Ti auguriamo buon divertimento nella lettura

I nostri esperti ti possono aiutare a riconoscere e capire meglio i tuoi sintomi, clicca qui

Ormoni tiroidei e valori THS, fT3 e fT4: come influenzano la tua salute

Pieno di energia o svogliato? Magro o paffuto? Sudare o avere freddo? Gli ormoni tiroidei regolano la velocità del metabolismo - e quindi il tuo benessere!

Piccola ma con un grande effetto - così si può descrivere la tiroide perché con l'aiuto dei suoi ormoni, decide se il nostro corpo funziona a tutta velocità o in ritardo. La digestione, la crescita, l'attività cerebrale, il calore del corpo e il sistema cardiovascolare sono esempi di processi corporei e metabolici che dipendono dal piccolo organo a forma di farfalla.

In questo articolo diamo uno sguardo più da vicino agli ormoni tiroidei: come si formano e come funzionano? Spieghiamo anche quali valori tiroidei sono normali e cosa potrebbero significare le deviazioni.

Cos'è la tiroide?

La tiroide è una ghiandola ormonale. Ha le dimensioni di un pollice e pesa tra 18 grammi (donne) e 25 grammi (uomini) in un adulto. Il piccolo organo ha la forma di una farfalla e si trova nella gola - sotto la laringe e davanti alla trachea [1].

La tiroide ha un'importante funzione di controllo: produce gli ormoni tiroidei tiroxina (T4, chiamata anche L-tiroxina) e triiodotironina (T3). Questi ormoni regolano e influenzano il metabolismo e la funzione di altri organi. In caso di ipotiroidismo o ipertiroidismo, la produzione di ormoni può essere disturbata [2].

Perché lo iodio è importante per la tiroide?

Lo iodio è l'elemento base degli ormoni tiroidei: fino all'80% dello iodio proveniente dal cibo viene consumato nella ghiandola tiroidea per la produzione di ormoni [3]. Allo stesso tempo, lo iodio è un oligoelemento essenziale. Questo significa che il corpo non può produrre iodio da solo e deve assumerlo attraverso il cibo. Gli adulti hanno bisogno di 150-200 microgrammi di iodio al giorno per poter produrre abbastanza ormoni tiroidei [4].

Come funzionano gli ormoni tiroidei nel corpo?

Gli ormoni tiroidei controllano la formazione delle proteine nelle cellule del nostro corpo e quindi varie funzioni e processi metabolici, per esempio [2]:

  • il consumo di energia;
  • i muscoli;
  • il sistema cardiovascolare;
  • l'attività cerebrale;
  • la fertilità;
  • la pelle e i capelli:
  • la digestione.

La tiroide è un importante centro di controllo del corpo che assicura un livello ormonale equilibrato. Troppo pochi, ma anche troppi ormoni tiroidei possono influenzare negativamente l'intero metabolismo [2].

Come vengono prodotti gli ormoni tiroidei?

Quando e in quale quantità la tiroide produce ormoni dipende dal cervello, più precisamente dall'ipotalamo (una parte del diencefalo) e dall'ipofisi.

Il TSH regola la ghiandola tiroidea

L'ipofisi controlla la tiroide producendo l'ormone stimolante la tiroide (TSH, chiamato anche tireotropina). Il TSH stimola poi la tiroide a produrre gli ormoni T3 e T4. L'obiettivo è quello di mantenere la quantità di ormone nel sangue il più costante possibile:

  • se ci sono troppi ormoni tiroidei nel sangue, il livello di TSH scende. La tiroide riduce la produzione di ormoni.
  • Se ci sono troppo pochi ormoni tiroidei nel sangue, il livello di TSH sale. La tiroide poi aumenta di nuovo la produzione di ormoni.

Quanto TSH la ghiandola pituitaria rilascia è a sua volta reso possibile da un altro ormone, il TRH (ormone di rilascio della tireotropina). Il TRH è rilasciato dall'ipotalamo [5].

Formazione di T3 e T4

Il TSH dà il segnale alla ghiandola tiroidea di produrre i suoi ormoni. La tiroide produce poi gli ormoni triiodotironina (T3) e tiroxina (T4) dall'oligoelemento iodio e li rilascia nel sangue.

I due ormoni tiroidei differiscono nella loro struttura molecolare: la tiroxina ha quattro atomi di iodio (T4), mentre la triiodotironina ne ha solo tre (T3). La T4 è prodotta in quantità molto maggiori perché è più stabile della T3.

Gli ormoni sono legati a speciali proteine nel sangue e possono così essere trasportati a diversi organi. Le cellule del corpo assorbono gli ormoni dal sangue. Un atomo di iodio viene scisso dall'ormone T4: si forma il T3 biologicamente attivo e può ora controllare vari processi metabolici nelle cellule [2].

Buono a sapersi: quando si controllano i livelli della tiroide, si determina la forma libera degli ormoni tiroidei T4 e T3 nel sangue - cioè il T4 libero (fT4) e il T3 libero (fT3). Questa forma non è legata alle proteine di trasporto e riflette la funzione della tiroide meglio della concentrazione totale di T4 e T3 [5].

Quali sono i livelli normali della tiroide?

Quando si controllano i livelli della tiroide, si determinano le concentrazioni degli ormoni tiroidei TSH, L-tiroxina (fT4) e triiodotironina (fT3) nel sangue.

In questa tabella troverai dei valori di riferimento esemplari [6], [7]:

TSH

0,4 a 4,0 mU/l (mU/l = milli-unità per litro)

fT3

5,4 a 12,3 pmol/l (pmol/l = picomoli per litro)

fT4

10 a 23 pmol/l

Nota: poiché i laboratori a volte usano metodi diversi, i valori di riferimento qui riportati possono essere diversi!

Cosa ci dice il valore del TSH?

Il valore del TSH fornisce una prima indicazione per sapere se la tiroide sta producendo adeguatamente i propri ormoni. Se il tuo livello di TSH è normale, cioè entro l'intervallo di riferimento, la disfunzione tiroidea può essere ampiamente esclusa in questo caso [6]. Se il valore di TSH è al di fuori dell'intervallo di riferimento, fT3 e fT4 danno ulteriori indicazioni sulla condizione della ghiandola tiroidea.

Nella disfunzione tiroidea, il valore del TSH cambia in direzione opposta ai valori di fT4 e fT3:

  • nell'ipertiroidismo, il valore di TSH si abbassa, fT4 e/o fT3 aumentano [8];
  • nell'ipofunzione, il valore del TSH aumenta, la fT4 e di solito anche la fT3 diminuiscono [9].

 Interessante: nel caso di un ipertiroidismo o ipotiroidismo incipiente, solo il valore del TSH è cambiato, mentre i valori tiroidei fT4 e fT3 sono ancora nell'intervallo di riferimento: questo è anche chiamato ipertiroidismo o ipotiroidismo lieve o latente [10].

Quali sono i sintomi del TSH basso?

Se il tuo livello di TSH è troppo basso, probabilmente hai troppo ormone tiroideo nel tuo corpo. Il tuo cervello riduce il rilascio di TSH per smettere di stimolare la formazione di T3 e T4 nella ghiandola tiroidea. I possibili sintomi includono [2]:

  • perdita di peso;
  • irrequietezza, palpitazioni;
  • sudorazione;
  • aumento dell'appetito;
  • movimenti intestinali frequenti.

Quali sono i sintomi del TSH alto?

Se il tuo livello di TSH è troppo alto, probabilmente hai troppo poco ormone tiroideo nel tuo corpo. Il tuo cervello aumenta il rilascio di TSH in modo che la tiroide produca T3 e T4. I possibili sintomi includono [2]:

  • aumento di peso;
  • lentezza, battito cardiaco lento;
  • pelle secca;
  • perdita di appetito;
  • costipazione.

Quando dovrei controllare i miei livelli di tiroide?

Vuoi saperne di più sul funzionamento della tua tiroide? Vuoi scoprire se produci abbastanza ormoni per un metabolismo sano nel tuo corpo? Allora un esame della tiroide è una buona idea.

Un esame può anche essere utile se hai notato sintomi di ipertiroidismo o ipotiroidismo. L'ipotiroidismo è spesso il risultato della tiroidite di Hashimoto, specialmente nelle donne.

Controllo della tiroide se vuoi avere figli

Gli esperti raccomandano alle donne che vogliono avere figli di controllare i loro livelli di tiroide. Se una gravidanza non si concretizza, la causa potrebbe essere un disturbo della tiroide. Questo perché gli ormoni tiroidei controllano anche la fertilità e la riproduzione. Se gli ormoni tiroidei non sono in equilibrio, questo influisce sulla maturazione degli ovuli e sul ciclo mestruale. Le donne colpite rimangono incinte meno spesso [11].

Il feto può produrre autonomamente gli ormoni tiroidei solo dopo la 12a settimana - fino ad allora il suo sviluppo sano dipende dalla madre: la tiroxina materna (T4) viene trasmessa al bambino attraverso la placenta e dovrebbe quindi poter essere prodotta in quantità sufficiente [12]!

Controllare regolarmente in caso di problemi alla tiroide

Ti è già stata diagnosticata una disfunzione tiroidea? Se è così, dovresti far controllare i tuoi livelli a intervalli regolari. Inoltre, il tuo bisogno di ormoni tiroidei dipende dalle tue circostanze di vita e può cambiare di conseguenza. Tali situazioni di vita includono [2]:

  • gravidanza;
  • prendere la pillola contraccettiva;
  • malattie gastrointestinali croniche;
  • assunzione di farmaci (per esempio, cortisone o antipertensivi);
  • età.

Lo sapevi? L'estrogeno, ormone sessuale femminile, non solo influenza l'umore, il ciclo mestruale e l'interesse sessuale, ma protegge anche la salute fisica della donna.

In sintesi:

Cos'è la ghiandola tiroidea?

La tiroide è una ghiandola ormonale delle dimensioni di un pollice e si trova nel collo. Produce ormoni tiroidei, che sono importanti sostanze messaggere che influenzano e regolano il metabolismo e la funzione degli organi del corpo.

Quali sono gli ormoni tiroidei e come funzionano?

Tre diversi ormoni tiroidei sono importanti in relazione ai livelli di tiroide: tiroxina (T4, chiamata anche L-tiroxina), triiodotironina (T3) e l'ormone stimolante la tiroide (TSH, chiamato anche tireotropina).

T3 e T4 influenzano, per esempio, il consumo di energia, il sistema cardiovascolare, la condizione della pelle e dei capelli e la fertilità.

Cosa ci dice il valore del TSH?

Il livello di TSH fornisce una prima indicazione del fatto che la tiroide stia o meno producendo adeguatamente i propri ormoni.

Se il tuo livello di TSH è all'interno dell'intervallo di riferimento, puoi in gran parte escludere una disfunzione tiroidea. Se il livello di TSH è fuori dall'intervallo di riferimento, fT3 e fT4 danno ulteriori indizi sulla condizione della ghiandola tiroidea.

Chi dovrebbe verificare i propri livelli di tiroide?

Alle donne che vogliono avere figli si raccomanda di far controllare i loro livelli di tiroide. Per le donne incinte, è parte integrante delle cure mediche preventive per assicurare lo sviluppo sano del feto.

Se ti è già stata diagnosticata una disfunzione tiroidea, dovresti far controllare i tuoi livelli a intervalli regolari.

Fonti

[1] „Anatomie der Schilddrüse sowie der Nebenschilddrüse“, Deutsches Schilddrüsenzentrum. https://www.deutsches-schilddruesenzentrum.de/wissenswertes/anatomie-der-schilddruese/ (zugegriffen Juli 30, 2020).

[2] M. Droste und M. Derwahl, „Schilddrüsenhormon - Regulation und Substitution“. Deutsche Gesellschaft für Endokrinologie - Hormone und Stoffwechsel, 2013, Zugegriffen: Juli 30, 2020. [Online]. Verfügbar unter: https://www.endokrinologie.net/broschueren.php.

[3] „Bedeutung des Jod für die Schilddrüse“, Deutsches Schilddrüsenzentrum. https://www.deutsches-schilddruesenzentrum.de/wissenswertes/funktion-der-schilddruese/bedeutung-des-jod-fuer-die-schilddruese/ (zugegriffen Juli 30, 2020).

[4] Deutsche Gesellschaft für Ernährung e.V., „Referenzwerte Jod“. https://www.dge.de/wissenschaft/referenzwerte/jod/ (zugegriffen Juli 30, 2020).

[5] „Hormone und Hormonproduktion der Schilddrüse“, Deutsches Schilddrüsenzentrum. https://www.deutsches-schilddruesenzentrum.de/wissenswertes/funktion-der-schilddruese/hormone-und-hormonproduktion-der-schilddruese/ (zugegriffen Juli 30, 2020).

[6] „Laborwerte: Wenn die Schilddrüse erkrankt“, Pharmazeutische Zeitung online. https://www.pharmazeutische-zeitung.de/ausgabe-102008/wenn-die-schilddruese-erkrankt/ (zugegriffen Aug. 03, 2020).

[7] Deutsches Ärzteblatt, „Schilddrüse: Hormonwerte im unteren Normalbereich erhöhen...“, Deutsches Ärzteblatt, Sep. 19, 2017. https://www.aerzteblatt.de/nachrichten/79411/Schilddruese-Hormonwerte-im-unteren-Normalbereich-erhoehen-Lebenserwartung (zugegriffen Aug. 03, 2020).

[8] G. J. Kahaly, L. Bartalena, L. Hegedüs, L. Leenhardt, K. Poppe, und S. H. Pearce, „2018 European Thyroid Association Guideline for the Management of Graves’ Hyperthyroidism“, ETJ, Bd. 7, Nr. 4, S. 167–186, 2018, doi: 10.1159/000490384.

[9] L. Persani u. a., „2018 European Thyroid Association (ETA) Guidelines on the Diagnosis and Management of Central Hypothyroidism“, ETJ, Bd. 7, Nr. 5, S. 225–237, 2018, doi: 10.1159/000491388.

[10] W. M. Wiersinga, „Guidance in Subclinical Hyperthyroidism and Subclinical Hypothyroidism: Are We Making Progress?“, ETJ, Bd. 4, Nr. 3, S. 143–148, 2015, doi: 10.1159/000438909.

[11] „Schilddrüse und Kinderwunsch“, Deutsches Schilddrüsenzentrum. https://www.deutsches-schilddruesenzentrum.de/wissenswertes/schilddruese-und-kinderwunsch/ (zugegriffen Aug. 04, 2020).

[12] R. Gärtner, „Jodstoffwechsel und Einflüsse auf die Schilddrüse“, Ernährungsumschau, Nr. 62(12), S. M694–M703, Dez. 2015, doi: 10.4455/eu.2015.039.

Vuoi capire meglio il tuo corpo?

Misurando i tuoi parametri di salute, ricevi informazioni preziose sul potenziale del tuo corpo. A questo scopo, abbiamo sviluppato i kit cerascreen® per la raccolta e l'invio del campione da parte dell'utente finale. Facili e veloci da usare a casa e da rimandare gratuitamente al nostro laboratorio specializzato!

I nostri test sulla salute

Ci presentiamo

Vogliamo aiutare i nostri clienti a vivere una vita più sana. Per fare questo, lavoriamo con scienziati, medici ed ecotrofologi per sviluppare test che aiutano a capire meglio i sintomi del corpo.

Per saperne di più

Informazioni gratuite sulla salute

Ottieni consigli sulla salute e informazioni su come i kit per la raccolta e l'invio del campione da casa possono migliorare la tua vita.

Registrati ora
Contenuto