Ti auguriamo buon divertimento nella lettura

I nostri esperti ti possono aiutare a riconoscere e capire meglio i tuoi sintomi, clicca qui

Allergia al grano: sintomi, cause e terapia

La maggior parte dei pani devono la loro crosta croccante e il loro nucleo morbido al loro ingrediente principale, il grano. Se sei allergico al grano, non solo devi evitare il grano più comune, ma anche varietà correlate come il farro - ma non automaticamente il glutine.

Se hai un'allergia al grano, non è facile - perché il grano è oggi il terzo cereale più coltivato nel mondo, dopo il mais e il riso. Il grano si trova in numerosi alimenti e non è sempre facile da evitare nella vita quotidiana.

Non solo il grano è ottimo per la cottura, ma richiede anche meno fasi di lavorazione durante il raccolto ed è molto adattabile. Quindi il grano è ottimo per nutrire molte persone.

In questo articolo, scoprirai i sintomi con cui si presenta un'allergia al grano, come diagnosticarla e cosa puoi fare se sei allergico.

Cos'è un'allergia al grano?

Chicchi e spighe di grano

In un'allergia al grano, alcune proteine del grano causano una reazione allergica. Il sistema immunitario classifica le proteine del grano come pericolose e crea anticorpi che combattono il grano insieme ad altri componenti del sistema immunitario.

Le reazioni si verificano poco dopo aver consumato il grano. Ecco perché si chiama allergia di tipo immediato. Gli anticorpi rilasciano poi enormi quantità di istamina, che il corpo non può scomporre abbastanza rapidamente. Come soggetto allergico, lo sperimenterai sotto forma di gonfiore, eruzioni cutanee e gli altri sintomi di un'allergia [1].

A seconda di ciò che scatena l'allergia al grano e dei meccanismi che hanno luogo nel sistema immunitario, si distinguono tre forme [2]:

Allergia alimentare: si scatena quando si mangia il grano. Colpisce la pelle, il tratto gastrointestinale o le vie respiratorie.

Anafilassi indotta da sforzo dipendente dal grano (WDEIA): è una forma più rara di allergia al grano. Le persone colpite di solito tollerano il grano. Una reazione allergica si verifica solo quando è coinvolta una combinazione di alimenti contenenti grano e uno sforzo fisico. Altri fattori scatenanti possono essere l'alcol, i farmaci, lo stress e il periodo mestruale mensile di una donna.

Asma del panettiere: un'allergia respiratoria scatenata dall'inalazione di farina e polvere e meglio conosciuta come asma del panettiere. Oltre al grano, anche la segale o la soia possono causare una reazione. Un fatto strano: le persone affette possono tollerare il grano se lo mangiano.

Buono a sapersi: di tutti i cereali, il grano scatena più probabilmente un'allergia nei bambini. Come per le allergie al latte e alle uova, l'allergia al grano molto spesso scompare di nuovo in età scolare. La percentuale di bambini il cui sistema immunitario reagisce al grano è tra il quattro e il nove per cento. Gli adulti hanno meno probabilità di soffrire di allergia al grano. Valutata dalla sensibilizzazione agli anticorpi IgE, gli studi ora parlano del tre per cento, originariamente ipotizzati erano l'uno per cento [3, 4].

Test Intolleranze Alimentari cerascreen

Qual è la differenza tra la malattia celiaca e la sensibilità al glutine?

Allergia al grano, celiachia, sensibilità al glutine o intolleranza al grano? Tutti questi termini hanno a che fare con il grano - il che può causare una certa confusione [1, 5].

La malattia celiaca. A differenza dell'allergia al grano, la celiachia è un disturbo autoimmune. Qui, il corpo forma anticorpi contro il glutine, che si trova anche in altri cereali, non solo nel grano. Le conseguenze sono un'infiammazione cronica nell'intestino tenue con regressione dei villi intestinali. I laboratori possono misurare la celiachia determinando gli anticorpi specifici IgA o TTG nel sangue.

Buono a sapersi: i villi intestinali rivestono il nostro intestino e sono importanti per assorbire i nutrienti dal cibo. Quindi, la regressione dei villi significa che il tuo intestino è meno in grado di assorbire i nutrienti dal cibo.

Sensibilità al glutine o al grano (sensibilità al grano non celiaca non allergia, o NCGS (No-Celiac Gluten Sensitivity) in breve: non esiste ancora un test diagnostico per questa forma di intolleranza al glutine. Pertanto, questo quadro clinico è molto controverso tra molti medici. Così, si parla di NCGS solo quando l'allergia al grano, la celiachia e altre malattie, per esempio le malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn, possono essere escluse.

Malattia

Caratteristiche

Allergia al grano

Causa: Proteine nel grano

Procedure diagnostiche: Misurazione degli anticorpi IgE e test di provocazione

TerapiaEvitare il grano e i cereali affini

Celiachia

Causa: Glutine

Procedure diagnostiche: Anticorpi: Transglutaminasi tissutale-IgA (tTG-IgG)-/ anticorpi endomisio-IgA + biopsia dell'intestino tenue

Terapia: Dieta senza glutine

Non-Celiachia-Non-Allergia al grano-Sensibilità al grano

Causa: Non è ancora chiaro. Possibilmente prodotti a base di glutine/grano

Procedure diagnostiche: Secondo il principio di esclusione di altre malattie

TerapiaNessuna raccomandazione specifica disponibile [MK1] [MS2]

Buono a sapersi: "intolleranza al grano" è un termine ombrello per tutti i quadri clinici scatenati dal grano [6].

Allergia al grano: cause

Il motivo per cui il nostro corpo scateni una forte reazione immunitaria a certi alimenti non è ancora chiaro. I ricercatori vedono il background genetico della famiglia e l'igiene come importanti fattori scatenanti di un'allergia. Si concorda sull'effetto protettivo del latte materno. Il primo latte (colostro) contiene un numero particolarmente grande di anticorpi che proteggono il sistema immunitario e l'intestino del neonato [7].
Troverai maggiori informazioni sulle possibili cause nel nostro articolo sulle intolleranze e allergie alimentari.

Allergia al grano: sintomi e diagnosi

I sintomi di un'allergia al grano possono essere molto aspecifici. Questo rende difficile riconoscere l'allergia. Un test delle allergie per alcuni anticorpi può fornire i primi indizi.

Quali sono i sintomi di un'allergia al grano?

I sintomi di un'allergia al grano sono, come per tutte le allergie alimentari, molto diversi. Si va dal gonfiore, al prurito della pelle con eczema, ai disturbi nella zona gastrointestinale come crampi addominali, nausea, vomito, flatulenza e diarrea fino alla mancanza di respiro. Soprattutto i sintomi che colpiscono lo stomaco o l'intestino possono anche essere innescati da una varietà di altre malattie. In particolare, il dolore addominale, la flatulenza e la sensazione di pienezza sono anche segni tipici della celiachia, dell'intolleranza al lattosio o dell'alterazione della digestione dei grassi [5, 8].

Un diario alimentare e un appuntamento con un medico o un nutrizionista possono aiutarti a individuare eventuali intolleranze come quella al lattosio e a cambiare la tua dieta in modo adeguato [5].

Come si fa il test per l'allergia al grano?

Se si sospetta di avere un'allergia al grano, si può, per esempio, far eseguire al proprio medico un test cutaneo, il cosiddetto prick test. I medici applicano una soluzione liquida con le proteine estratte dal grano sul braccio o sulla schiena e tagliano leggermente la pelle con una lancetta. Se la pelle reagisce con arrossamenti e ponfi, questa è un'indicazione di un'allergia. Informazioni più precise possono essere ottenute determinando gli anticorpi IgE specifici contro certi allergeni del grano nel sangue, per esempio dai medici o con un test di allergia ai cereali [9].

Buono a sapersi: cos'è la sensibilizzazione? Sensibilizzazione significa che il tuo sistema immunitario inizia una reazione quando certe sostanze entrano nel tuo corpo, per esempio il grano. Questo non significa necessariamente che hai un'allergia - si parla di allergia quando si verificano i sintomi. La sensibilizzazione a un allergene può essere rilevata in un esame del sangue dal numero di anticorpi IgE specifici. Un test di provocazione da parte di uno specialista può quindi fornire la certezza [8].

Allergia al grano: terapia

Come per le altre allergie alimentari, nel caso di un'allergia al grano bisogna evitare l'allergene, il grano. Questo comprende quindi la farina di grano, l'amido e il pangrattato, naturalmente, ma anche i cereali che sono simili al grano. Questi sono [2]:
  • farro;
  • farro verde;
  • kamut.

Se si segue una dieta senza grano, gli alimenti non devono contenere crusca di grano, malto di grano, pangrattato, colla vitale e amidi modificati a base di grano. Anche i piatti a base di bulgur e couscous contengono grano. Il bulgur è costituito da chicchi di grano precotti; il couscous è fatto con semola di grano duro.

Consiglio: assicurati di avere abbastanza zinco e acido folico quando segui una dieta senza grano. Puoi trovare entrambi i minerali nelle verdure, nei legumi, nel formaggio e nelle uova di gallina.

Sapevi che il grano si divide in grano duro e grano tenero? Il grano tenero è usato principalmente come base per pane e prodotti da forno, ed è il tipo di grano più comunemente coltivato. Il grano duro rappresenta solo il dieci per cento della produzione mondiale di grano. È usato per la produzione di pasta, couscous e bulgur [10].

Dove può nascondersi il grano?

Il grano è associato al pane, ai prodotti da forno e alla pasta. Ma il grano è anche spesso usato come legante per salse, zuppe, creme, come portatore di aromi, come agente separatore per patatine, formaggio grattugiato e nella fabbricazione di medicinali. Se devi evitare anche questi prodotti, che contengono pochissimo grano, dipende dalla tua allergia. Se hai un'allergia molto forte, reagirai anche alle più piccole quantità dell'allergene [2].

Buono a sapersi: i prodotti senza glutine non sono uguali a quelli senza grano. L'amido di frumento senza glutine è spesso usato come sostituto del glutine nei prodotti.

Quali sono le alternative al grano?

In alternativa alla farina di grano e di farro, gli allergici possono scegliere tra le farine di segale, avena, miglio, orzo, riso e castagne. La pasta di semola di grano duro può essere sostituita da prodotti a base di mais, riso, soia e grano saraceno. Il grano saraceno, nonostante il nome fuorviante, non è legato al grano. Si può sostituire l'amido di frumento con la fecola di mais o di patate [2].

Buono a sapersi: Il nome della farina di grano tipo 550 indica il grado di macinazione. Più alto è il grado di macinazione, cioè più alto è il numero, più alta è la proporzione di grano intero e quindi anche il contenuto di minerali, vitamine e fibre nella farina. La farina integrale non ha un numero di tipo perché contiene il grano intero.

Allergia al grano in sintesi

Cos'è un'allergia al grano?

In un'allergia al grano, il sistema immunitario reagisce a quelli che sono in realtà componenti proteici innocui del grano. Questo porta a un maggiore rilascio di istamina e ai sintomi di un'allergia alimentare.

Quali sono le cause di un'allergia al grano?

Una predisposizione genetica e un ambiente infantile molto igienico sono oggetto di discussione come possibili cause dell'allergia al grano. I ricercatori concordano che l'allattamento al seno ha un effetto preventivo su tutte le allergie alimentari.

Quali sono i sintomi di un'allergia al grano?

I sintomi tipici di un'allergia al grano vanno dal disagio che colpisce la pelle, come il prurito, al disagio gastrointestinale e alla mancanza di respiro.

Come si può diagnosticare un'allergia al grano?

Un'allergia al grano è di tipo immediato. Questo significa che una sensibilizzazione agli anticorpi IgE può essere determinata con l'aiuto di un'analisi del sangue. Il medico può quindi diagnosticare un'allergia in combinazione con un test di provocazione.

Cosa è importante nel trattamento di un'allergia al grano?

La dieta per un'allergia al grano è fortemente limitata. Chi è allergico non deve solo evitare il grano, ma anche i tipi di cereali affini, come il farro verde, il kamut e il farro. Fai anche attenzione alle liste degli ingredienti dei prodotti pronti - spesso contengono grano.

Bibliografia

[1] U. Körner, „Glutensensitivität“, Ernahrungs Umschau, Nr. 60(9), S. M519–M523, Sep. 2013, doi: 10.4455/eu.2013.031.


[2] R. Steinmüller, „Lebensmittelallergene im Porträt“, S. 6.


[3] E. Ostblom, M. Wickman, M. van Hage, und G. Lilja, „Reported symptoms of food hypersensitivity and sensitization to common foods in 4-year-old children“, Acta Paediatr., Bd. 97, Nr. 1, S. 85–90, Jan. 2008, doi: 10.1111/j.1651-2227.2007.00556.x.


[4] C. A. Keet, E. C. Matsui, G. Dhillon, P. Lenehan, M. Paterakis, und R. A. Wood, „The natural history of wheat allergy“, Annals of Allergy, Asthma & Immunology, Bd. 102, Nr. 5, S. 410–415, Mai 2009, doi: 10.1016/S1081-1206(10)60513-3.


[5] J. Felber u. a., „Ergebnisse einer S2k-Konsensuskonferenz der Deutschen Gesellschaft für Gastroenterologie, Verdauungs- und Stoffwechselerkrankungen (DGVS) gemeinsam mit der Deutschen Zöliakie-Gesellschaft (DZG e. V.) zur Zöliakie, Weizenallergie und Weizensensitivität“, S. 96.


[6] „Pschyrembel Online | Weizenunverträglichkeit“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.pschyrembel.de/Weizenunvertr%C3%A4glichkeit/A0U9P. [Zugegriffen: 03-Mai-2019].


[7] D. Graham-Rowe, „Lifestyle: When allergies go west“, Nature, Bd. 479, Nr. 7374, S. S2–S4, Nov. 2011, doi: 10.1038/479S2a.


[8] U. Körner und A. Schareina, Nahrungsmittelallergien und -unverträglichkeiten in Diagnostik, Therapie und Beratung: 62 Tabellen. Stuttgart: Haug, 2010.


[9] S. C. Hofmann und T. Jakob, „Molekulare Diagnostik bei nahrungsmittelabhängiger anstrengungsinduzierter Anaphylaxie: Serie Molekulare Allergologie – Teil 11“, Allergo Journal, Bd. 22, Nr. 5, S. 308–311, Juli 2013, doi: 10.1007/s15007-013-0220-2.


[10] M. Smollich und A. Vogelreuter, Nahrungsmittelunverträglichkeiten: Lactose - Fructose - Histamin - Gluten: mit 45 Abbildungen, 43 Tabellen und einem Arbeitsbogen zur Anamneseerhebung zum Download unter www.Online-PlusBase.de, 2., überarbeitete und erweiterte Auflage. Stuttgart: WVG, Wissenschaftliche Verlagsgesellschaft, 2018.


Vuoi capire meglio il tuo corpo?

Misurando i tuoi parametri di salute, ricevi informazioni preziose sul potenziale del tuo corpo. A questo scopo, abbiamo sviluppato i kit cerascreen® per la raccolta e l'invio del campione da parte dell'utente finale. Facili e veloci da usare a casa e da rimandare gratuitamente al nostro laboratorio specializzato!
I nostri test sulla salute

Ci presentiamo

Vogliamo aiutare i nostri clienti a vivere una vita più sana. Per fare questo, lavoriamo con scienziati, medici ed ecotrofologi per sviluppare test che aiutano a capire meglio i sintomi del corpo.
Per saperne di più

Informazioni gratuite sulla salute

Iscriviti ora alla nostra newsletter e ricevi informazioni sulle ultime novità in materia di salute e nutrizione. Inoltre, ti daremo consigli sui prodotti e ti terremo aggiornato sulle promozioni del nostro negozio. Ottieni uno sconto di 5€ con l'iscrizione alla nostra newsletter.
Registrati ora
Contenuto