und et al., „S2k-Leitlinie zur Diagnostik und Therapie von Patienten mit Asthma“, Pneumologie, Bd. 71, Nr. 12, S. 849–919, Dez. 2017, doi: 10.1055/s-0043-119504.

      [16] European Centre for Allergy Research Foundation, „Hausstaubmilbenallergie“, ECARF. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ecarf.org/info-portal/allergien/hausstaubmilbenallergie/. [Zugegriffen: 24-Aug-2018].

      [17] F. Ruëff und et al., „Hauttests zur Diagnostik von allergischen Soforttypreaktionen Leitlinie der Deutschen Gesellschaft für Allergologie und klinische Immunologie (DGAKI)“, Allergo J 2010, Nr. 19, S. 402–15, 2009.

      [18] L. Klimek und et al., „Diagnostik und Therapie der Milbenallergie“, Allergologie, Bd. 38, Nr. 2, S. 70–82, 2015.

      [19] „Krebs- und Weichtierallergie“, ECARF. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ecarf.org/info-portal/allergien/krebs-und-weichtierallergie/. [Zugegriffen: 24-Aug-2018].

      [20] S. Becker, M. Gröger, M. Canis, E. Pfrogner, und M. F. Kramer, „Tropomyosin sensitization in house dust mite allergic patients“, Eur. Arch. Oto-Rhino-Laryngol. Off. J. Eur. Fed. Oto-Rhino-Laryngol. Soc. EUFOS Affil. Ger. Soc. Oto-Rhino-Laryngol. - Head Neck Surg., Bd. 269, Nr. 4, S. 1291–1296, Apr. 2012, doi: 10.1007/s00405-011-1826-1.

      [21] L. Rosenfield, M. W. Tsoulis, K. Milio, M. Schnittke, und H. Kim, „High rate of house dust mite sensitization in a shrimp allergic southern Ontario population“, Allergy Asthma Clin. Immunol. Off. J. Can. Soc. Allergy Clin. Immunol., Bd. 13, Jan. 2017, doi: 10.1186/s13223-017-0177-x.

      [22] O. Pfaar und et al, „Guideline on allergen-specific immunotherapy in IgE-mediated allergic diseases: S2k Guideline“, Allergo J. Int., Bd. 23, Nr. 8, S. 282–319, 2014, doi: 10.1007/s40629-014-0032-2.

      [23] J. C. Virchow u. a., „Efficacy of a House Dust Mite Sublingual Allergen Immunotherapy Tablet in Adults With Allergic Asthma: A Randomized Clinical Trial“, JAMA, Bd. 315, Nr. 16, S. 1715–1725, Apr. 2016, doi: 10.1001/jama.2016.3964.

      [24] „Hausstaubmilbenallergie: DAAB“. [Online]. Verfügbar unter: http://www.daab.de/allergien/hausstaubmilbenallergie/. [Zugegriffen: 23-Aug-2018].

      [25] Lungenärzte im Netz, „Hausstaubmilbenallergie » Vorbeugung“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.lungenaerzte-im-netz.de/krankheiten/hausstaubmilbenallergie/vorbeugung/. [Zugegriffen: 24-Aug-2018].

      [26] E. Hasselaar und J. T. van Ginkel, „The healthy bedroom“, Proc. 2nd WHO Int. Hous. Health Symp. 336-344, 2004.

      [27] Öko-Test, „13 Milbensprays im Test“, Oekotest.de. [Online]. Verfügbar unter: https://www.oekotest.de/gesundheit-medikamente/13-Milbensprays-im-Test_110284_1.html. [Zugegriffen: 12-Sep-2018].

      [28] T. Schäfer und et al., „S3-Leitlinie Allergieprävention“, Allergo J., Bd. 23, Nr. 6, S. 32–47, Okt. 2014, doi: 10.1007/s15007-014-0635-4.

      "
      Contenuto