La vitamina del sole

In tutto il mondo, un miliardo di persone soffre di carenza di vitamina D. È possibile assumere una quantità sufficiente di questa importante vitamina solamente esponendosi in maniera sufficiente alla luce solare, oppure consumando una quantità sufficiente di preparati.

Caduta di capelli, depressione, stanchezza, malattie cutanee, cancro: la lista dei problemi di salute ritenuti connessi con la vitamina D è lunga. Secondo alcuni studi, la vitamina D svolge un ruolo importante in numerosi processi corporei. Influisce sulle ossa, i muscoli, il sistema immunitario, i vasi sanguigni e molto altro. Questo ha comportato, inoltre, che quello della vitamina D sia stato negli scorsi anni un tema di grande rilevanza non solo tra scienziati e dottori, ma anche nei media, nei settimanali, nelle trasmissioni televisive e nei social media.

Nonostante la sua presenza mediatica e la nuova fama della vitamina D, solo pochi riescono ad assumerne abbastanza. Secondo alcune stime, al mondo sono un miliardo le persone che non assumono una quantità sufficiente di questa vitamina del sole. In Germania, secondo l’istituto Robert Koch, il 60 percento della popolazione non ha abbastanza vitamina D[1].

In questo articolo scoprirete cosa è possibile fare con test, bagni di sole e preparati per assumere una quantità ottimale di vitamina D e cosa può fare il vostro corpo con la vitamina del sole. Spiegheremo come si manifesta una carenza o un’overdose da vitamina D e con quali malattie viene associata la carenza di vitamina D.

Cos’è la vitamina D?

La vitamin D è una vitamina liposolubile. Gli esperti, però, la definiscono anche un ormone, poiché agisce in maniera simile a un ormone e non la assumiamo prevalentemente tramite l’alimentazione, come avviene generalmente con le vitamine. È invece il nostro corpo a produrre da solo la vitamina D, ma per farlo necessita dei raggi solari UV. Le due forme più importanti di vitamina D sono la vitamina D₂ (ergocalciferolo) e la vitamin D₃ (colecalciferolo), chiamata anche 25-(OH)-D [2].

Quali funzioni svolge la vitamina D nel corpo?

La vitamina del sole è coinvolta in diversi processi corporei, anche per la sua doppia funzione di vitamina e ormone. Tra i suoi compiti principali ci sono il metabolismo delle ossae lo sviluppo e funzionamento della nostra muscolatura . Inoltre, la vitamina D supporta il sistema immunitario e protegge i vasi sanguigni[2].

Tra gli altri compiti della vitamina D ci sono:

  • controlla l’assimilazione di calcio e fosfato nell’intestino tenue.
  • regola più di 200 geni.
  • ha un effetto positivo sul funzionamento del muscolo cardiaco.
  • abbassa la pressione sanguigna.
  • è determinate per lo sviluppo delle ossa dei bambini.

Vitamin D: effetti sul corpo

Apporto di vitamina D

La vitamina D non per niente viene chiamata vitamina del sole : il nostro corpo per produrla ha bisogno della luce del sole, e in particolare dei raggi UVB. In un primo momento, si produce il precursore 7-deidrocolesterolo, che si forma con l’aiuto del colesterolo nel fegato e nella mucosa intestinale, per poi tornare alla cute. Ed è qui che, a questo punto, si può sviluppare la forma attiva della vitamina, ovvero la vitamina D3, che si trasforma a sua volta in 25-idrossicolecalciferolo (25-OH-D) la forma nella quale si accumula la vitamina D, che viene poi assorbita dalla muscolatura e dal tessuto adiposo. Nel rene, la 25-OH-D diventa attiva e si trasforma in 1,25-(OH)2-D, che, tramite il sangue, giunge all’intestino, alle ossa, ai muscoli, al sistema immunitario e alle cellule, dove può sprigionare il suo effetto[5].

Come assumiamo vitamina D tramite l’alimentazione?

L’intestino tenue assorbe fino all’80 percento della vitamina D3 liposolubile dal cibo[5]. Tuttavia, in questo modo, il corpo assorbe solo una minima parte di vitamina D. Tramite l’alimentazione, infatti, copriamo solo dal dieci al 20 percento circa del fabbisogno giornaliero. Ciò è dovuto, tra le altre cose, al fatto che pochi alimenti contengono vitamina D, e comunque solo in piccole quantità. La vitamina D3, importante per il corpo, è presente quasi esclusivamente in alimenti di origine animale, soprattutto in[2, 5]:

  • pesci grassi, come l’aringa normale o affumicata
  • margarina e burro
  • latte e tuorlo d’uovo

anche funghi e avocado contengono vitamina D, ma in una forma non facilmente assimilabile dal corpo. Bisognerebbe poi consumare una quantità cospicua di questi alimenti per raggiungere anche la dose minima giornaliera consigliata. Per raggiungere la dose consigliata dalla Società tedesca per la nutrizione, pari a 800 unità internazionali (UI), ovvero 20 microgrammi, ad esempio, avreste bisogno di 2400 grammi di funghi, quattro chili di fegato di manzo, quattro chili di burro o 80 uova[2].

Per dirla in breve: con la sola alimentazione non è possibile coprire l’intero fabbisogno giornaliero di vitamina D. La porzione maggiore deve essere prodotta da noi stessi e ciò non può avvenire senza la luce del sole.

Di quanta vitamina D ho bisogno?

Per quanto riguarda la vitamina D, si tratta di mantenere un livello sufficiente, un’affidabile dose giornaliera è difficile da stabilire, poiché, in base alla stagione, assumiamo quantità differenti di vitamina D. L’apporto di vitamina D può essere misurato al meglio nel sangue. È possibile far determinare il livello di 25-(OH)-D nel sangue, che verrà indicato, ad esempio, in nanogrammi per millilitro[34].

  • La maggior parte delle pubblicazioni presuppone che, un apporto superiore a 30 nanogrammi per millilitro di sangue sia sufficiente.
  • I valori al di sotto degli 11 nanogrammi per millilitro sono considerati critici e possono favorire malattie come la fragilità ossea.
  • Alcuni ricercatori sostengono, invece, che 60 nanogrammi per millilitro o più costituiscano una quantità appropriata per godere a pieno dei vantaggi apportati alla salute dalla vitamina del sole.

Come posso assumere una quantità sufficiente di vitamina D?

Fare il pieno di vitamina D sotto il sole

Il tempo che dobbiamo trascorrere al sole per poter produrre abbastanza vitamina D dipende da diversi fattori: in particolare, dalla nostra carnagione, dal grado di latitudine in cui viviamo, dal momento della giornata e dalla stagione. Secondo gli esperti, in estate, normalmente basta esporre dai dieci ai 20 minuti viso, mani e braccia ai raggi solari diretti per tre volte alla settimana.

Un esempio: Per poter produrre 400 UI di vitamina D, una persona dalla carnagione medio-chiara (fototipo che si abbronza lentamente e si scotta raramente), da aprile a ottobre, ad una latitudine di 42 gradi (ad esempio nella Francia meridionale) dovrebbe restare al sole di mezzogiorno da tre a otto minuti con un quarto di pelle libera (ad esempio braccia, viso e decolleté).

Per molte persone esporsi al sole in maniera sufficiente è già impossibile in estate e ancora più raramente riescono ad accumulare abbastanza riserve anche per l’inverno. In inverno, il sole splende raramente nelle latitudini più settentrionali e la sua luce contiene una quantità troppo bassa di raggi UVB. Perciò è praticamente impossibile produrre abbastanza vitamina D[1].

Ricercatori e società specializzate discutono quindi sulla quantità di vitamina D che dovremmo assumere tramite integratori alimentari, qualora non sia possibile ottenere un apporto sufficiente a causa della scarsa luce solare

Attenzione: non esagerate con l’esposizione al sole. Alcuni minuti senza protezione dai raggi UV sono ideali per l’apporto di vitamina D, ma un eccesso di luce solare diretta provoca scottature e aumenta il rischio di cancro.

Da cosa dipende la produzione di vitamina D?

I preparati di vitamina D?

La Società tedesca per la nutrizione (DGE) consiglia, in caso di scarsa luce solare, quindi normalmente da ottobre a febbraio, di assumere una quantità pari a 20 microgrammi al giorno, che corrispondono a 800 unità internazionali (UI)[6].

Alcuni studi dimostrano che questo valore della DGE è troppo basso. Un rapporto pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism sottolinea che, gli adulti con un’età compresa tra i 19 e i 50 anni necessitano di almeno 600 UE di vitamina D al giorno per mantenere le ossa sane e la funzione muscolare intatta. Per avere sempre abbastanza vitamina D nel sangue, sarebbe tuttavia consigliabile assumere1.500 - 2.000 UI al giorno tramite integratori alimentari. Se è già presente una carenza, i ricercatori affermano che, per un periodo breve e predeterminato, gli adulti potrebbero correggere il loro apporto di vitamina D con un massimo di 10.000 UI al giorno[7].

Vitamina D e vitamina K

Alla vitamina K viene attribuito un effetto benefico simile a quello della vitamina D. Sarebbe infatti responsabile per la prevenzione e il trattamento di malattie ossee e vascolari. In natura, la vitamina K1 è presente, ad esempio, nelle verdure verdi, la vitamina K2 viene invece prodotta dai batteri dell’intestino. Ad oggi non è ancora stato appurato quanta vitamina K ci serva esattamente[41].

Si legge sempre più spesso che l’assunzione di vitamina D potrebbe comportare una carenza di vitamina K , poiché entrambe le vitamine sono implicate nella formazione delle ossa e quindi si influenzerebbero a vicenda. Tuttavia, questa teoria non è scientificamente dimostrata[40]. Al momento, i medici consigliano l’assunzione congiunta di vitamina D e vitamina K soltanto come soluzione terapeutica di accompagnamento, per trattare in maniera mirata osteoporosi o fratture in persone anziane[41-43].

Attenzione: chi assume anticoagulanti dovrebbe assolutamente consultare il proprio medico prima di assumere preparati contenenti vitamina K. Questa vitamina, in combinazione con determinate medicine, può causare coaguli di sangue

Carenza di vitamina D

Secondo alcune stime, in tutto il mondo circa un milione di persone soffre dicarenza di vitamina D[9, 10]. Diversi studi hanno associato la carenza di vitamina D con malattie croniche, quali osteoporosi, diabete mellito, cancro, depressione, malattie cardiovascolari e immunodeficienze[14–17].

Quali sono le cause di una carenza di vitamina D?

Una scarsa quantità di vitamina D è dovuta principalmente al fatto che trascorriamo troppo poco tempo al sole. Mentre i nostri antenati sono stati per quasi tutta la storia dell’umanità all’aria aperta, noi passiamo la maggior parte del tempo in ambienti chiusi. A ciò si somma il fatto che copriamo il nostro corpo con gli abiti e lo proteggiamo con la crema solare. Tutto ciò fa sì che solo pochi raggi UVB, che il nostro corpo necessita per produrre vitamina D, raggiungano la pelle[19].

Buono a sapersi: Applicare una crema solare a protezione 30 riduce la sintesi di vitamina D sulla pelle in misura superiore al 95 percento[31].

Ci sono alcuni fattori che possono ostacolare la produzione di vitamina D da parte del nostro corpo[2]:

  • Malattie, che pregiudicano la digestione e l’assimilazione dei grassi, come la celiachia, la carenza di acido biliare o l’insufficienza pancreatica.
  • Determinati medicinali , come antiipertonici, antiestrogeni, citostatici, antiepilettici e fitofarmaci

Sintomi della carenza di vitamina D

La carenza di vitamina D si manifesta raramente tramite sintomi inequivocabili. I disturbi sono spesso aspecifici e latenti, tra questi ci sono stanchezza, debolezza muscolare e dolori ai muscoli o alle ossa e mal di testa[1]. Perciò molte persone non si accorgono di avere una carenza finché non si sviluppa una malattia. Una conseguenza frequente di una carenza di vitamina D che si protrae per diversi anni è l’ l’osteomalacia(fragilità ossea)[19].

Secondo alcuni studi, per chi soffre di una grave e continuata carenza di vitamina D aumenta il rischio di[19]:

  • osteomalacia e osteoporosi
  • rachitismo infantile
  • dolori e debolezza delle ossa (osteoartrite)
  • fratture negli over 65

Inoltre, secondo gli studi più recenti, la carenza di vitamina D può essere collegata con una serie di malattie. Queste malattie si manifestano spesso in concomitanza con la carenza e i ricercatori stanno ancora studiando quale rapporto esista esattamente tra loro[20, 21]:

  • pressione alta e problemi cardiaci
  • diabete mellito
  • depressione
  • infezioni gravi, come tubercolosi e malattie renali croniche
  • caduta dei capelli

Chi è soggetto a carenza di vitamina D?

Fondamentalmente, la carenza di vitamina D si manifestain tutte le classi di età, tutti i gruppi sociali e inregioni differenti, come Europa, Sud America e Vicino Oriente. Tuttavia, ci sono determinate categorie di rischio particolarmente soggette. Se appartenete a una di queste categorie, si consiglia di controllare regolarmente il vostro livello di vitamina D ed, eventualmente, di assumere dei supplementi.

Appartengono alle categorie di rischio gehören[18]:

  • le persone che trascorrono la maggior parte del loro tempo in ambienti chiusi e non restano quasi mai all’aperto o quando escono si coprono
  • le donne incinte, poiché hanno un fabbisogno più elevato
  • le persone con una carnagionescura, poiché, a parità di raggi UV, producono meno vitamina D rispetto a chi ha una carnagione chiara
  • le persone anziane, poiché con l’età la produzione di vitamina D diminuisce notevolmente e, per motivi di mobilità, sono spesso impossibilitate a trascorrere del tempo all’aperto
  • i neonati, poichéil contenuto di vitamina D del latte materno è troppo basso e i neonati generalmente non dovrebbero essere esposti alla luce solare diretta

Carenza di vitamina D negli anziani

Vitamina D negli anziani

Nella classe di etàa partire dai 60 anni, la carenza di vitamina D è particolarmente ricorrente. Ciò non è dovuto al fatto che le persone anziane si espongano più raramente al sole, bensì al fatto che il loro corpo produca, a livello cutaneo, fino a quattro volte meno vitamina D rispetto alle persone più giovani. Se avete più di 60 anni, si consiglia di controllare regolarmente il vostro livello di vitamina D ed, eventualmente, di stabilizzarlo assumendo dei supplementi.[22-25].

Ciò è particolarmente indicato, poiché questa vitamina può aiutare in caso di problemi che si verificano soprattutto in età avanzata. Gli studi confermano, tra le altre cose, i seguenti effetti positivi[22, 26-29]:

  • per la prevenzione di fratture
  • per la salute cardiovascolare
  • per il rischio di cancro, ad esempio cancro all’intestino crasso
  • per l’equilibrio
  • per la forza muscolare in età avanzata

Controllare la vitamina D

Test della vitamina DSono molteplici i fattori che influiscono sull’assunzione di vitamina D. Senza effettuare un test è quindi difficile stabilire qual è il modo migliore per ottimizzare l’apporto. Per scoprire se e come integrare la vitamina D, vale la pena di eseguire un test della vitamina D, soprattutto se appartenete alle categorie di rischio.

I metodi di misurazione convenzionali consistono in esami del sangue, che potete far eseguire, ad esempio, da un medico o terapista. Con un test fai da te come il Test per la vitamina D di cerascreen®, potrete controllare i vostri valori anche da soli a casa. Per far ciò, basta prelevare da soli una provetta di sangue tramite una piccola puntura sul dito e spedirla a un laboratorio specializzato, che analizzerà la concentrazione di 25-(OH)-D nel vostro siero. Dopodiché, tramite un resoconto dei risultati verrete informati sul vostro valore e su come riportarlo e mantenerlo a posto utilizzando supplementi di vitamina D3.

Tuttavia, non dovreste prendere preparati di vitamina D senza aver prima fatto un esame del sangue. Contrariamente alle altre vitamine, la vitamina D non può essere espulsa tramite l’urina. Se il vostro valore è già a posto, ma assumete comunque da tempo supplementi ad alto dosaggio, potrebbe verificarsi un sovradosaggio, che può essere accompagnato da nausea, vomito, disturbi del ritmo cardiaco, perdite di conoscenza e, a lungo termine, comportare perdita di peso, formazione di calcoli renali e danni agli organi interni[2,5].

Vitamina D e malattie

La vitamin D può aumentare il rischio di malattie

Negli ultimi anni, gli scienziati si sono occupati ampiamente degli effetti del livello di vitamina D sulla salute. Presenteremo una serie di studi che illustrano le relazioni tra la vitamina D e diverse malattie e problemi di salute.

Vitamina D: depressioni e psiche

Gli studi mostrano che una carenza di vitamina D può influire sulla salute psichica. Ad esempio, depressioni, stress, sbalzi d’umore e stati d’ansia possono peggiorare a causa di una carenza[74, 75].

Alcuni studi si sono già occupati, in particolare, della relazione tra bassa concentrazione di vitamina D e depressione . Chi soffriva di depressione presentava valori di vitamina D notevolmente inferiori rispetto a quelli delle persone sane[51, 52]. Alcuni studi dimostrano che i preparati di vitamina D potrebbero migliorare i sintomi di depressione in persone con una carenza di questa vitamina: la situazione attuale, tuttavia, non consente ancora di fornire consigli concreti[53].

Grazie al suo effetto, simile a quello di un ormone, la vitamina D può anche supportare la funzione cerebrale . In questo modo, aiuta il nostro cervello a prendere decisioni, a elaborare informazioni e a memorizzarle correttamente.Le persone con carenza di vitamina D hanno ottenuto risultati peggiori in esercizi basati sulla capacità di concentrazione e sull’attenzione[76].

Vitamina D e qualità del sonno

Nel 2017, alcuni scienziati iraniani hanno studiato l’effetto della vitamina D sulla qualità del sonno. 89 partecipanti con problemi di insonnia ed un’età compresa tra i 20 e i 50 anni hanno ricevuto un preparato di vitamina D o un placebo. Il risultato: I partecipanti che avevano ricevuto la vitamina D avevano una qualità del sonno decisamente migliore, una durata del sonno più lunga e un tempo di addormentamento più breve in confronto al gruppo che aveva ricevuto il preparato di vitamina D[79]. In un altro studio, le persone con una concentrazione ridotta di vitamina D avevano una qualità del sonno peggiore[80].

Buono a sapersi: Secondo uno studio della compagnia assicurativa DAK, quasi la metà degli occupati (43 percento) è regolarmente stanca durante le ore di lavoro. Circa un terzo (31 percento) ha indicato di sentirsi esausto. In confronto al 2010, risulta che oggi quasi il doppio degli occupati prenda dei sonniferi[78].

Vitamina D e caduta di capelli

Già da tempo è risaputo che le vitamine e i minerali incidono sulla crescita dei capelli . Quindi, ad esempio, ferro, biotina e zinco sono importanti per la salute della radice dei capelli[54]. Gli esami effettuati in provetta dimostrano che anche la vitamina D potrebbe essere implicata attivamente nella crescita dei capelli. Secondo tali studi, la vitamina D favorirebbe la produzione dei recettori nella radice dei capelli, tramite i quali viene sollecitata la crescita. Al momento non ci sono ancora studi clinici significativi che confermino questa teoria[55].

Vitamina D ed emicrania

Il termine emicrania indica un forte mal di testa ricorrente. Gli esperti presumono che l’insorgere di attacchi di emicrania sia legato all’infiammazione di nervi e vasi sanguigni[49]. Al momento, i ricercatori studiano se un supplemento di vitamina D sia in grado diinibire i fattori infiammanti collegati con l’insorgere dell'emicrania. Il fatto che la vitamina D possa avere un effetto antinfiammatorio è stato confermato da altri studi[60- 62].

Tuttavia, al momento ci sono ancora relativamente pochi studi su questo argomento e i risultati delle ricerche sono discordi. Alcuni hanno rivelato un collegamento tra la vitamina D e l’emicrania, nell’ambito di una ricerca, ad esempio, è stato possibile ridurre la frequenza degli attacchi di mal di testa con l’assunzione di vitamina D[63]. In altre ricerche, invece, la vitamina D non ha avuto alcun effetto sull’emicrania.

Vitamina D e malattie della pelle

Sembra che la vitamina D rivesta un ruolo importante anche per quanto riguarda la pelle. A quanto pare, questa vitamina contribuisce a far guarire le ferite e allo sviluppo corretto della barriera cutanea protettiva . Una carenza di vitamina D può quindi presumibilmente contribuire all’insorgere di malattie cutanee, ad esempio neurodermite (eczema atopico), psoriasi e vitiligine [66].

Alcuni studi mostrano risultati promettenti in relazione a preparati di vitamina D e neurodermite. I pazienti affetti da neurodermite sono particolarmente soggetti alle infezioni batteriche della pelle: nell’ambito di uno studio, i pazienti con un valore basso di vitamina D soffrivano particolarmente spesso di infezioni simili[67, 68]. Attualmente i ricercatori studiano se i preparati di vitamina D possano avere un’azione positiva sul decorso di psoriasie vitiligine >[69, 70].

Vitamina D e malattie cardiovascolari

Secondo gli scienziati, la vitamina D è in grado di rafforzare la muscolatura cardiaca. Inoltre, la vitamina D svolge un ruolo importante nel metabolismo di calcio e fosfato. La vitamina del sole fa in modo che il calcio e il fosfato si accumulino nelle ossa. In caso di carenza di vitamina D, è soprattutto il calcio che non viene accumulato correttamente e si deposita nei vasi sanguigni, cosa che può provocare calcificazioni[46].

Uno studio pubblicato nel 2012 nell’American Journal of Cardiology, illustra che la carenza di vitamina D potrebbe aumentare il tasso di mortalità da malattie cardiovascolari . Nell’ambito degli esami, i preparati di vitamina D hanno ridotto questo rischio. Gli autori degli studi presumono che la carenza di vitamina D sia un fattore di rischio per malattie vascolari, problemi al muscolo cardiaco e ipertensione[64].

Questi risultati sono stati confermati da un ulteriore studio che ha coinvolto oltre 40.000 pazienti. Le persone testate con un valore di vitamina D inferiore ai 15 nanogrammi per millilitro soffrivano più spesso di ipertensione, eccesso di grasso nel sangue, insufficienze cardiache e ictus rispetto a quelle con un livello di vitamina D di 30 nanogrammi per millilitro[65].

Vitamina D e cancro

La vitamina D è considerata da molti una speranza quando si tratta di prevenire il cancro. Tuttavia, i risultati degli studi a questo proposito non sono unanimi. Alcuni studi isolati hanno trovato dei legami, ad esempio, tra il livello di vitamina D e il rischio di cancro all’intestino e al seno[46, 47].

Invece, le meta-analisi attuali svolte su larga scala non hanno scoperto nessun effetto dell’assunzione di vitamina D sull’insorgere di di tumori. Secondo molti scienziati, servono ulteriori ricerche per poter trarre conclusioni chiare su questo tema. Al momento si svolgono studi che si occupano di questo tema ed in parte esaminano anche l’effetto dei preparati di vitamina D ad alto dosaggio sull’insorgere di tumori.

Dalla scienza: La carenza di vitamina D aumenta il rischio di morte

Lo studio ESTHER, che ha esaminato quasi 9.600 uomini e donne in Germania ha collegato la carenza di vitamina D con un alto tasso di mortalità. I partecipanti con un tasso di vitamina D basso o molto basso presentavano un rischio di mortalità di 1 o 2 volte più alto rispetto a quelli con un livello di vitamina D sufficiente. Nelle donne questo effetto era ancora più chiaro[48].

Vitamina D: In breve

Cos’è la vitamina D?

La vitamina D è una vitamina liposolubile e allo stesso tempo un ormone. È coinvolta in diversi processi corporei, tra cui il metabolismo delle ossa, la funzione muscolare, il sistema immunitario e la protezione dei vasi sanguigni.

Da dove trae l’uomo la vitamina D?

Il nostro corpo produce da solo dall’80 al 90% di vitamina D, ma per farlo necessita, però, dei raggi solari UVB. Per mantenere stabile il nostro livello di vitamina D, in estate bisogna esporre viso, mani e braccia al sole tre volte alla settimana da 10 a 20 minuti. Il restante 10-20 percento lo otteniamo dal cibo, ad esempio da pesce grasso, uova, latticini e funghi.

Chi è colpito da carenza di vitamina D?

In tutto il mondo, circa un miliardo di persone non ha abbastanza vitamina D. Tra i gruppi di rischio ci sono anziani, donne incinte, persone con la carnagione scura e persone che passano poco tempo all’aperto o che quando escono coprono gran parte del loro corpo.

Quali sono le conseguenze della carenza di vitamina D?

Una carenza di vitamina D può ripercuotersi negativamente soprattutto sulla salute delle ossa e favorire osteomalacia e osteoporosi. Diverse malattie che vengono associate alla carenza di questa vitamina sono depressioni, malattie cardiovascolari, caduta dei capelli, malattie della pelle e emicrania.

Come posso testare il mio livello di vitamina D?

Per mezzo di un esame del sangue, potrete determinare la concentrazione di 25-(OH)-D nel vostro sangue. Questo è il parametro più significativo per il vostro apporto di vitamina D. Una simile misurazione può essere effettuata anche in casa, con un test fai da te. La maggior parte delle fonti scientifiche consigliano un valore di almeno 30 nanogrammi per millilitro di sangue.

Cosa posso fare contro la carenza di vitamina D?

Chi ha una carenza di vitamina D può contrastarla solo difficilmente con l’alimentazione e l’esposizione al sole, soprattutto in autunno e in inverno. Più efficaci sono gli integratori alimentari. Si consiglia una dose giornaliera che va da 1.000 a 2.000 Unità Internazionali (UI) per mantenere un livello costante. Per correggere una carenza potrebbero essere ideali dosi più elevate.

Fonti

  1. Vitamin D – der aktuelle D-A-CH-Referenzwert aus Sicht der Risikobewertung, http://www.bfr.bund.de/cm/343/vitamin-d-der-aktuelle-d-a-ch-referenzwert-aus-sicht-der-risikobewertung.pdf
  2. Biesalski, H.-K., Grimm, P., Nowitzki-Grimm, S.: Taschenatlas Ernährung. Georg Thieme Verlag, Stuttgart New York (2017)
  3. Kasper, H., Burghardt, W.: Ernährungsmedizin und Diätetik. Elsevier, Urban & Fischer, München (2014)
  4. Holick, M.F.: High prevalence of vitamin D inadequacy and implications for health. Mayo Clin. Proc. 81, 353–373 (2006)
  5. Schek, A.: Ernährungslehre kompakt: Kompendium der Ernährungslehre für Studierende der Ernährungswissenschaft, Medizin und Naturwissenschaften und zur Ausbildung von Ernährungsfachkräften: mit mehr als 220 Übungsaufgaben und Original-Klausurfragen (Lösungen als Download im Internet). Umschau Zeitschriftenverlag, Sulzbach im Taunus (2013)
  6. Deutsche Gesellschaft für Ernährung e.V.: Deutsche Gesellschaft für Ernährung e.V.Vitamin D, https://www.dge.de/wissenschaft/referenzwerte/vitamin-d/
  7. Holick, M.F., Binkley, N.C., Bischoff-Ferrari, H.A., Gordon, C.M., Hanley, D.A., Heaney, R.P., Murad, M.H., Weaver, C.M.: Evaluation, Treatment, and Prevention of Vitamin D Deficiency: an Endocrine Society Clinical Practice Guideline. J. Clin. Endocrinol. Metab. 96, 1911–1930 (2011)
  8. Nationale Verzehrsstudie II_ErgebnisberichtTeil2.pdf, https://www.bmel.de/SharedDocs/Downloads/Ernaehrung/NVS_ErgebnisberichtTeil2.pdf?__blob=publicationFile
  9. Holick, M.F.: Vitamin D Deficiency. N. Engl. J. Med. 357, 266–281 (2007).
  10. Annweiler, C., Souberbielle, J.-C., Schott, A.-M., de Decker, L., Berrut, G., Beauchet, O.: [Vitamin D in the elderly: 5 points to remember]. Geriatr. Psychol. Neuropsychiatr. Vieil. 9, 259–267 (2011)
  11. McGrath, J., Feron, F., Eyles, D., Mackay-Sim, A.: Vitamin D: the neglected neurosteroid? Trends Neurosci. 24, 570–572 (2001)
  12. Kalueff, A.V., Tuohimaa, P.: Neurosteroid hormone vitamin D and its utility in clinical nutrition. Curr. Opin. Clin. Nutr. Metab. Care. 10, 12–19 (2007)
  13. Buell, J.S., Dawson-Hughes, B.: Vitamin D and neurocognitive dysfunction: preventing “D”ecline? Mol. Aspects Med. 29, 415–422 (2008). doi:10.1016/j.mam.2008.05.001
  14. Annweiler, C., Schott, A.-M., Berrut, G., Chauviré, V., Le Gall, D., Inzitari, M., Beauchet, O.: Vitamin D and ageing: neurological issues. Neuropsychobiology. 62, 139–150 (2010)
  15. Dickens, A.P., Lang, I.A., Langa, K.M., Kos, K., Llewellyn, D.J.: Vitamin D, cognitive dysfunction and dementia in older adults. CNS Drugs. 25, 629–639 (2011)
  16. Annweiler, C., Allali, G., Allain, P., Bridenbaugh, S., Schott, A.-M., Kressig, R.W., Beauchet, O.: Vitamin D and cognitive performance in adults: a systematic review. Eur. J. Neurol. 16, 1083–1089 (2009
  17. Etgen, T., Sander, D., Bickel, H., Sander, K., Förstl, H.: Vitamin D deficiency, cognitive impairment and dementia: a systematic review and meta-analysis. Dement. Geriatr. Cogn. Disord. 33, 297–305 (2012)
  18. Bundesinstitut für Risikobewertung: Ausgewählte Fragen und Antworten zu Vitamin D - BfR, http://www.bfr.bund.de/de/ausgewaehlte_fragen_und_antworten_zu_vitamin_d-131898.html
  19. Holick, M.F.: Deficiency of sunlight and vitamin D. BMJ. 336, 1318–1319 (2008)
  20. Galesanu, C., Mocanu, V.: VITAMIN D DEFICIENCY AND THE CLINICAL CONSEQUENCES. Rev. Med. Chir. Soc. Med. Nat. Iasi. 119, 310–318 (2015)
  21. Sahota, O.: Understanding vitamin D deficiency. Age Ageing. 43, 589–591 (2014). doi:10.1093/ageing/afu104
  22. Bischoff-Ferrari, H.A.: Vitamin D. Im Alter ist die “normale” Versorgung nicht ausreichend. Rosenfluh (2010)
  23. Conzade, R., Koenig, W., Heier, M., Schneider, A., Grill, E., Peters, A., Thorand, B.: Prevalence and Predictors of Subclinical Micronutrient Deficiency in German Older Adults: Results from the Population-Based KORA-Age Study. Nutrients. 9, (2017). doi:10.3390/nu9121276
  24. Römmler, A. ed: Hormone: Leitfaden für die Anti-Aging-Sprechstunde ; [Gestagene, Orthomolekulare Medizin, Wachstumshormone, Testosteron, Melatonin, Progesteron, Östrogen, Dehydroepiandrosteron, Chronobiologie, Serotonin, Pregnenolon]. Thieme, Stuttgart (2014)
  25. Feng, X., Guo, T., Wang, Y., Kang, D., Che, X., Zhang, H., Cao, W., Wang, P.: The vitamin D status and its effects on life quality among the elderly in Jinan, China. Arch. Gerontol. Geriatr. 62, 26–29 (2016). doi:10.1016/j.archger.2015.09.002
  26. Bischoff-Ferrari, H.A., Willett, W.C., Wong, J.B., Stuck, A.E., Staehelin, H.B., Orav, E.J., Thoma, A., Kiel, D.P., Henschkowski, J.: Prevention of nonvertebral fractures with oral vitamin D and dose dependency: a meta-analysis of randomized controlled trials. Arch. Intern. Med. 169, 551–561 (2009). doi:10.1001/archinternmed.2008.600
  27. Wang, T.J., Pencina, M.J., Booth, S.L., Jacques, P.F., Ingelsson, E., Lanier, K., Benjamin, E.J., D’Agostino, R.B., Wolf, M., Vasan, R.S.: Vitamin D deficiency and risk of cardiovascular disease. Circulation. 117, 503–511 (2008)
  28. Bischoff-Ferrari, H.A., Shao, A., Dawson-Hughes, B., Hathcock, J., Giovannucci, E., Willett, W.C.: Benefit-risk assessment of vitamin D supplementation. Osteoporos. Int. J. Establ. Result Coop. Eur. Found. Osteoporos. Natl. Osteoporos. Found. USA. 21, 1121–1132 (2010)
  29. Pfeifer, M., Begerow, B., Minne, H.W., Abrams, C., Nachtigall, D., Hansen, C.: Effects of a short-term vitamin D and calcium supplementation on body sway and secondary hyperparathyroidism in elderly women. J. Bone Miner. Res. Off. J. Am. Soc. Bone Miner. Res. 15, 1113–1118 (2000)
  30. Hausärzte Habenhausen, http://www.hausaerzte-habenhausen.de/index.php?option=com_content&view=article&id=110:vitamin-d-mangel-wann-bezahlt-die-krankenkasse&catid=12&Itemid=128
  31. Matsuoka, L.Y., Ide, L., Wortsman, J., MacLaughlin, J.A., Holick, M.F.: Sunscreens suppress cutaneous vitamin D3 synthesis. J. Clin. Endocrinol. Metab. 64, 1165–1168 (1987)
  32. Adams, J.S., Hewison, M.: Update in vitamin D. J. Clin. Endocrinol. Metab. 95, 471–478 (2010)
  33. Gröber, U.: Orthomolekulare Medizin: ein Leitfaden für Apotheker und Ärzte ; mit 75 Tabellen. Wiss. Verl.-Ges, Stuttgart (2008)
  34. Reichrath, J., Lehmann, B., Spitz, J. eds: Vitamin D: update 2012 ; von der Rachitisprophylaxe zur allgemeinen Gesundheitsvorsorge ; [Konferenz ... April 2011 in Berlin]. Dustri-Verlag Feistle, München-Deisenhofen (2012)
  35. Ross, A.C., Manson, J.E., Abrams, S.A., Aloia, J.F., Brannon, P.M., Clinton, S.K., Durazo-Arvizu, R.A., Gallagher, J.C., Gallo, R.L., Jones, G., Kovacs, C.S., Mayne, S.T., Rosen, C.J., Shapses, S.A.: The 2011 Report on Dietary Reference Intakes for Calcium and Vitamin D from the Institute of Medicine: What Clinicians Need to Know. J. Clin. Endocrinol. Metab. 96, 53–58 (2011)
  36. El-Hajj Fuleihan, G., Nabulsi, M., Tamim, H., Maalouf, J., Salamoun, M., Khalife, H., Choucair, M., Arabi, A., Vieth, R.: Effect of vitamin D replacement on musculoskeletal parameters in school children: a randomized controlled trial. J. Clin. Endocrinol. Metab. 91, 405–412 (2006).
  37. Lips, P., Hosking, D., Lippuner, K., Norquist, J.M., Wehren, L., Maalouf, G., Ragi-Eis, S., Chandler, J.: The prevalence of vitamin D inadequacy amongst women with osteoporosis: an international epidemiological investigation. J. Intern. Med. 260, 245–254 (2006).x
  38. Trivedi, D.P., Doll, R., Khaw, K.T.: Effect of four monthly oral vitamin D3 (cholecalciferol) supplementation on fractures and mortality in men and women living in the community: randomised double blind controlled trial. BMJ. 326, 469 (2003).
  39. Navia Lombán, B., Cuadrado Soto, E., Ortega, R.M.: [Intake of vitamins D and K, and their impact on health in female population]. Nutr. Hosp. 32 Suppl 1, 10–13 (2015). doi:10.3305/nh.2015.32.sup1.9471
  40. Groe_Kis_Vitamin_K_2014.pdf, http://www.mikronaehrstoff.de/pdf/Groe_Kis_Vitamin_K_2014.pdf?v=1
  41. Juanola-Falgarona, M. et al.: Dietary intake of vitamin K is inversely associated with mortality risk. J. Nutr. 144, 743–750 (2014). doi:10.3945/jn.113.187740
  42. Stevenson, M., Lloyd-Jones, M., Papaioannou, D.: Vitamin K to prevent fractures in older women: systematic review and economic evaluation. Health Technol. Assess. 13, (2009). doi:10.3310/hta13450
  43. Cockayne, S., Adamson, J., Lanham-New, S., Shearer, M.J., Gilbody, S., Torgerson, D.J.: Vitamin K and the prevention of fractures: systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Arch. Intern. Med. 166, 1256–1261 (2006).
  44. Allgemeine Informationen über Krebs, https://www.krebsgesellschaft.de/basis-informationen-krebs-allgemeine-informationen.html
  45. Krebs und schlechte Ernährung sind miteinander verknüpft, http://www.euro.who.int/de/health-topics/noncommunicable-diseases/cancer/news/news/2011/02/cancer-linked-with-poor-nutrition
  46. Sebaaly, A., Bachour, F., Bayoud, W., Adib, G., Bedran, F., Daher, C., Maalouf, G.: THE EXTRASKELETAL ACTIONS OF VITAMIN D--MYTHS AND FACTS. J. Med. Liban. 63, 87–93 (2015)
  47. Feskanich, D., Ma, J., Fuchs, C.S., Kirkner, G.J., Hankinson, S.E., Hollis, B.W., Giovannucci, E.L.: Plasma vitamin D metabolites and risk of colorectal cancer in women. Cancer Epidemiol. Biomark. Prev. Publ. Am. Assoc. Cancer Res. Cosponsored Am. Soc. Prev. Oncol. 13, 1502–1508 (2004)
  48. Schöttker, B., Haug, U., Schomburg, L., Köhrle, J., Perna, L., Müller, H., Holleczek, B., Brenner, H.: Strong associations of 25-hydroxyvitamin D concentrations with all-cause, cardiovascular, cancer, and respiratory disease mortality in a large cohort study. Am. J. Clin. Nutr. 97, 782–793 (2013).
  49. WHO | Depression, http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs369/en/
  50. Health-at-a-Glance-2013.pdf, https://www.oecd.org/els/health-systems/Health-at-a-Glance-2013.pdf
  51. Wilkins, C.H., Sheline, Y.I., Roe, C.M., Birge, S.J., Morris, J.C.: Vitamin D deficiency is associated with low mood and worse cognitive performance in older adults. Am. J. Geriatr. Psychiatry Off. J. Am. Assoc. Geriatr. Psychiatry. 14, 1032–1040 (2006).
  52. Armstrong, D.J., Meenagh, G.K., Bickle, I., Lee, A.S.H., Curran, E.-S., Finch, M.B.: Vitamin D deficiency is associated with anxiety and depression in fibromyalgia. Clin. Rheumatol. 26, 551–554 (2007). doi:10.1007/s10067-006-0348-5
  53. Spedding, S.: Vitamin D and depression: a systematic review and meta-analysis comparing studies with and without biological flaws. Nutrients. 6, 1501–1518 (2014). doi:10.3390/nu6041501
  54. Rasheed, H., Mahgoub, D., Hegazy, R., El-Komy, M., Abdel Hay, R., Hamid, M.A., Hamdy, E.: Serum Ferritin and Vitamin D in Female Hair Loss: Do They Play a Role? Skin Pharmacol. Physiol. 26, 101–107 (2013). doi:10.1159/000346698
  55. Demay, M.B.: The hair cycle and Vitamin D receptor. Arch. Biochem. Biophys. 523, 19–21 (2012). doi:10.1016/j.abb.2011.10.002
  56. Lavie, C.J., Milani, R.V., Mehra, M.R., Ventura, H.O.: Omega-3 Polyunsaturated Fatty Acids and Cardiovascular Diseases. J. Am. Coll. Cardiol. 54, 585–594 (2009). doi:10.1016/j.jacc.2009.02.084
  57. Kris-Etherton, P.M., Harris, W.S., Appel, L.J., AHA Nutrition Committee. American Heart Association: Omega-3 fatty acids and cardiovascular disease: new recommendations from the American Heart Association. Arterioscler. Thromb. Vasc. Biol. 23, 151–152 (2003)
  58. Marai, I., Massalha, S.: Effect of omega-3 polyunsaturated fatty acids and vitamin D on cardiovascular diseases. Isr. Med. Assoc. J. IMAJ. 16, 117–121 (2014)
  59. Manson, J.E. et al.: The VITamin D and OmegA-3 TriaL (VITAL): Rationale and design of a large randomized controlled trial of vitamin D and marine omega-3 fatty acid supplements for the primary prevention of cancer and cardiovascular disease. Contemp. Clin. Trials. 33, 159–171 (2012). doi:10.1016/j.cct.2011.09.009
  60. Amer, M., Qayyum, R.: Relation between serum 25-hydroxyvitamin D and C-reactive protein in asymptomatic adults (from the continuous National Health and Nutrition Examination Survey 2001 to 2006). Am. J. Cardiol. 109, 226–230 (2012). doi:10.1016/j.amjcard.2011.08.032
  61. Unalp, A., Dirik, E., Kurul, S.: Prevalence and clinical findings of migraine and tension-type headache in adolescents. Pediatr. Int. Off. J. Jpn. Pediatr. Soc. 49, 943–949 (2007). doi:10.1111/j.1442-200X.2007.02484.x
  62. Celikbilek, A., Gocmen, A.Y., Zararsiz, G., Tanik, N., Ak, H., Borekci, E., Delibas, N.: Serum levels of vitamin D, vitamin D-binding protein and vitamin D receptor in migraine patients from central Anatolia region. Int. J. Clin. Pract. 68, 1272–1277 (2014). doi:10.1111/ijcp.12456
  63. Yoon, M.-S. et al.: Prevalence of primary headaches in Germany: results of the German Headache Consortium Study. J. Headache Pain. 13, 215–223 (2012). doi:10.1007/s10194-012-0425-x
  64. Vacek, J.L., Vanga, S.R., Good, M., Lai, S.M., Lakkireddy, D., Howard, P.A.: Vitamin D deficiency and supplementation and relation to cardiovascular health. Am. J. Cardiol. 109, 359–363 (2012). doi:10.1016/j.amjcard.2011.09.020
  65. Anderson, J.L., May, H.T., Horne, B.D., Bair, T.L., Hall, N.L., Carlquist, J.F., Lappé, D.L., Muhlestein, J.B., Intermountain Heart Collaborative (IHC) Study Group: Relation of vitamin D deficiency to cardiovascular risk factors, disease status, and incident events in a general healthcare population. Am. J. Cardiol. 106, 963–968 (2010). doi:10.1016/j.amjcard.2010.05.027
  66. Einfluss der T-Zell-Population, http://www.derma-forum.com/aktuell/klimek-0517/
  67. Borzutzky, A., Camargo, C.A.: Role of vitamin D in the pathogenesis and treatment of atopic dermatitis. Expert Rev. Clin. Immunol. 9, 751–760 (2013). doi:10.1586/1744666X.2013.816493
  68. Samochocki, Z. et al.: Vitamin D effects in atopic dermatitis. J. Am. Acad. Dermatol. 69, 238–244 (2013). doi:10.1016/j.jaad.2013.03.014
  69. Finamor, D.C., Sinigaglia-Coimbra, R., Neves, L.C.M., Gutierrez, M., Silva, J.J., Torres, L.D., Surano, F., Neto, D.J., Novo, N.F., Juliano, Y., Lopes, A.C., Coimbra, C.G.: A pilot study assessing the effect of prolonged administration of high daily doses of vitamin D on the clinical course of vitiligo and psoriasis. Dermatoendocrinol. 5, 222–234 (2013). doi:10.4161/derm.24808
  70. Martin, D.L., Deluca, H.F.: Calcium transport and the role of vitamin D. Arch. Biochem. Biophys. 134, 139–148 (1969). doi:10.1016/0003-9861(69)90260-4
  71. Hormone Plays Surprise Role in Fighting Skin Infections, http://ucsdnews.ucsd.edu/pressrelease/hormone_plays_surprise_role_in_fighting_skin_infections/
  72. Maynard, M.T.-R.: Vitamin D in Acne. Calif. West. Med. 49, 127–132 (1938)
  73. Stress-Aktuelle Bevölkerungsbefragung: AusmaUrsachen und Auswirkungen von Stress in Deutschland, https://www.vdma.org/documents/105628/244511/TK_Studie%20Stress.pdf/15ff404a-1799-457f-81cc-1bd640f8f56f
  74. Waller, C. et al.: Blunted Cortisol Stress Response and Depression-Induced Hypocortisolism Is Related to Inflammation in Patients With CAD. Journal of the American College of Cardiology. 67, 1124–1126 (2016). doi:10.1016/j.jacc.2015.12.031
  75. Anglin, R.E.S., Samaan, Z., Walter, S.D., McDonald, S.D.: Vitamin D deficiency and depression in adults: systematic review and meta-analysis. British Journal of Psychiatry. 202, 100–107 (2013). doi:10.1192/bjp.bp.111.106666
  76. Wilkins, C.H., Sheline, Y.I., Roe, C.M., Birge, S.J., Morris, J.C.: Vitamin D Deficiency Is Associated With Low Mood and Worse Cognitive Performance in Older Adults. The American Journal of Geriatric Psychiatry. 14, 1032–1040 (2006). doi:10.1097/01.JGP.0000240986.74642.7c
  77. Banks, S., Dinges, D.F.: Behavioral and physiological consequences of sleep restriction. J Clin Sleep Med. 3, 519–528 (2007)
  78. Hamburg, N. 27-31 20097, Tel.: 040 2396 1409, ed.kad@esserp, E.-M.: Müdes Deutschland: Schlafstörungen steigen deutlich an, https://www.dak.de/dak/bundes-themen/muedes-deutschland-schlafstoerungen-steigen-deutlich-an-1885310.html
  79. Majid, M.S., Ahmad, H.S., Bizhan, H., Mohammad Hosein, H.Z., Mohammad, A.: The effect of vitamin D supplement on the score and quality of sleep in 20–50 year-old people with sleep disorders compared with control group. Nutritional Neuroscience. 1–9 (2017). doi:10.1080/1028415X.2017.1317395
  80. Massa, J. et al.: Vitamin D and actigraphic sleep outcomes in older community-dwelling men: the MrOS sleep study. Sleep. 38, 251–257 (2015). doi:10.5665/sleep.4408