Ti auguriamo buon divertimento nella lettura

I nostri esperti ti possono aiutare a riconoscere e capire meglio i tuoi sintomi, clicca qui

Allergia al latte - sintomi, diagnosi, terapia

 

L'allergia al latte è una delle allergie alimentari più comuni, soprattutto nei bambini. Se ti viene diagnosticata un'allergia al latte, dovresti cambiare la tua dieta - e anche prestare attenzione all'assunzione di nutrienti importanti come il calcio.

Il latte si trova in molti più alimenti di quanto si pensi, in prodotti da forno, cibi pronti, salse - e le persone spesso lo notano solo se non tollerano il latte. Chiunque abbia un'allergia al latte deve prestare particolare attenzione a questo. Anche la più piccola quantità può causare reazioni allergiche che vanno dal prurito alla gola alla diarrea e persino al collasso circolatorio.

In questo articolo, puoi leggere cosa succede nel corpo quando hai un'allergia al latte, quali sintomi mostra e come puoi cambiare la tua dieta in caso di allergia. Inoltre, scoprirai a cosa bisogna fare attenzione quando neonati e bambini soffrono di un'allergia al latte.

Cos'è un'allergia al latte?

L'allergia al latte è una delle allergie alimentari più comuni nel mondo. Soprattutto i neonati e i bambini sotto i cinque anni sono colpiti. Durante l'infanzia o l'adolescenza, l'allergia spesso scompare - ma non sempre.[1] È difficile dire esattamente quante persone siano allergiche: secondo la European Centre for Allergy Research Foundation, il 2,3% sospetta di avere un'allergia al latte, ma solo lo 0,6% è stato effettivamente diagnosticato.[2]

Suggerimento: leggi tutto su un'altra allergia alimentare comune nel nostro portale della salute: l'allergia all'uovo di gallina.

Un'allergia è sempre una reazione del sistema immunitario agli allergeni, cioè a certe sostanze che il corpo classifica erroneamente come un pericolo. Nel caso dell'allergia al latte, si tratta di proteine contenute nel latte di mucca. La maggior parte di queste proteine appartengono alle caseine, che si trovano nella parte solida del latte, e alle proteine del siero. Gli allergeni del latte si trovano anche in prodotti lattiero-caseari come formaggio, ricotta, yogurt e panna[3]

Il calore può distruggere le proteine del siero di latte - ma la maggior parte delle persone sono allergiche ai vari allergeni del latte e la maggior parte di loro sono resistenti al calore. Quindi, nella maggior parte dei casi, far bollire il latte o comprare alimenti lavorati non ti proteggerà dall'allergia al latte [4].

Cause dell'allergia al latte

Gli scienziati non possono ancora dire esattamente come si sviluppano le allergie. Ciò che è chiaro è che il nostro sistema immunitario avvia reazioni difettose in caso di allergia. La composizione della flora intestinale, cioè i batteri del nostro intestino, viene considerata una possibile causa.

Inoltre, gioca un ruolo la predisposizione genetica. I bambini hanno un rischio maggiore di sviluppare un'allergia alimentare come quella al latte se uno o entrambi i genitori soffrono di allergia, asma o neurodermite[1, 5, 6]

Cosa succede nel corpo durante un'allergia al latte?

Nel caso di un'allergia, il corpo produce un numero maggiore dei cosiddetti anticorpi IgE. Gli anticorpi fanno sì che le cellule del sistema immunitario rilascino la sostanza messaggera istamina quando l'allergene entra nel corpo. L'istamina causa poi l'infiammazione delle membrane mucose - e quindi le tipiche reazioni allergiche[7]

Importante: un'allergia al latte non è un'intolleranza al lattosio, e le due condizioni devono essere diagnosticate e trattate in modo diverso. Nell'intolleranza al lattosio, l'intestino ha difficoltà ad elaborare lo zucchero del latte (lattosio) .[9] A differenza di un'allergia, l'intolleranza al lattosio si manifesta quasi esclusivamente attraverso disturbi del tratto gastrointestinale come flatulenza e diarrea .[7, 9]

Differenza intolleranza al lattosio e allergia al latte

Allergia al latte vaccino nei neonati e nei bambini

L'allergia al latte vaccino è la forma più comune di allergia alimentare nei neonati e nei bambini piccoli. Le prime reazioni di solito iniziano quando si dà cibo solido al bambino dopo l'allattamento al seno. In casi molto rari, l'allergia può diventare evidente durante l'allattamento.

Uno studio su quasi 300 bambini ha mostrato che il 50% dei bambini ha perso l'allergia al latte vaccino entro il quinto compleanno. In altri studi, l'80% dei bambini non aveva più sintomi in età scolare. Se l'allergia persiste in età adulta, tuttavia, spesso rimane per il resto della vita[1, 2, 10].

Buono a sapersi: molti dei bambini che sono allergici al latte hanno anche altre allergie. Un'allergia al latte è spesso la prima a svilupparsi. Anche le allergie alimentari si presentano spesso insieme alla neurodermite[3].

Allergie crociate in caso di allergia al latte

Se hai un'allergia, puoi sviluppare allergie crociate. Questo è quando il tuo sistema immunitario reagisce agli allergeni che sono simili ai fattori scatenanti della tua allergia. Nel caso del latte di mucca, per esempio, le reazioni crociate con altri tipi di latte, specialmente quello di capra e di pecora, si verificano in circa il 90% dei casi. L'allergia crociata con il manzo è possibile, ma più rara[1].

L'allergia al manzo è legata a un'allergia al latte di mucca

Cosa c'è nel latte?

Il latte fornisce vitamine essenziali, come la vitamina B12 e la vitamina B2, e i minerali magnesio, ferro e zinco. Soprattutto, però, è il principale fornitore di calcio. Grazie al calcio, il latte aiuta a mantenere la densità ossea con l'età, proteggendo dall'osteoporosi e dalle fratture ossee.[11, 12] Tuttavia, come tutti gli alimenti, il latte contiene solo piccole quantità di vitamina D - non puoi soddisfare il tuo fabbisogno della vitamina del sole con i latticini. Questo funziona solo nei paesi in cui la vitamina D viene aggiunta al latte, come gli Stati Uniti e la Scandinavia.

Buono a sapersi: se il contenuto di grasso del latte diminuisce, diminuisce anche il contenuto di nutrienti. Il latte a basso contenuto di grassi contiene quindi non solo meno grassi, ma anche, per esempio, meno ferro e vitamina A.

l latte è composto dal 90% di acqua, il resto è composto da grassi, proteine e carboidrati sotto forma di lattosio. I grassi che contiene sono principalmente acidi grassi saturi, che dovrebbero costituire solo una piccola parte della dieta. D'altra parte, il corpo può utilizzare molto bene le proteine del latte[11].

Sintomi dell'allergia al latte

Gli allergeni del latte scatenano spesso reazioni da forti a molto forti e molto diverse. I sintomi possono verificarsi non solo nella bocca e nel tratto gastrointestinale, ma anche sulla pelle e nel tratto respiratorio[4, 9]

  • respiratorio: difficoltà di respirazione, tosse, naso che cola, gonfiore della laringe.
  • Pelle: orticaria (orticaria), gonfiore improvviso (angioedema), prurito.
  • Bocca: gonfiore intorno alla bocca.
  • Tratto gastrointestinale: nausea, vomito, dolore addominale e diarrea.

Anche sintomi aspecifici come la stanchezza possono indicare un'allergia al latte di mucca. I sintomi di solito appaiono poco tempo dopo aver consumato il latte. Questa è anche chiamata allergia di tipo immediato.

Alcune persone sperimentano quello che viene chiamato shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, la forma più grave di reazione allergica. Lo shock può causare mancanza di respiro, battito cardiaco rapido, vertigini e problemi circolatori, anche incoscienza - e può essere pericoloso per la vita. L'allergia al latte vaccino scatena dal dieci al venti per cento di tutti gli shock anafilattici indotti dal cibo. Solo le allergie alle noci sono più frequentemente responsabili dello shock anafilattico[4, 9, 14]

Trattamento dell'allergia al latte

Se ti è stata diagnosticata un'allergia al latte, c'è solo una vera opzione terapeutica: devi eliminare il latte e i prodotti lattiero-caseari dalla tua dieta. Finora non esiste una cura per l'allergia al latte.

i sono però alcune cose da tenere a mente. Da un lato, il latte si trova in molte salse, prodotti da forno e prodotti pronti, e anche piccole quantità possono scatenare i sintomi nelle persone con un'allergia. D'altra parte, nutrienti come il calcio dovrebbero essere presi da altre fonti se non si beve il latte[1]

Importante: i farmaci possono contenere anche latte e componenti del latte. Chiedi sempre al tuo medico o farmacista.

Cosa posso mangiare se ho un'allergia al latte?

Prodotti da mangiare se hai un'allergia al latte

Le persone con un'allergia al latte di solito reagiscono a tutti i prodotti a base di latte. Come soggetto allergico, gli alimenti da evitare sono i seguenti[1, 15]

  • latticello e prodotti simili come kefir
  • formaggio e tutto ciò che contiene formaggio
  • yogurt e quark
  • gelato e budino
  • crema e burro

Buono a sapersi: le bevande di soia sono una popolare alternativa al latte. Fai però attenzione perché la soia scatena anche molto spesso delle allergie - e le persone che sono inclini alle allergie alimentari hanno un rischio maggiore di sviluppare altre allergie[1, 15].

In cosa si nasconde il latte?

Il latte si trova in molti alimenti trasformati - anche in quelli in cui non si potrebbe sospettare immediatamente. Dovresti quindi leggere gli ingredienti sulla confezione e chiedere nei ristoranti o nelle panetterie se hai dei dubbi.

Il latte può nascondersi nei seguenti alimenti[3]

  • pane, torte e altri prodotti da forno
  • polpette, carne impanata e pesce impanato
  • salse, zuppe, maionese e creme spalmabili vegetariane
  • dolci come cioccolato, torrone e caramello
  • proteine in polvere con caseina o proteine del siero di latte

Secondo la legislazione alimentare europea, i produttori devono indicare sui loro prodotti se contengono latte. I ristoranti, le panetterie e i venditori del mercato settimanale sono anche obbligati a rispondere alle tue domande sugli allergeni. Tuttavia, la dichiarazione ""Può contenere tracce di latte / componenti del latte"" è volontaria - quindi a volte gli alimenti non etichettati possono contenere tracce di latte [1,15]

Buone fonti di calcio, oltre ai latticini[17].

  • alcune verdure come i broccoli, il cavolo e la rucola
  • acqua minerale ricca di calcio
  • noci come nocciole e noci del Brasile

Buono a sapersi: l'assunzione di calcio raccomandata per gli adulti è di 1000 milligrammi al giorno. Puoi soddisfare il tuo fabbisogno di calcio con, per esempio, 250 millilitri di latte e due fette di formaggio Emmental (50-60 grammi)[17].

Medicinali e farmaci d'emergenza

Gli antistaminici possono alleviare i tuoi sintomi se hai delle allergie. Questi farmaci sono anche conosciuti come ""compresse per l'allergia"". Tuttavia, sono adatti solo per un uso a breve termine.

Se hai già subito uno shock anafilattico, il tuo medico ti prescriverà un kit di emergenza per l'anafilassi. Il kit contiene, tra le altre cose, una penna di adrenalina e un preparato di cortisone e può essere un salvavita in caso di shock[18].

Immunoterapia (iposensibilizzazione)

Per alcune allergie, è già possibile sottoporsi all'immunoterapia (chiamata anche iposensibilizzazione). Questo comporta che i medici ti diano piccole dosi dell'allergene per degli anni. Con il tempo, si suppone che il sistema immunitario si abitui ai fattori scatenanti dell'allergia e abbassi la sua reazione di difesa. Per le allergie alimentari, tuttavia, questo tipo di terapia è ancora agli inizi. Finora ci sono stati solo studi clinici – con un successo iniziale nel caso dell'allergia alle arachidi, ma anche con molti effetti collaterali. L'immunoterapia non è ancora possibile per l'allergia al latte[18].

Bambini e neonati allergici al latte

Se i neonati o i bambini hanno un'allergia al latte, tu come genitori dovresti prestare particolare attenzione alla dieta del tuo bambino. Dovresti tenere gli allergeni lontani dal tuo bambino - l'esposizione alle allergie gravi può aumentare il rischio di asma bronchiale e dermatite atopica.

È molto importante, soprattutto per i bambini piccoli, ricevere abbastanza calcio, vitamine del gruppo B e proteine, tutti nutrienti che si trovano nel latte e nei prodotti caseari. Ai bambini che non tollerano il latte materno o che non possono essere allattati al seno viene spesso data una formula speciale con tutte le proteine essenziali.

Un'allergia al latte può essere molto limitante, soprattutto se è aggravata da altre allergie e intolleranze. Se tu o il tuo bambino ne siete affetti, puoi chiedere consiglio a dietologi, pediatri e medici allergologi che possono aiutarti a fare cambiamenti equilibrati nella dieta [1,19].

Finché allatti al seno come madre, dovresti anche evitare i latticini se il tuo bambino ha un'allergia al latte. Gli allergeni possono raggiungere il bambino attraverso il latte materno [1,19].

L'allattamento al seno è altrimenti considerato capace di ridurre il rischio di allergie. Le linee guida mediche raccomandano quindi l'allattamento al seno quando possibile e l'introduzione di alimenti complementari a partire dai 5 mesi di età. Omettere dalla dieta gli alimenti che spesso scatenano le allergie non protegge dalle allergie [20].

Alternative al latte

Dall'età di 1 anno, puoi nutrire il tuo bambino con latte di soia se non ha un'allergia alla soia. La soia è ricca di proteine e le bevande di soia sono spesso arricchite con calcio e vitamine del gruppo B. Si può anche cucinare e cuocere bene con le bevande di soia e altre alternative al latte come le bevande di avena, riso e mandorle.

Tuttavia, queste bevande a base vegetale sono adatte solo come supplemento se il bambino può già mangiare altri alimenti come carne, cereali, frutta e verdura [1,19].

Buono a sapersi: secondo uno studio, circa il 75 per cento dei bambini con allergie ai latticini può tollerare i latticini altamente riscaldati dal forno. Nello studio, i ricercatori hanno testato questo con waffles e muffin, così come il formaggio sulla pizza. È possibile che i prodotti lattiero-caseari cotti al forno possano persino aumentare la possibilità che l'allergia vada via. Ma attenzione: se il tuo bambino può tollerare il latte in questa forma è qualcosa che dovresti provare solo con un medico [21].

Test per l'allergia al latte

Secondo le linee guida mediche, i medici diagnosticano un'allergia quando sono presenti due circostanze [22]:

  • si avvertono i sintomi quando si entra in contatto con l'allergene
  • il tuo corpo ha una sensibilizzazione all'allergene, quindi produce troppi anticorpi IgE specifici - se questo è il caso può essere determinato con un esame del sangue o un prick test sulla pelle.

In un prick test, i medici grattano l'allergene sotto la pelle con una lancetta - se si formano sieri e arrossamenti, c'è una sensibilizzazione. In alternativa, i laboratori possono misurare il numero di certi anticorpi IgE nel sangue. Un numero elevato indica anche una sensibilizzazione. Per essere sicuro, puoi fare un test di provocazione: questo comporta la somministrazione dell'allergene sotto la supervisione di un medico. Il medico osserva se ci sono dei sintomi.

Test di allergia al latte e alle uova da fare a casa

Puoi eseguire un test allergico nell'ufficio del tuo medico di famiglia o dell'allergologo, per esempio - ma anche nel comfort della tua casa con il Test Allergia Proteine del Latte e Uova cerascreen®. Con il kit del test puoi prendere alcune gocce di sangue dal dito e inviare il campione in una provetta al nostro laboratorio specializzato che misura il numero di anticorpi IgE per latte e uova. Dopo l’analisi, riceverai un referto dei risultati che ti dirà se hai una sensibilizzazione al latte di mucca e alle uova di gallina.

In sintesi

Cos'è un'allergia al latte?

L'allergia al latte è una delle allergie alimentari più comuni in tutto il mondo. Si verifica principalmente nei bambini piccoli e scompare in molti casi durante l'infanzia e l'adolescenza. In caso di allergia, il sistema immunitario avvia reazioni difensive contro le proteine innocue del latte, il che porta ai sintomi allergici.

Quali sono i sintomi dell'allergia al latte?

L'allergia si manifesta di solito con sintomi gastrointestinali come diarrea e gonfiore, irritazione della pelle, gonfiore in bocca e sintomi respiratori. A volte ci sono anche sintomi non specifici come mal di testa e stanchezza.

Quali alimenti dovrei evitare se ho un'allergia al latte?

Il latte non si trova solo nei prodotti caseari come formaggio, yogurt e panna. Molti prodotti da forno e prodotti finiti contengono anche latte, per esempio salse, dolci e prodotti di carne lavorati.

A cosa devo prestare attenzione se neonati e bambini hanno allergie al latte?

Se i bambini e specialmente i neonati non tollerano il latte, tu come genitore dovresti assicurarti che abbiano un adeguato apporto di vitamine del gruppo B e di calcio. Se i bambini sono anche allergici al latte materno, è meglio consultare il proprio pediatra, allergologo o nutrizionista.

Bibliografia

[1]        H. Hochwallner, U. Schulmeister, I. Swoboda, S. Spitzauer, und R. Valenta, „Cow’s milk allergy: From allergens to new forms of diagnosis, therapy and prevention“, Methods, Bd. 66, Nr. 1, S. 22–33, März 2014, doi: 10.1016/j.ymeth.2013.08.005.

[2]        dem European Centre for Allergy Research Foundation, „Kuhmilchallergie“, ECARF. http://www.ecarf.org/info-portal/allergien/kuhmilchallergie/ (zugegriffen März 15, 2018).

[3]        „Milk allergy - Symptoms and causes“, Mayo Clinic. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/milk-allergy/symptoms-causes/syc-20375101 (zugegriffen März 16, 2018).

[4]        A. Fiocchi u. a., „Diagnosis and Rationale for Action against Cow’s Milk Allergy (DRACMA): A summary report“, Journal of Allergy and Clinical Immunology, Bd. 126, Nr. 6, S. 1119-1128.e12, Dez. 2010, doi: 10.1016/j.jaci.2010.10.011.

[5]        D. Graham-Rowe, „Lifestyle: When allergies go west“, Nature, Bd. 479, Nr. 7374, S. S2–S4, Nov. 2011, doi: 10.1038/479S2a.

[6]        B. Björkstén, „Genetic and environmental risk factors for the development of food allergy“, Curr Opin Allergy Clin Immunol, Bd. 5, Nr. 3, S. 249–253, Juni 2005.

[7]        H. Kasper und W. Burghardt, Ernährungsmedizin und Diätetik, 12., überarb. Aufl. München: Elsevier, Urban & Fischer, 2014.

[8]        „What Is Casein? Foods With Casein, Casein Allergies, and More“, WebMD. https://www.webmd.com/allergies/casein-allergy-overview (zugegriffen März 09, 2018).

[9]        C. Schäfer, A. Constien, und I. Reese, Praxisbuch Lebensmittelallergie Der sichere Weg zur richtigen Diagnose und optimalen Therapie bei Allergien und Unverträglichkeiten. München: E-Books der Verlagsgruppe Random House GmbH, 2009.

[10]      R. A. Wood u. a., „The natural history of milk allergy in an observational cohort“, J. Allergy Clin. Immunol., Bd. 131, Nr. 3, S. 805–812, März 2013, doi: 10.1016/j.jaci.2012.10.060.

[11]      S. W. Souci, W. Fachmann, H. Kraut, G. Andersen, K. Soyka, und Deutsche Forschungsanstalt für Lebensmittelchemie, Lebensmitteltabelle für die Praxis Der kleine Souci/Fachmann/Kraut. Stuttgart: Wissenschaftliche Verlagsgesellschaft Stuttgart, 2011.

[12]      R. Rizzoli, „Dairy products, yogurts, and bone health“, The American Journal of Clinical Nutrition, Bd. 99, Nr. 5, S. 1256S-1262S, Mai 2014, doi: 10.3945/ajcn.113.073056.

[13]      D. Kusche u. a., „Fatty acid profiles and antioxidants of organic and conventional milk from low- and high-input systems during outdoor period“, Journal of the Science of Food and Agriculture, Bd. 95, Nr. 3, S. 529–539, Feb. 2015, doi: 10.1002/jsfa.6768.

[14]      J. D. Kattan, R. R. Cocco, und K. M. Järvinen, „Milk and Soy Allergy“, Pediatric Clinics of North America, Bd. 58, Nr. 2, S. 407–426, Apr. 2011, doi: 10.1016/j.pcl.2011.02.005.

[15]      G. du Toit u. a., „Identifying and managing cow’s milk protein allergy“, Archives of Disease in Childhood - Education and Practice, Bd. 95, Nr. 5, S. 134–144, Sep. 2010, doi: 10.1136/adc.2007.118018.

[16]      Max Rubner-Institut. Bundesforschungsinstitut für Ernährung und Lebensmittel, „Ergebnisbericht, Teil 2 Nationale Verzehrsstudie II“, S. 307, 2008.

[17]      "La DGE actualiza los valores de referencia del calcio“. hhttps://www.dge.de/presse/pm/dge-aktualisiert-die-referenzwerte-fuer-calcium/ (consultado el 21 de marzo de 2018).

[18]      undación del Centro Europeo para la Investigación de la Alergia,, ""Chicken Egg Allergy"" ECARF. http://www.ecarf.org/info-portal/allergien/huehnereiallergie/ (zugegriffen März 13, 2018).

[19]      L. Nachshon u. a., „Decreased bone mineral density in young adult IgE-mediated cow’s milk–allergic patients“, Journal of Allergy and Clinical Immunology, Bd. 134, Nr. 5, S. 1108-1113.e3, Nov. 2014, doi: 10.1016/j.jaci.2014.06.026.

[20]      T. Schäfer und et al., „S3-Leitlinie Allergieprävention“, Allergo J, Bd. 23, Nr. 6, S. 32–47, Okt. 2014, doi: 10.1007/s15007-014-0635-4.

[21]      J. S. Kim, A. Nowak-Węgrzyn, S. H. Sicherer, S. Noone, E. L. Moshier, und H. A. Sampson, „Dietary baked milk accelerates the resolution of cow’s milk allergy in children“, Journal of Allergy and Clinical Immunology, Bd. 128, Nr. 1, S. 125-131.e2, Juli 2011, doi: 10.1016/j.jaci.2011.04.036.

[22]      „Leitlinie_Management_IgE-vermittelter_Nahrungsmittelallergien-S2k-LL_Allergo-Journal_11-2015.pdf“. Zugegriffen: März 16, 2018.[Online]. Verfügbar unter: http://www.dgaki.de/wp-content/uploads/2010/05/Leitlinie_Management_IgE-vermittelter_Nahrungsmittelallergien-S2k-LL_Allergo-Journal_11-2015.pdf.

Vuoi capire meglio il tuo corpo?

Misurando i tuoi parametri di salute, ricevi informazioni preziose sul potenziale del tuo corpo. A questo scopo, abbiamo sviluppato i kit cerascreen® per la raccolta e l'invio del campione da parte dell'utente finale. Facili e veloci da usare a casa e da rimandare gratuitamente al nostro laboratorio specializzato!
I nostri test sulla salute

Ci presentiamo

Vogliamo aiutare i nostri clienti a vivere una vita più sana. Per fare questo, lavoriamo con scienziati, medici ed ecotrofologi per sviluppare test che aiutano a capire meglio i sintomi del corpo.
Per saperne di più

Informazioni gratuite sulla salute

Iscriviti ora alla nostra newsletter e ricevi informazioni sulle ultime novità in materia di salute e nutrizione. Inoltre, ti daremo consigli sui prodotti e ti terremo aggiornato sulle promozioni del nostro negozio. Ottieni uno sconto di 5€ con l'iscrizione alla nostra newsletter.
Registrati ora
Contenuto