L'intolleranza all'istamina si manifesta attraverso dei sintomi simili a quelli di un'allergia. La causa scatenante è il consumo di cibi ricchi di istamina, come il vino rosso, il formaggio stagionato, i salumi e il cioccolato. 

Intolleranza all'istamina: Pseudo Allergia 

Senti un ronzio o ti cola il naso dopo un bicchiere di vino rosso, un panino al salame o un pezzo di cioccolato? Qualcosa che inizialmente sembra un'allergia potrebbe essere un'intolleranza all'istamina. 

L'istamina ha una cattiva reputazione. Questa sostanza messaggera è nota soprattutto per causare disagio, in special modo per quanto riguarda i casi di allergia. Infatti, l'istamina ha una funzione importante all'interno del corpo ed è essenziale per il sistema immunitario. Le infiammazioni innescate dall'istamina aiutano a combattere gli agenti patogeni e le tossine che entrano nel corpo.  

Ad ogni modo, il corpo di alcuni individui non è in grado di eliminare l'istamina abbastanza in fretta. Se l'istamina entra nel sistema attraverso il cibo, l'infiammazione prende il sopravvento, causando mal di testa, disturbi gastrointestinali e prurito. Ciò viene chiamata intolleranza all'istamina.

Cosa potrai trovare in questo articolo:

Intolleranza all'istamina: In caso di intolleranza all'istamina, il tuo corpo presenta una quantità troppo elevata di questa sostanza messaggera. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che nell'intestino vi è una carenza dell'enzima diaminossidasi (DAO). 

Cause: Ad oggi, esistono solo delle teorie riguardo al motivo dell'intolleranza all'istamina. C'è la possibilità che il tuo corpo non produca una quantità sufficiente dell'enzima diaminossidasi (DAO) a causa di patologie croniche gastrointestinali, alcol e alcuni farmaci.

Sintomi: I sintomi dell'intolleranza all'istamina sono simili a quelli di un'allergia. Alcuni dei sintomi sono: pizzicore, raffreddore, mal di testa e disturbi gastrointestinali. 

Terapia: Il provvedimento più importante da adottare è evitare i cibi con un alto contenuto di istamina, come il vino rosso, i pomodori, i salumi e i formaggi stagionati. Anche determinati farmaci, i cosiddetti antistaminici, possono alleviare i sintomi.

Cosa è l'istamina?

L'istamina è conosciuta come la sostanza messaggera che trasmette e diffuse le informazioni tra le cellule ed è, inoltre, importante per il nostro sistema immunitario. L'istamina viene prodotta da un amminoacido prodotto dal corpo stesso ma che può anche essere assimilato attraverso il cibo. I fastidi sorgono solo quando il corpo non può eliminare completamente l'istamina dopo averla utilizzata[1].  

L'istamina appartiene al gruppo delle ammine biogene presenti in natura e prodotte di frequente durante i processi di deterioramento e di decomposizione[2].

Quale è la funzione dell'istamina all'interno del corpo?

Essendo una sostanza messaggera, l'istamina assume diversi compiti: trasmette gli stimoli da un nervo all'altro, espande i vasi sanguigni e permette la contrazione e il rilassamento dei muscoli. L'istamina viene impiegata anche nella digestione dei grassi, nel sistema immunitario, nella formazione del sangue, nella guarigione delle ferite e nella regolazione del ritmo giorno-notte.

Se c'è troppa istamina nel corpo, possono insorgere dei problemi in queste aree specifiche. Le conseguenze sono: disturbi del ritmo cardiaco, variazioni della pressione sanguigna e disturbi neurologici[1].

Cosa è l'intolleranza all'istamina? 

In caso di intolleranza all'istamina, l'interazione tra l'istamina e i due enzimi viene interrotta. Il corpo è quindi incapace di eliminare con efficacia l'istamina, nemmeno quella presente in alcuni cibi. Se presenti i sintomi sopracitati dopo aver consumato cibi con un alto contenuto di istamina, si tratta di intolleranza all'istamina[1].

Lo sapevi che il termine "intolleranza all'istamina" deriva dal termine "intolleranza al lattosio"? La carenza dell'enzima è determinante anche per l'intolleranza al lattosio[3].

4 histamine-rich foods

Quale è il ruolo della diaminossidasi?


Nell'ambito dell'intolleranza all'istamina, il termine diaminossidasi, abbreviato in DAO, viene usato spesso. La DAO è l'enzima principalmente responsabile dell'eliminazione dell'istamina che ingerisci attraverso il cibo. La teoria più comune riguardo lo sviluppo dell'intolleranza all'istamina è la seguente: l'attività della DAO viene disturbata, l'enzima elimina l'istamina molto lentamente e l'eccesso di istamina è causa di fastidio.

Intolleranza all'istamina o allergie alimentari?

L'intolleranza all'istamina non è un'allergia. Ad ogni modo, è spesso difficile fare una distinzione tra le due, dal momento che i sintomi che si presentano dopo la consumazione di determinati cibi sono praticamente gli stessi. Ecco perché l'intolleranza all'istamina viene chiamata anche pseudo-allergia.

Ciò rende ancora più importante chiarire la distinzione tra intolleranza e allergia[4]. In risposta ai sintomi tipici, i dottori cominciano con un test delle allergie alimentari, che risulta negativo in caso di intolleranza all'istamina. Successivamente, tu e il tuo medico, o il tuo terapeuta, inizierete a valutare una possibile intolleranza all'istamina[2].

Ovviamente, è anche possibile soffrire di un'allergia alimentare e di intolleranza all'istamina; tuttavia, i responsabili delle rispettive reazioni sono alimenti diversi[5].  

Intolleranza all'istamina - Cause

Finora, da un punto di vista scientifico, non esiste una prova certa che la causa dell'intolleranza all'istamina possa essere attribuibile a un problema dell'enzima DAO. Alcuni critici sospettano addirittura che il quadro clinico dell'intolleranza all'istamina non esiste o è psicosomatico[6].

Buono a sapersi: Possiamo tollerare solo una certa quantità di istamina! Nelle persone in salute si tratta di un massimo di 100 milligrammi al giorno. Questa quantità si può trovare per esempio nel pesce andato a male. Se oltrepassiamo questa soglia, stiamo parlando di avvelenamento. Se presenti un'intolleranza all'istamina, se verificherà una reazione a una dose minore che non potrebbe causare avvelenamento[7, 8].

Quali sono le cause dell'intolleranza all'istamina?

L'intolleranza all'istamina significa che il corpo non è in grado di tenere il passo con la disgregazione dell'istamina. A questo proposito, esistono due possibili spiegazioni[9]:

  1. Gli individui interessati presentano troppa istamina, per esempio a causa di una sovrapproduzione (dovuta ad allergie, batteri o un'emorragia del tratto gastrointestinale) oppure un assorbimento di istamina, istidina o altre ammine biogene (sotto forma di alcol o cibo).
  2. C'è una carenza della forma inattiva dell'enzima diaminossidasi (DAO) nel corpo dell'individuo interessato. 

Il risultato è lo stesso in entrambi I casi: è presente troppa istamina nel sangue[2].

Quale è la di causa una carenza dell'enzima?

Ma perché in alcune persone soffrono di una carenza dell'enzima dell'enzima DAO? Esistono diverse teorie e cause possibili, soprattutto:

  • Stress cronico intestinale 
  • Carenza di vitamine e zinco
  • Farmaci e alcol 

Stress cronico intestinale 

Patologie croniche del tratto gastrointestinale possono presumibilmente contribuire allo sviluppo dell'intolleranza all'istamina. Le persone affette dalla sindrome dell'intestino irritabile, dalle gastriti dal morbo di Crohn o da ulcere intestinali sono le più colpite. In questi casi, modifiche della mucosa intestinale possono portare a una mancata produzione dell'enzima DAO in quantità sufficienti[10].

Farmaci e alcol

Altre possibili cause dell'intolleranza all'istamina sono i farmaci e l'alcol. Entrambi possono ostacolare l'attività dell'enzima DAO. Per esempio, le seguenti sostanze attive possono influenzare la funzione della DAO e di conseguenza il livello di istamina[2]:

Ingrediente attivo 

Dove è presente? 

Acetilcisteina (ACC)

farmaci antidolorifici

Ambroxolo

sciroppo per la tosse

Aminofillina

asma 

Amitriptilina

depressione

Clorochina

malaria

Isoniazid

antibiotici

Metamizolo

colica

Metoclopramide

nausea

Propafenone

aritmie cardiache

Verapamile

malattie coronariche

 

Se stai assumendo uno di questi farmaci con regolarità e presenti sintomi di intolleranza all'istamina, ti consigliamo di consultare un medico. Cambiare i tuoi farmaci può essere sufficiente per alleviare i sintomi. 

Carenza di vitamine e zinco 

Le due vitamine B6 e C lavorano a stretto contatto con l'enzima DAO per eliminare l'istamina nel corpo. Se vi è una carenza di queste due vitamine, il livello di istamina aumenta conseguentemente. Alcuni ricercatori hanno considerato questa carenza come una possibile causa dell'intolleranza all'istamina nelle persone che non hai dei livelli di DAO ridotti. Ad ogni modo, altri esperti dubitano che la vitamina B6 e la C possano realmente contribuire all'intolleranza[10].

Buono a sapersi: In modo indiretto, lo zinco può potenzialmente migliorare lo stato di intolleranza all'istamina. Lo zinco viene richiesto per attivare la vitamina B6, che, a sua volta, supporta l'enzima DAO nell'eliminazione dell'istamina.

In breve: Le persone che presentano un'intolleranza all'istamina hanno una quantità troppo elevata di questa sostanza messaggera nel corpo, soprattutto dopo aver consumato cibi ricchi di istamina. Il motivo potrebbe essere una carenza dell'enzima dovuta a patologie gastrointestinali o farmaci. 

Intolleranza all'istamina - Sintomi

Woman with headache - symptom of histamine intolerance

Quali sono i sintomi dell'intolleranza all'istamina? 

I sintomi dell'intolleranza all'istamina ricordano inizialmente quelli di una reazione allergica. Per questo motivo è spesso difficile identificare l'intolleranza. I fastidi si presentano dopo aver consumato cibi ricchi di istamina e possono presentarsi immediatamente dopo oppure dopo un paio d'ore. Questi sintomi possono durare fino a 12 ore o più.

Dal momento che l'istamina può associarsi a determinate cellule presenti in tutto il corpo e provocare reazioni infiammatorie, i sintomi dell'intolleranza all'istamina si possono riscontrare in molte parti del corpo. I sintomi tipici sono[1, 2]:

Parte del corpo 

Sintomi

Pelle

Rossore, prurito, gonfiore 

Tratto intestinale

Crampi, sanguinamento, diarrea

Polmoni e tratto respiratorio 


Tosse, asma, crampi, naso che cola, difficoltà nella deglutizione 

Sistema cardiovascolare


Modifiche nella pressione saguigna, palpitazioni, anomalie del ritmo cardiaco, perdita dei sensi

Sistema nervoso

Mal di testa, emicrania, vertigini

 

I sintomi non si manifestano nello stesso modo in tutti. In alcune persone possono apparire prima, in altre la reazione è più intensa e molti sviluppano solo in parte I sintomi possibili. Inoltre, ogni persona presenta livelli di intolleranza individuali. Ciò significa, per esempio, che una persona presenterà le reazioni immediatamente dopo aver sorseggiato un bicchiere di vino rosso, mentre un'altra se ne accorgerà dopo averlo finito[4].

Istamina ed emicranie

L'istamina può causare mal di testa nelle persone che soffrono o meno di emicrania.[4]. Non è stato ancora determinato come si sviluppa esattamente un'emicrania, ma è probabile che sia relativa alla sostanza messaggera che innesca la reazione infiammatoria. L'istamina può anche dilatare i vasi sanguigni e causare così l'emicrania[11]. Questa teoria è supportata dal fatto che gli studi hanno spesso identificato una bassa concentrazione di DAO nel sangue soprattutto nelle persone che soffrono di emicrania. Inoltre, diverse persone che soffrono di emicrania hanno notato una relazione tra l'assunzione di cibi ricchi di istamina e gli attacchi di emicrania[12].

Intolleranza all'istamina e ormoni sessuali femminili

Gli scienziati hanno osservato che le donne incinte sono meno predisposte all'intolleranza all'istamina. L'emicrania e il mal di testa sono meno comuni o non si verificano durante la gravidanza. Questo potrebbe essere dato dal fatto che le variazioni ormonali durante la gravidanza assicurano un livello superiore di DAO nel corpo. Ad ogni modo, dopo il parto, i valori tornano alla normalità e si ripresenta anche l'intolleranza all'istamina[4].

Durante il ciclo mestruale, I sintomi dell'intolleranza all'istamina possono essere più intensi. D'altra parte, le donne che presentano intolleranza all'istamina soffrono spesso di sintomi mestruali più pronunciati, soprattutto per quanto riguarda i crampi all'addome. Ciò è probabilmente dovuto all'interazione tra l'istamina e gli ormoni sessuali femminili. Se è presente molta istamina nel corpo, la produzione di estrogeni è maggiore e la produzione di progesterone viene impedita. Questo causa un incremento del dolore e i sintomi mestruali sono più intensi[13, 15-17].

Istamina e dermatite atopica 

L'intolleranza all'istamina viene considerata come la possibile causa della dermatite atopica. Questa malattia della pelle causa prurito, eruzioni cutanee secche e l'istamina svolge un ruolo importante. Gli studi hanno mostrato che i pazienti con la dermatite atopica spesso presentano una carenza dell'enzima DAO e hanno troppa istamina nel sangue. Una dieta bassa di istamina può presumibilmente migliorare l'aspetto della pelle e diminuire i frequenti focolai. Nella terapia nutrizionale, alle persone che soffrono di dermatite atopica viene spesso consigliato di evitare alimenti ricchi di istamina[17].

Intolleranza all'istamina - Trattamento

Se soffri di intolleranza all'istamina, la terapia più efficace è evitare i cibi ricchi di istamina. In ogni caso, è più facile a dirsi che a farsi. L'istamina è presente in molti alimenti e i produttori non devono comunicare la sua presenza sulla confezione.

Inoltre, è quasi impossibile evitare l'istamina, poiché è presente quasi ovunque, anche in minima parte. Ma molte persone che ne soffrono si sentono meglio nell'evitare determinati alimenti che contengono molta istamina o che promuovono la produzione della sostanza messaggera.

6 Tips for Histamine Intolerance

Come viene trattata l'intolleranza da istamina? 

Hai un sospetto fondato di avere l'intolleranza all'istamina? Puoi cambiare gradualmente la tua dieta. Ciò può avvenire in diverse fasi:

Fase 1: periodo di attesa

Inizialmente, rimuovi gli alimenti ricchi di istamina dalla tua dieta, per 14 giorni. Se noti dei rapidi miglioramenti, è chiaro che presenti un'intolleranza all'istamina. 

Fase 2: fase del test 

Dopo 14 giorni di attesa, puoi ricominciare a introdurre gradualmente piccole quantità di istamina nella tua dieta. Sarebbe meglio testare solo un alimento al giorno. L'obiettivo è controllare l'intolleranza, il cosiddetto limite dell'intolleranza. Sarebbe meglio tenere un diario dei sintomi, nel quale fare degli elenchi di ciò che hai mangiato, quando e che sintomi si sono presentanti. In questo modo, puoi capire quali cibi puoi tollerare e in quale quantità.

Questa fase del test dovrebbe durare dalle sei alle otto settimane. Durante questo periodo di tempo, potrai anche osservare quali altri fattori generano i sintomi (stress, farmaci e ciclo mestruale). 


Fase 3: alimentazione a lungo termine

Hai raggiunto la terza fase quando hai un'idea generale di quali cibi puoi tollerare e in quale quantità. In generale, dovresti seguire una dieta equilibrata e gustosa. Siccome talvolta potrebbe essere appropriato in alcuni casi aderire a questa dieta per un periodo indefinito di tempo, i dottori e i terapisti parlano di una fase di continua nutrizione.[18].

Quali alimenti dovrei evitare nel caso di un'intolleranza all'istamina?

Sausage, cheese, red wine contain a lot of histamine

L'istamina si trova prevalentemente in alimenti che sono fermentati o nei quali il processo di fermentazione svolge un ruolo importante, per esempio nei cibi che sono maturati per diverso tempo. Per esempio, il pescato fresco contiene un quantitativo molto ridotto di istamina, mentre il pesce altamente lavorato e conservato contiene tanta istamina. In linea di massima, la lista degli alimenti contenenti istamina è lunga[18]:

Gruppo alimentare

Contenuto di istamina

Alternative adatte

Pesce

Pesce in scatola (tonno, acciughe, sgombro), pesce marinato e affumicato

Pescato fresco (!) pesce domestico o surgelato 

Formaggio

Varietà invecchiate come parmigiano, formaggio svizzero, formaggio di montagna, gorgonzola, camembert stagionato, pecorino a latte crudo 

Gervais, ricotta, cagliata, mozzarella, burro, gouda fresco 

Carne/insaccati

Salsicce stagionate, affumicate ed essiccate all'aria e prodotti a base di carne come salame, prosciutto crudo e pancetta

Salsicce per cottura e bollito come salsiccia di vitello, salsiccia di prosciutto, prosciutto cotto

Verdure

Crauti, spinaci, pomodori, prodotti a base di pomodoro come ketchup, concentrato di pomodoro, salsa di pomodoro; avocado, melanzane, verdure in salamoia

Tutti gli altri tipi di verdure crude o cotte al vapore

Frutta

Banane mature, kiwi, fragole, ananas, agrumi


Tutti gli altri frutti, inclusi i succhi


Dolci

Cioccolato, cacao

Torte e biscotti senza cioccolato/noci

Snack/Altri

Arachidi, nocciole, noci, snack contenenti glutammato, aceto balsamico

Popcorn, miglio, salatini, grissini, cracker, tutti gli altri tipi di aceto 

millet balls, salty pastries, Grissini, crackers, all other types of vinegar

Alcool

Vino rosso, vini da dessert, champagne, prosecco, birre fermentate (birra di frumento), liquori invecchiati nelle botti (whisky, cognac), liquori

Vino bianco, vino rosso a basso contenuto di istamina, vino frizzante o champagne a basso contenuto di istamina, birra analcolica (prevalentemente), Pilsner, schnapps chiara, vodka, gin

 

Le bevande alcoliche tendono a favorire il rilascio dell'istamina. Potrebbe dunque essere utile evitare l'alcol, soprattutto quando si è in dolce attesa.  

Buono a sapersi: Sfortunatamente, non è possibile rimuovere l'istamina dal cibo, sia che lo cucini, lo congeli, lo inforni, lo friggi o se lo metti nel microonde. Il caldo e il freddo non eliminano l'istamina[2].

Ulteriori suggerimenti nutrizionali 

Non esistono solo alimenti che contengono molta istamina, ma esistono anche degli alimenti che permettono all'organismo di rilasciare più istamina. Questi alimenti sono[19]:

  • Fragole, agrumi, ananas, kiwi 
  • Frutti di mare
  • Latte

Altri cibi che possono interferire con l'enzima DAO[19]:

  • Cioccolato
  • Frutta: agrumi, ananas, papaya, lamponi, pere, banane
  • Pomodori e legumi
  • Germe di grano
  • Anacardi, noci

Buono a sapersi: L'istamina contenuta nel cibo può variare in base alla freschezza e alla stagionatura degli alimenti e alla loro tipologia[20].

Terapia del colon e intolleranza all'istamina 

Un colon salutare può contribuire al miglioramento della produzione dell'enzima DAO. Se la tua mucosa intestinale è infiammata o sono presenti dei danni alle cellule dell'epitelio intestinale, l'enzima non può più essere prodotto in misura sufficiente. Un altro problema può essere una colonizzazione di batteri nell'intestino. Una terapia del colon può porre rimedio a questa situazione e incoraggiare lo sviluppo degli enzimi DAO. Una ricostruzione della colonizzazione naturale con i microrganismi almeno una volta all'anno è essenziale. Ne vale la pena, dal momento che l'intolleranza acquisita all'istamina può essere ridotta o anche curata.

I farmaci possono curare l'intolleranza all'istamina?

L'intolleranza all'istamina non può essere curata da alcun farmaco. Ad ogni modo, i farmaci possono aiutare ad alleviare i sintomi in tempi brevi. Anche se si assumono farmaci si dovrebbe comunque comunque evitare il vino rosso, il formaggio stagionato e così via. I farmaci più comuni sono gli antistaminici e il DAOsin.

Quando è raccomandato l'uso di antistaminici? 

Gli antistaminici impediscono alle cellule del sistemino immunitario di rilasciare l'istamina. Sono, inoltre, gli ingredienti attivi dei farmaci per le allergie. Riducono l'intolleranza all'istamina in base ai sintomi che si manifestano. Se l'intolleranza causa diarrea, spesso gli antistaminici possono aiutare. Sono meno efficaci per il mal di testa. Di norma, I medici, per trattare determinati sintomi, prescrivono gli antistaminici. Non dovrebbero essere assunti con continuità[19].

Farmaci per mangiare fuori casa:

Alle feste e a cena fuori è spesso difficile evitare del tutto gli alimenti che contengono istamina. Molte persone affette da intolleranza fanno affidamento al farmaco DAOsin della casa farmaceutica STADA. Gli integratori alimentari contengono DAO di origine animale, per aiutare l'intestino a eliminare l'istamina. gli studi non hanno ancora confermato gli effetti del prodotto; alcuni esperti sostengono che non esistano dei farmaci per aumentare la produzione dell'enzima DAO[18].

In breve: Se sospetti di essere intollerante all'istamina, dovresti evitare l'alcol, gli alimenti ricchi di istamina e quelli che stimolano il rilascio di istamina nel corpo. Puoi assumere gli antistaminici al fine combattere i sintomi, ma solo per un breve periodo di tempo.

Testo per l'intolleranza all'istamina 

Dal momento che non è ancora chiaro cosa accade al corpo in caso di intolleranza all'istamina, non esistono metodi standard per misurare l'intolleranza. Il primo passo, spesso, è determinare i sintomi ed evitare determinati alimenti in modo da osservare i possibili cambiamenti. 

Quale test può dirmi se soffro in intolleranza all'istamina? 

Esistono due modi per confermare i sospetti iniziali: 

1. Test di provocazione: il tuo medico ti amministrerà una certa quantità di istamina, solitamente sotto forma di compressa. Dopo qualche giorno, riceverai un'altra compressa priva di istamina. Il medico osserverà come reagisce il tuo corpo in entrambi i casi[3].

2. Diagnostica di laboratorio: negli studi pratici e scientifici la misurazione dell'enzima DAO viene sempre più utilizzata. Gli studi hanno rivelato che le persone che hanno riscontrato l'intolleranza all'istamina presentano una bassa concentrazione dell'enzima nel sangue, rispetto ai gruppi di controllo sani[3, 14, 15].

La misurazione della metilistamina nell'urina, d'altra parte, è criticata. Secondo alcuni esperti, il valore è molto impreciso e può essere aumentato con una dieta ricca di proteine. 

Su quali altre patologie dovrei informarmi? 

I sintomi che indicano l'intolleranza all'istamina possono essere ricollegati anche ad altri problemi di salute. Se presenti spesso dei fastidi gastrointestinali, dovresti consultare un medico per quanto riguarda le malattie infiammatorie croniche intestinali come la gastrite o il morbo di Crohn. Potrebbe trattarsi anche di altri tipi di intolleranza, come quella al lattosio, al fruttosio e al sorbitolo[2].

Dove posso effettuare un test per l'intolleranza all'istamina? 

cerascreen histamine intolerance test

Se vuoi effettuare un test per l'intolleranza all'istamina, dovrai andare dal tuo medico, per esempio, i medici di base spesso eseguono i test della DAO. Solitamente i medici si informano riguardo ai sintomi e insegnano a tenere un diario dei sintomi.




Un alternativa al medico è il test fai-da-te. Grazie al nostro test per l'intolleranza all'istamina di cerascreen®, per esempio, puoi testare i livelli di DAO nel tuo sangue e capire se potresti essere intollerante. Per eseguire il test, preleva una piccola quantità di sangue dal tuo polpastrello e invia il campione al laboratorio specializzato. Riceverai un referto contenente il tuo livello di DAO e alcuni consigli validi per restare in salute.


Intolleranza all'istamina: in sintesi

Cosa è l'istamina?

L'istamina è una sostanza messaggera che svolge importanti funzioni per il sistema immunitario ed è anche responsabile dei sintomi allergici. 

Cosa è l'intolleranza all'istamina?

Le persone che affette dall'intolleranza all'istamina non possono tollerare I cibi ricchi di istamina. Presentano una quantità troppo ridotta dell'enzima DAO che ha il compito di eliminare l'istamina all'interno del corpo. 

Quali sono i sintomi dell'intolleranza all'istamina?

I sintomi tipici dell'intolleranza all'istamina sono: mal di testa, naso che gocciola, anomalie nel ritmo cardiaco ed eruzioni cutanee. L'intolleranza all'istamina può causare anche crampi mestruali, emicrania e dermatite atomica.

Quali sono le cause dell'intolleranza all'istamina? 

Gli studiosi non hanno ancora compreso la causa dell'intolleranza all'istamina. Alcuni credono che le patologie croniche gastrointestinali, l'alcol e alcuni farmaci possano impedire all'enzima DAO di svolgere correttamente il suo compito. .

Come posso combattere l'intolleranza all'istamina?

Non esistono farmaci che curino l'intolleranza. Tutto ciò che puoi fare è provare gli antistaminici e valutare se alleviano i tuoi sintomi in tempi brevi. L'unica terapia efficace è evitare il più possibile gli alimenti ricchi di istamina, preferibilmente adottando una dieta a tre fasi.  

Quali alimenti sono ricchi di istamina?

L'istamina si trova soprattutto negli alimenti stagionati e maturati, per esempio: il pesce in scatole, il vino rosso, il formaggio stagionato e le salsicce essiccate. .


Fonti

  1. Kovacova-Hanuskova, E., Buday, T., Gavliakova, S., Plevkova, J.: Histamine, histamine intoxication and intolerance. Allergologia et Immunopathologia. 43, 498–506 (2015). doi:10.1016/j.aller.2015.05.001
  2. Histaminintoleranz – aktueller Stand der Technik von Diagnose und Therapie, https://pdfs.semanticscholar.org/935a/64284447ce9428c46e6da6981ec8c04ca74f.pdf
  3. REESE, I., BALLMER-WEBER, B., BEYER, K., ERDMANN, S., FUCHS, T., KLEINE-, J.: Vorgehen bei Verdacht auf Unverträglichkeit gegenüber oral aufgenommenem Histamin. Allergo J. 7
  4. Die verschiedenen Gesichter der Histaminintoleranz, https://www.aerzteblatt.de/archiv/53958/Die-verschiedenen-Gesichter-der-Histaminintoleranz
  5. Histamin-Unverträglichkeit (4), http://www.aerztezeitung.at/archiv/oeaez-2005/oeaez-11-10062005/histamin-unvertraeglichkeit-4.html
  6. Sattler, J., Häfner, D., Klotter, H.J., Lorenz, W., Wagner, P.K.: Food-induced histaminosis as an epidemiological problem: plasma histamine elevation and haemodynamic alterations after oral histamine administration and blockade of diamine oxidase (DAO). Agents Actions. 23, 361–365 (1988)
  7. Histamine+Intolerance-Like+Symptoms+in+Healthy+Volunteers+after+Oral+Provocation+with+Liquid+Histamine+-+All+Proc+2004.pdf, https://ainotes.wikispaces.com/file/view/Histamine+Intolerance-Like+Symptoms+in+Healthy+Volunteers+after+Oral+Provocation+with+Liquid+Histamine+-+All+Proc+2004.pdf
  8. Kanny, G., Gerbaux, V., Olszewski, A., Frémont, S., Empereur, F., Nabet, F., Cabanis, J.C., Moneret-Vautrin, D.A.: No correlation between wine intolerance and histamine content of wine. J. Allergy Clin. Immunol. 107, 375–378 (2001). doi:10.1067/mai.2001.112122
  9. Manzotti, G., Breda, D., Di Gioacchino, M., Burastero, S.: Serum diamine oxidase activity in patients with histamine intolerance. Int J Immunopathol Pharmacol. 29, 105–111 (2016). doi:10.1177/0394632015617170
  10. Maintz, L., Novak, N.: Histamine and histamine intolerance. Am J Clin Nutr. 85, 1185–1196 (2007). doi:10.1093/ajcn/85.5.1185
  11. Berlit, P.: Basiswissen Neurologie. Springer Berlin Heidelberg, Berlin, Heidelberg (2014)
  12. Alstadhaug, K.B.: Histamine in Migraine and Brain. Headache: The Journal of Head and Face Pain. 54, 246–259 (2014). doi:10.1111/head.12293
  13. Ärzteblatt, D.Ä.G., Redaktion Deutsches: Die verschiedenen Gesichter der Histaminintoleranz, https://www.aerzteblatt.de/archiv/53958/Die-verschiedenen-Gesichter-der-Histaminintoleranz
  14. Bódis, J., Tinneberg, H.R., Schwarz, H., Papenfuss, F., Török, A., Hanf, V.: The effect of histamine on progesterone and estradiol secretion of human granulosa cells in serum-free culture. Gynecol. Endocrinol. 7, 235–239 (1993)
  15. Rubio, E., Estañ, L.A., Morales-Olivas, F.J., Martinez-Mir, I.: Influence of hormonal treatment on the response of the rat isolated uterus to histamine and histamine receptor agonists. European Journal of Pharmacology. 212, 31–36 (1992). doi:10.1016/0014-2999(92)90068-F
  16. Hamada, Y., Shinohara, Y., Yano, M., Yamamoto, M., Yoshio, M., Satake, K., Toda, A., Hirai, M., Usami, M.: Effect of the menstrual cycle on serum diamine oxidase levels in healthy women. Clin. Biochem. 46, 99–102 (2013). doi:10.1016/j.clinbiochem.2012.10.013
  17. Guida, B., De Martino, C.D., De Martino, S.D., Tritto, G., Patella, V., Trio, R., D’Agostino, C., Pecoraro, P., D’Agostino, L.: Histamine plasma levels and elimination diet in chronic idiopathic urticaria. Eur J Clin Nutr. 54, 155–158 (2000)
  18. Bericht & Report: Histaminunverträglichkeit. 5
  19. Histaminintoleranz, http://www.akadmed.com/files_dow/elearn/Lehrbuch/NMU_Histaminintoleranz_Jarisch_2010-01-01.pdf
  20. Histaminintoleranz: Fakt oder Fiktion?, https://www.rosenfluh.ch/rosenfluh/stories/publikationen/tmj/2009-02/10_Histaminintoleranz_2.09.pdf
  21. Mušič, E., Korošec, P., Šilar, M., Adamič, K., Košnik, M., Rijavec, M.: Serum diamine oxidase activity as a diagnostic test for histamine intolerance. Wien. Klin. Wochenschr. 125, 239–243 (2013). doi:10.1007/s00508-013-0354-y
  22. Maintz, L., Benfadal, S., Allam, J.-P., Hagemann, T., Fimmers, R., Novak, N.: Evidence for a reduced histamine degradation capacity in a subgroup of patients with atopic eczema. J. Allergy Clin. Immunol. 117, 1106–1112 (2006). doi:10.1016/j.jaci.2005.11.041