Ti auguriamo buon divertimento nella lettura

I nostri esperti ti possono aiutare a riconoscere e capire meglio i tuoi sintomi, clicca qui

Allergie: sintomi e cura

A volte starnutisci improvvisamente e ti chiedi se potrebbe essere un'allergia? Scoprilo: impara tutto sui diversi tipi di allergie, sui fattori scatenanti e sui sintomi leggendo questo articolo!

Spruzzarsi il proprio profumo preferito, accarezzare un cucciolo, addentare una barretta di cioccolato o passeggiare tra i prati fioriti: queste cose quotidiane possono diventare fastidiose e talvolta persino pericolose per alcune persone. Se dopo senti prurito o hai il naso che cola, probabilmente sei allergico a sostanze come il polline, il cibo o i peli di animali. Questo significa che il tuo corpo si difende da sostanze che in realtà sono innocue.

L'allergia è una malattia comune. Bisogna assolutamente prendere sul serio un'allergia e trattarla. Altrimenti, l'allergia può peggiorare e in alcuni casi aumentare il rischio di asma [1].

In questo articolo, leggi come e perché si sviluppano le allergie: spieghiamo i diversi tipi di allergie, i loro fattori scatenanti e i sintomi. Imparerai anche come rilevare un'allergia e combatterla.

Cos'è un'allergia?

In un'allergia, il corpo reagisce a sostanze proteiche che in realtà sono innocue. Sono classificate come pericolose dal sistema immunitario e scatenano una forte reazione: occhi lacrimanti, starnuti, respiro corto, disturbi gastrointestinali e prurito nella pelle possono indicare un'allergia.

In linea di principio, qualsiasi sostanza proteica estranea al corpo può diventare un allergene - cioè scatenare un'allergia. Purtroppo, si tratta per lo più di sostanze con cui abbiamo un contatto quotidiano, per esempio, polline, cibo, acari della polvere o muffe [3].

Test Allergie Alimentari cerascreen

Perché si sviluppa un'allergia e si può evitare?

Perché alcune persone sviluppano un'allergia a proteine innocue e altre no? Perché le allergie sono diventate più comuni in tutto il mondo negli ultimi decenni? Queste sono domande a cui la scienza ha cercato di dare risposte per anni.

Gli esperti sospettano che le allergie si sviluppino già nella prima infanzia. La cosiddetta "ipotesi dell'igiene" è molto discussa: essa afferma che i bambini che entrano meno in contatto con gli allergeni a causa dell'eccessiva igiene eccessiva hanno più probabilità di sviluppare un'allergia più tardi rispetto agli altri bambini [4].

Oltre all'eccessiva igiene, sono noti altri fattori che favoriscono lo sviluppo di allergie. Questi includono, per esempio [4], [5]:

- inquinamento atmosferico;

- cambiamento climatico;

- predisposizione ereditaria;

- fumo e dieta malsana;

- non allattare al seno.

Ci sono diverse cose che puoi fare per ridurre il rischio di sviluppare allergie, sia durante la gravidanza che dopo la nascita del tuo bambino [6].

Per esempio, si raccomanda una dieta equilibrata e ricca di acidi grassi omega 3 durante la gravidanza e l'allattamento, l'allattamento al seno per almeno i primi quattro mesi e un ambiente poco inquinante [6].

Infografica: Cosa influenza lo sviluppo delle allergie?

Cosa succede nel corpo durante un'allergia?

Gli allergeni entrano nel nostro corpo attraverso il tratto gastrointestinale, la pelle o le vie respiratorie. Il sistema immunitario classifica gli allergeni come pericolosi e mobilita le sue difese. Nella maggior parte dei casi, sviluppa anticorpi specifici per gli allergeni. In rari casi, sono coinvolti i cosiddetti linfociti T. Sono anche chiamate cellule della memoria perché immagazzinano informazioni su tutte le sostanze che entrano nel corpo. Questa preparazione del sistema immunitario per le sostanze classificate come "pericolose" è chiamata sensibilizzazione [7].

A proposito, la sensibilizzazione a una sostanza proteica non causa alcun sintomo. Non tutte le persone con una sensibilizzazione sviluppano anche una vera allergia. Le ragioni di questo sono ancora oggetto di ricerca [7].

Una volta che gli antigeni rientrano nel corpo, il sistema immunitario attiva i suoi anticorpi o i linfociti T e si verifica una reazione allergica. A seconda dell'organo colpito (per esempio i polmoni, l'apparato digerente o la pelle), questa reazione è accompagnata da sintomi molto diversi [8].

Tipi di allergia

Gli esperti dividono le allergie in quattro diversi tipi di reazione, a seconda di come e in quali momenti le reazioni allergiche si verificano. I tipi da I a III appartengono al tipo immediato e sono scatenati dagli anticorpi. Il tipo IV è il cosiddetto tipo tardivo - in cui sono coinvolte le cellule della memoria.

Allergia di tipo I

Il tipo I è il tipo di reazione più comune. Ci vogliono solo pochi secondi o minuti affinché la reazione allergica diventi evidente. A volte una seconda reazione si verifica dopo quattro o sei ore. Il raffreddore da fieno, alcune allergie alimentari, le allergie ai veleni degli insetti e l'asma allergica appartengono al tipo I [9].

Allergia di tipo II

L'allergia di tipo II è anche chiamata di tipo citotossico perché in questo caso il sistema immunitario distrugge le cellule del corpo stesso. Questo accade, per esempio, quando i farmaci si sono agganciati alle cellule del corpo. Le cellule del corpo e i principi attivi del farmaco formano poi strutture più grandi. Le cosiddette cellule killer attaccano il complesso e distruggono il tessuto sano nel processo. Ci vogliono da pochi minuti a qualche ora affinché si verifichi una reazione. Il tipo II comprende le allergie ai farmaci (come antidolorifici o antibiotici) e la reazione al sangue trasfuso [7].

Allergia di tipo III

Questo tipo di allergia è raro, ma i sintomi come la febbre e l'eruzione cutanea compaiono dopo poche ore. La vasculite allergica, alcuni farmaci e i veleni degli insetti possono scatenare l'allergia di tipo III [7].

Allergia di tipo IV

Nel tipo tardivo, le reazioni allergiche non si verificano fino a dopo 12-72 ore - questo a volte rende difficile trovare i fattori scatenanti. Il tipo IV include, per esempio, le allergie da contatto (come al nichel), i farmaci e il rigetto di organi trapiantati [7] [9].

Sintomi allergia e fattori scatenanti

Oggi si conoscono più di 20.000 diversi fattori scatenanti l'allergia [10]. A seconda del modo in cui gli allergeni entrano nel corpo, si distinguono l'uno dall'altro.

La pelle e le mucose, le vie respiratorie e l'intestino sono particolarmente colpite. Di seguito, abbiamo riassunto i più importanti fattori scatenanti delle allergie con i sintomi corrispondenti.

Allergeni per inalazione

I cosiddetti allergeni da inalazione entrano nel corpo attraverso le vie respiratorie. Gli allergeni inalanti includono, per esempio [11]:

- polline delle piante;

- escrementi di acari della polvere di casa;

- spore della muffa;

- peli di animali.

Gli allergeni inalanti possono scatenare una varietà di sintomi in chi ne soffre. Questi includono prurito e lacrimazione agli occhi, eruzioni cutanee, tosse, respiro corto, naso che cola o chiuso e starnuti [11].

Donna con allergia da inalazione si soffia il naso

Allergeni da contatto

In un'allergia da contatto, il corpo reagisce a una sostanza specifica che è entrata in contatto diretto con la pelle. Esempi di allergeni da contatto sono:

- metalli (in gioielli);

- profumi;

- conservanti;

- lattice.

I profumi e i conservanti si trovano spesso nei cosmetici, nei prodotti di pulizia e nei detergenti. Le allergie da contatto portano spesso all'eczema della pelle. I segni tipici sono [12]:

- eruzione cutanea rossastra;

- gonfiore;

- prurito;

- pelle secca e tesa;

- vesciche o crepe sulla pelle.

Alimenti e medicine

Nell'allergia alimentare, il sistema immunitario reagisce alle proteine innocue degli alimenti. Le allergie alimentari comuni includono l'allergia al latte, all'uovo, alle noci e alla soia. Gli individui colpiti possono soffrire di un'ampia varietà di sintomi in tutto il corpo [13]:

- pelle: arrossamento e prurito;

- vie respiratorie: tosse, respiro corto, attacchi di starnuti;

- tratto gastrointestinale: nausea, vomito, diarrea;

- sistema cardiovascolare: palpitazioni, vertigini, stordimento, problemi circolatori.

A cosa bisogna prestare attenzione in un'allergia alimentare e come si differenzia da un'intolleranza? Puoi scoprire questo e altro nel nostro articolo sulle allergie e intolleranze alimentari.

A volte le persone reagiscono allergicamente al principio attivo di un farmaco - teoricamente, qualsiasi farmaco potrebbe scatenare una tale reazione. Gli allergeni comuni dei farmaci includono antibiotici e antidolorifici. I possibili sintomi includono [14]:

- eruzioni cutanee;

- gonfiore del viso o della lingua;

- asma allergica;

- shock anafilattico.

Allergia agli insetti: l'ape si posa sulle margherite

Allergeni di punture di insetti

Alcune persone sono allergiche alle punture di vespe, api, bombi e calabroni. Gonfiore, rossore e prurito sono reazioni normali, ma i soggetti allergici possono anche sperimentare i seguenti sintomi:

- difficoltà di respirazione;

- nausea e vomito;

- problemi cardiovascolari.

Nel caso peggiore, lo shock anafilattico con arresto respiratorio e circolatorio è imminente [15]!

Buono a sapersi: chiunque soffra di un'allergia al veleno degli insetti dovrebbe avere un kit di emergenza con cortisone, antistaminici e adrenalina a portata di mano e visitare uno studio medico immediatamente dopo una puntura! Questo vale anche per le persone con gravi allergie alimentari, per esempio alle nocciole e alle arachidi.

Perché un'allergia è peggiore di notte e di mattina?

La risposta è in realtà semplice: gli allergeni entrano anche in camera da letto e chi ne soffre non può riposare di notte a causa di questo!

Il polline, per esempio, può essere portato in camera da letto attraverso la finestra aperta o l'abbigliamento indossato. Gli acari della polvere amano vivere sui mobili imbottiti e sui letti. Gli animali domestici diffondono anche il loro pelo e la loro forfora ovunque - quindi chi soffre di allergia agli animali domestici dovrebbe tenere i loro amici a quattro zampe fuori dalla camera da letto [16].

Soffri di allergia al polline? Leggi nel nostro portale della salute come puoi evitare il polline nella vita quotidiana!

Test allergie

Per la diagnosi di un'allergia si ricorre ad un test cutaneo o ad un test del sangue o ad un test di provocazione.

Il test cutaneo

A seconda dell'allergia, possono essere utilizzati diversi test cutanei. Il test epicutaneo, per esempio, è adatto per diagnosticare un'allergia da contatto: gli allergeni vengono applicati sulla pelle con l'aiuto di un cerotto e le reazioni vengono osservate per alcuni giorni.

Un altro possibile test cutaneo è il prick test: gocce di soluzioni allergeniche vengono applicate al braccio o alla schiena e portate sotto la pelle con una puntura d'ago. I medici registrano la misura in cui si formano arrossamenti e sieri sulla pelle. Da questo, si può concludere una sensibilizzazione e quindi una possibile reazione allergica. Questo test è usato, per esempio, per le allergie al polline e al veleno degli insetti [17].

Il test del sangue

La sensibilizzazione agli allergeni può anche essere rilevata misurando gli anticorpi IgE nel sangue. Se il tuo corpo è allergico a certe sostanze, rilascia anticorpi IgE per eliminare gli allergeni. Gli anticorpi possono essere rilevati nel siero del sangue e forniscono informazioni su una sensibilizzazione contro alcuni allergeni.

Test allergie alimentari cerascreen
A proposito: cerascreen® offre esami del sangue con i quali si può testare la sensibilizzazione a vari allergeni. Si tratta di un kit per il prelievo e l’invio del campione da casa. Ciò significa che si utilizza il kit per prendere un piccolo campione di sangue a casa e inviarlo al nostro laboratorio medico. Nel Test Allergie Alimentari cerascreen®, per esempio, il laboratorio analizza la concentrazione di anticorpi IgE  per 38 alimenti diversi.

 

 


Importante: gli esperti parlano di allergia solo se il test cutaneo o del sangue è positivo e i sintomi dell'allergia si manifestano allo stesso tempo [17].

Il test di provocazione

Non è possibile dire con certezza, dopo gli esami della pelle o del sangue, se si è allergici a una sostanza? O non è chiaro esattamente quale sostanza causa la reazione allergica? Poi si può usare la provocazione - sempre sotto controllo medico. In questo caso, ti vengono somministrate quantità molto piccole di una sostanza. Il medico osserva poi la reazione fisica [17].

Come si cura un'allergia?

Il trattamento di un'allergia dipende fondamentalmente dai sintomi e da quanto bene si può evitare l'allergene scatenante. In realtà, evitare gli allergeni è la misura più importante per prevenire i sintomi. Tuttavia, questo è a volte difficile da fare nella realtà - per esempio con il polline, che è ovunque nell'aria che si respira durante il suo volo.

Altre opzioni sono l'iposensibilizzazione e l'assunzione di farmaci.

Cos'è l'iposensibilizzazione?

L'iposensibilizzazione può essere usata per trattare la causa di un'allergia: se la terapia ha successo, il disagio è alleviato e il rischio di asma è ridotto. Meno disagio significa anche che si devono usare meno farmaci contro l'allergia.

Attenzione: l'iposensibilizzazione non è adatta a tutte le allergie. Le allergie al polline, agli acari della polvere e al veleno degli insetti, invece, possono essere trattate con l'iposensibilizzazione [18].

Nell'iposensibilizzazione, al corpo viene data prima una dose molto bassa, poi lentamente crescente di allergeni, di solito a intervalli di qualche settimana. In questo modo, il corpo si abitua gradualmente all'allergene per un lungo periodo di tempo - di solito circa tre anni - in modo che il sistema immunitario idealmente non reagisca più ad esso [19].

Quali farmaci sono disponibili?

Dovresti prendere dei farmaci se soffri di sintomi gravi - e per prevenire malattie secondarie come l'asma.

In primo luogo, si dovrebbe provare con gli antistaminici che assicurano che la reazione allergica nel corpo non possa fare il suo corso e che i sintomi siano alleviati.

Se i sintomi non possono essere ridotti sufficientemente, i preparati contenenti cortisone sono un'opzione. Il cortisone ha un effetto antinfiammatorio ed è disponibile solo su prescrizione.

In sintesi

Cos'è un'allergia e come si scatena?

In un'allergia, il corpo reagisce allergicamente a proteine innocue (allergeni). Il sistema immunitario classifica gli allergeni come pericolosi e produce anticorpi speciali o linfociti T (cellule della memoria). Scatenano una reazione esagerata e si verificano sintomi allergici come starnuti o prurito, respiro corto o disturbi gastrointestinali.

Secondo la ricerca attuale, diversi fattori contribuiscono allo sviluppo delle allergie. Questi includono, per esempio, la predisposizione ereditaria, l'eccessiva igiene nella prima infanzia e vari fattori ambientali. Prendendo varie misure, si può garantire che il rischio di sviluppare un'allergia sia ridotto, sia durante la gravidanza che dopo la nascita del bambino.

Quali allergie ci sono e quali sono i sintomi?

Le allergie si differenziano in base ai tempi di reazione (tipo immediato o ritardato) e in base al modo in cui gli allergeni (cioè le sostanze che causano l'allergia) entrano nel corpo.

Nel caso delle allergie da inalazione, le sostanze allergeniche entrano nel corpo attraverso le vie respiratorie. I sintomi includono occhi lacrimosi, eruzioni cutanee, tosse, respiro corto, naso che cola o chiuso e starnuti.

Le allergie da contatto avvengono sulla pelle e danno luogo a un eczema: un'eruzione rossastra, gonfiore e prurito sono sintomi tipici.

Nelle allergie alimentari il sistema immunitario reagisce alle proteine del cibo. I sintomi possono manifestarsi sulla pelle, nel tratto respiratorio, nel tratto gastrointestinale o nel sistema cardiovascolare.

Possono anche verificarsi allergie ai farmaci. I possibili sintomi includono eruzioni cutanee, gonfiore o asma allergica.

Nel caso di un'allergia al veleno di insetti, le punture di vespe, api, calabroni e calabroni causano reazioni come respiro corto, nausea e problemi cardiovascolari.

Come si diagnostica un'allergia?

Il test cutaneo, il test del sangue e il test di provocazione sono disponibili per la diagnosi di un'allergia.

Sia un test cutaneo come il prick test che un esame del sangue rilevano la sensibilizzazione a possibili allergeni. Se la sensibilizzazione è presente e si presentano i sintomi appropriati, i medici diagnosticano l’allergia.

Nel test di provocazione, vengono somministrate quantità molto piccole di una sostanza sotto controllo medico e si osserva la reazione fisica.

Come si cura un'allergia?

Evitare gli allergeni è la misura più importante per prevenire i sintomi. Altre opzioni includono l'iposensibilizzazione e l'assunzione di farmaci come gli antistaminici.

Fonti

[1] Robert Koch-Institut, „Gesundheitsmonitoring und Gesundheitsindikatoren in Europa“, 2018, doi: 10.17886/RKI-GBE-2017-004.2.

[2] „Schlimmer, als viele wissen: Heuschnupfen“, AEDA - Ärzteverband Deutscher Allergologen e.V. https://www.aeda.de/presse/pressearchiv/einzelansicht/?tx_ttnews%5Btt_news%5D=234&cHash=0e0d9cc4ddcffa1bf00cccf13c92ef9d (zugegriffen Juli 23, 2020).

[3] „Allergien, allgemein » Was sind Allergien? » Lungenaerzte-im-Netz“, Deutsche Lungenstiftung e.V. und Verband pneumologischer Kliniken e.V. https://www.lungenaerzte-im-netz.de/krankheiten/allergien-allgemein/was-sind-allergien/ (zugegriffen Juli 15, 2020).

[4] L. Klimek, C. Vogelberg, und T. Werfel, „Grundlagen und Epidemiologie“, in Weißbuch Allergie in Deutschland, L. Klimek, C. Vogelberg, und T. Werfel, Hrsg. Berlin, Heidelberg: Springer Medizin Verlag, 2019, S. 15–60.

[5] „Allergien, allgemein » Risikofaktoren » Lungenaerzte-im-Netz“, Deutsche Lungenstiftung e.V. und Verband pneumologischer Kliniken e.V. https://www.lungenaerzte-im-netz.de/krankheiten/allergien-allgemein/risikofaktoren/ (zugegriffen Juli 15, 2020).

[6] „S3-Leitlinie Allergieprävention - Update 2014: Leitlinie der Deutschen Gesellschaft für Allergologie und klinische Immunologie (DGAKI) und der Deutschen Gesellschaft für Kinder- und Jugendmedizin (DGKJ)“. Zugegriffen: Juli 21, 2020. [Online]. Verfügbar unter: https://www.awmf.org/uploads/tx_szleitlinien/061-016l_S3_Allergiepr%C3%A4vention_2014-07-abgelaufen.pdf.

[7] „Was passiert bei einer Allergie in meinem Körper?“, European Centre for Allergy Research Foundation (Stiftung ECARF). https://www.ecarf.org/info-portal/allgemeine-allergie-infos/was-passiert-bei-einer-allergie-in-meinem-koerper/ (zugegriffen Juli 15, 2020).

[8] „Wie entsteht eine Allergie?“, Allergieinformationsdienst - Helmholtz Zentrum München - Deutsches Forschungszentrum für Gesundheit und Umwelt. https://www.allergieinformationsdienst.de/immunsystem-allergie/entstehung-von-allergien.html#c192574 (zugegriffen Juli 15, 2020).

[9] „Entstehung von Allergien“, Allergieinformationsdienst - Helmholtz Zentrum München - Deutsches Forschungszentrum für Gesundheit und Umwelt. https://www.allergieinformationsdienst.de/immunsystem-allergie/entstehung-von-allergien.html#c192574 (zugegriffen Juli 16, 2020).

[10] „Allergiewelt - Auslöser von Allergien“, Deutscher Allergie- und Asthmabund. https://www.daab.de/allergien/allergiewelt/ (zugegriffen Juli 20, 2020).

[11] „Inhalationsallergien“, allergy guide - Deutscher Verlag für Gesundheitsinformation GmbH. https://www.allergy-guide.com/allergien/inhalationsallergien (zugegriffen Juli 20, 2020).

[12] „Die Kontaktallergie“, Deutscher Allergie- und Asthmabund. https://www.daab.de/haut/kontaktallergie/was-ist-eine-kontaktallergie/die-kontaktallergie/ (zugegriffen Juli 20, 2020).

[13] „Beschwerden einer Lebensmittelallergie“, Deutscher Allergie- und Asthmabund. https://www.daab.de/ernaehrung/nahrungsmittel-allergien/was-ist-das/beschwerden/ (zugegriffen Juli 20, 2020).

[14] „Arzneimittelallergien“, Deutscher Allergie- und Asthmabund. https://www.daab.de/allergien/wichtig-zu-wissen/hauptausloeser/arzneimittel/ (zugegriffen Juli 20, 2020).

[15] „Insektengiftallergie | Lebensbedrohliche Wespenstiche“, allergy guide - Deutscher Verlag für Gesundheitsinformation GmbH. https://www.allergy-guide.com/allergien/sonstige-allergien-und-unvertraeglichkeiten/insektengift (zugegriffen Juli 21, 2020).

[16] „5 Reasons Your Allergies Are Worse at Night“, Health.com. https://www.health.com/condition/allergy/allergies-worse-at-night (zugegriffen Juli 16, 2020).

[17] „Allergie und Diagnose“, Deutscher Allergie- und Asthmabund. https://www.daab.de/allergien/wichtig-zu-wissen/diagnose/allergie-und-diagnose/ (zugegriffen Juli 21, 2020).

[18] Institut für Qualität und Wirtschaftlichkeit im Gesundheitswesen (IQWiG), „Hyposensibilisierung (spezifische Immuntherapie) bei allergischem Schnupfen - Heuschnupfen - gesundheitsinformation.de“. https://www.gesundheitsinformation.de/hyposensibilisierung-spezifische-immuntherapie.2419.de.html?part=behandlung-k6#hgpw (zugegriffen Aug. 06, 2020).

[19] „Allergietherapie“, Deutscher Allergie- und Asthmabund. https://www.daab.de/allergien/wichtig-zu-wissen/behandlung/allergietherapie/ (zugegriffen Juli 21, 2020).

Vuoi capire meglio il tuo corpo?

Misurando i tuoi parametri di salute, ricevi informazioni preziose sul potenziale del tuo corpo. A questo scopo, abbiamo sviluppato i kit cerascreen® per la raccolta e l'invio del campione da parte dell'utente finale. Facili e veloci da usare a casa e da rimandare gratuitamente al nostro laboratorio specializzato!

I nostri test sulla salute

Ci presentiamo

Vogliamo aiutare i nostri clienti a vivere una vita più sana. Per fare questo, lavoriamo con scienziati, medici ed ecotrofologi per sviluppare test che aiutano a capire meglio i sintomi del corpo.

Per saperne di più

Informazioni gratuite sulla salute

Iscriviti ora alla nostra newsletter e ricevi informazioni sulle ultime novità in materia di salute e nutrizione. Inoltre, ti daremo consigli sui prodotti e ti terremo aggiornato sulle promozioni del nostro negozio. Ottieni uno sconto di 5€ con l'iscrizione alla nostra newsletter.

Registrati ora
Contenuto