Ti auguriamo buon divertimento nella lettura

I nostri esperti ti possono aiutare a riconoscere e capire meglio i tuoi sintomi, clicca qui

Depressione: definizione e cura

La depressione è una malattia mentale associata a un umore depresso e a pensieri negativi. Può limitare gravemente la qualità della vita - ma di solito può essere trattato bene con la psicoterapia e i farmaci.

Secondo l'ANSA, In Italia 3 milioni di persone soffrono di depressione, di cui oltre 2 milioni sono donne [1]. Tuttavia, la malattia mentale è ancora raramente riconosciuta.

Purtroppo, la depressione ha ancora uno stigma legato ad essa. Molte persone non osano parlare dei loro problemi mentali, nemmeno con i loro medici. La depressione è però una malattia. Può essere diagnosticata e trattata, e la maggior parte delle persone si sente molto meglio dopo.

In questo articolo, puoi leggere le diverse forme della malattia e come ottenere aiuto. Imparerai anche quali misure prendere nella tua vita quotidiana.

Cos'è la depressione?

Tutti hanno familiarità con i sentimenti dell'umore depresso - ma la depressione è più di questo. È una malattia mentale che può ridurre significativamente la qualità della vita e il benessere.

Quali sono i sintomi della depressione?

Le persone con depressione soffrono di sentimenti negativi per un lungo periodo di tempo o ripetutamente, così come di disperazione, svogliatezza, mancanza di interesse e frequenti rimuginazioni. Le persone colpite spesso non sono più in grado di svolgere i compiti quotidiani, e hanno anche problemi di concentrazione [1].

Quali sono le cause della depressione?

Situazioni di vita difficili ed eventi stressanti possono innescare una fase acuta di depressione - ma gli episodi depressivi si verificano anche frequentemente senza un chiaro fattore scatenante. Le cause della depressione sono complesse e non ancora pienamente comprese. I geni, le condizioni fisiche e gli eventi di vita stressanti giocano probabilmente un ruolo [2].

Buono a sapersi: in medicina, la depressione si distingue chiaramente dal dolore. I sentimenti negativi, la disperazione e il vuoto interiore sono considerati una reazione normale dopo un lutto. Gravi reazioni di lutto possono comunque essere molto stressanti e rendere utile la terapia, soprattutto se durano più di 12 mesi. Inoltre, può succedere che il lutto diventi il fattore scatenante di un episodio depressivo [2].

Forme di depressione

Ci sono diverse forme di disturbi depressivi, alcuni dei quali hanno quadri clinici molto diversi. Qui di seguito elenchiamo i più comuni.

Depressione unipolare: questa forma di depressione è la più comune. È caratterizzata da fasi con un umore chiaramente depresso, mancanza di interesse e svogliatezza. I medici distinguono anche tra depressione lieve, moderata e grave [3].

Disturbo bipolare: in questa forma, le fasi depressive si alternano a fasi maniacali, in cui le persone colpite sono euforiche, molto attive e irritabili e spesso mostrano anche un'eccessiva sicurezza di sé. Le persone maniacali possono anche perdere il contatto con la realtà e comportarsi in modo rischioso e imprevedibile [4].

Umore depressivo cronico (distimia): quando le persone soffrono di sintomi depressivi lievi ma costanti per un lungo periodo di tempo, è presente questa forma di depressione. Coloro che ne sono affetti sono spesso irrequieti, insoddisfatti e malinconici, ma di solito possono andare avanti con la loro vita quotidiana senza restrizioni [3].

Disturbo affettivo stagionale: si tratta di una malattia depressiva che si verifica solo in certi periodi dell'anno. La maggior parte delle persone si deprime in autunno e in inverno, ma è possibile anche la depressione estiva [5].

Depressione post-partum: le donne cadono in depressione molto spesso nel primo anno dopo la nascita del loro bambino - dal 10 al 15 per cento delle madri sono colpite. Molte poi soffrono di paura del fallimento, di preoccupazione eccessiva per il loro bambino o hanno problemi a sviluppare sentimenti per il loro bambino. La depressione post-partum deve essere trattata dal punto di vista medico e terapeutico [6].

Lo sapevi? Le scansioni MRI mostrano che le persone con depressione e disturbo bipolare hanno modelli diversi nelle strutture del loro cervello rispetto alle persone sane [7].

La depressione sta diventando più comune?

La depressione viene diagnosticata più spesso oggi che 20 o 30 anni fa [8]. Tuttavia, alcuni esperti ritengono che la depressione sia sempre stata relativamente diffusa - oggi è solo diagnosticata e trattata più frequentemente. Questo potrebbe essere perché le persone sono più disposte a parlare della loro salute mentale e a farsi aiutare [9].

Altri esperti vedono altre ragioni per cui la depressione è più comune nella società moderna, tra cui il verificarsi più frequente di malattie croniche come il diabete, la crescente disuguaglianza sociale, la solitudine e uno stile di vita malsano con troppo poco movimento, luce solare e nutrienti [10].

Curare la depressione

La depressione è di solito facilmente trattabile: la giusta terapia può ridurre i sintomi, migliorare significativamente la qualità della vita e spesso curare completamente gli episodi depressivi. Tuttavia, è importante contrastare una possibile ricaduta, per esempio con una terapia di conversazione a lungo termine. Dopotutto, se si ha sofferto di depressione una volta, è più probabile che ci si ammali di nuovo.

I pilastri più importanti della terapia della depressione sono la psicoterapia e, soprattutto nei casi più gravi, i farmaci. Inoltre, ci sono misure per aiutarsi da soli come più movimento nella vita quotidiana. Se compensare una carenza di vitamina D possa alleviare i sintomi è ancora oggetto di discussione nella ricerca [11].

Ottenere una diagnosi

Prima di tutto, si dovrebbe cercare una diagnosi medica o terapeutica se si sospetta di soffrire di una malattia mentale. Una diagnosi medica può anche essere utile per escludere possibili cause fisiche. I medici e i terapeuti conducono interviste per la diagnosi e spesso usano anche certe liste di controllo, linee guida per le interviste e questionari dal campo della psicologia, che possono essere usati per classificare meglio i disturbi [2].

Come posso chiedere aiuto? Se sospetti di soffrire di depressione, non esitare a parlare con il tuo medico di famiglia! I medici di base sono spesso il primo punto di contatto e possono indirizzarti a specialisti e psicoterapeuti se necessario.

Psicoterapia

Ci sono varie forme di terapia che possono essere utilizzate per trattare la depressione. Queste includono la terapia cognitivo-comportamentale, in cui le persone colpite sviluppano strategie per la vita quotidiana. In terapia, per esempio, si impara come reagire allo stress e alle richieste eccessive e come sostituire le abitudini ostruttive e i pensieri negativi con nuovi comportamenti e modelli di pensiero [12].

Anche la terapia psicologica di profondità è spesso utilizzata. Si tratta di superare i conflitti inconsci o le brutte esperienze che di solito hai vissuto da bambino o da adolescente e che possono avere una forte influenza subconscia su di te. Poi lavori insieme in terapia su questi traumi.

Tu decidi quale forma di terapia è giusta per te insieme ai tuoi medici [3].

Farmaci

Antidepressivi è il termine ombrello per i farmaci che sono utilizzati per trattare la depressione moderata o grave. Questi farmaci hanno un effetto regolatore sulla chimica del cervello e possono quindi alleviare i sintomi depressivi. Ci sono molte sostanze attive diverse.

I più comunemente prescritti sono gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Bloccano una molecola di trasporto che riassorbe l'ormone della felicità, la serotonina, che è stata rilasciata nel cervello, nei suoi depositi. Questo aumenta la concentrazione di serotonina nel cervello. I ricercatori non sono ancora sicuri dell'esatta connessione tra depressione e serotonina - ma è chiaro che gli SSRI hanno mostrato un effetto in molti studi, specialmente nelle depressioni più gravi [3],[13].

Importante: quando si prendono antidepressivi, seguire sempre la durata esatta e il dosaggio prescritto dal medico. Spesso, il farmaco dovrebbe essere introdotto lentamente e poi anche lentamente interrotto.

Buono a sapersi: negli anni '60, è emersa la teoria che la mancanza di serotonina nel cervello è una delle cause principali della depressione. Poiché gli inibitori della ricaptazione della serotonina hanno un effetto, questa ipotesi è durata a lungo - ma oggi è stata smentita! Un'ipotesi più recente è che la depressione riduce la plasticità del cervello, cioè la sua capacità di adattamento. Gli antidepressivi potrebbero ripristinare questa plasticità, anche se nessuno sa ancora esattamente come [14].

Auto-aiuto, dieta e stile di vita

Le linee guida mediche per la depressione stabiliscono che le persone colpite dovrebbero anche ricevere strumenti da medici e terapisti per aiutarsi nella vita quotidiana. È importante che imparino a conoscere la malattia e a vivere con essa. Questo include, per esempio, strutturare la propria vita quotidiana, mantenere un ritmo di sonno regolare e imparare a motivarsi per le attività e gli esercizi fisici. Le persone depresse spesso imparano questi metodi di auto-aiuto nella terapia cognitivo-comportamentale [3].

L'esercizio fisico e lo sport in particolare hanno dimostrato negli studi di avere un effetto positivo sul decorso della depressione e potrebbero anche contribuire alla prevenzione della malattia. Oltre all'attività fisica in sé, lo sport in gruppo aiuta molti malati che tendono a ritirarsi socialmente a causa della depressione - questo poi fornisce anche un prezioso contatto interpersonale [15].

Ha anche senso imparare a gestire lo stress e il rilassamento da soli. L'allenamento della resilienza e le tecniche di rilassamento, per esempio, sostengono la terapia - specialmente se lo stress cronico o il burnout sono tra i fattori scatenanti della depressione.

Mancanza di luce, vitamina D e depressione

La ricerca sulla depressione parla di mancanza di luce e troppo poca vitamina D, soprattutto per la depressione invernale. Molte persone hanno sintomi depressivi solo durante la stagione buia - e questo potrebbe anche essere dovuto alle giornate corte e alla mancanza di luce solare.

Esame vitamina D cerascreen

Ci sono varie spiegazioni per questo. Da un lato, le giornate brevi e le notti lunghe possono sconvolgere il ritmo del sonno e l'orologio interno, che ha un effetto sull'equilibrio ormonale nel cervello. Tra l'altro, più serotonina, l'ormone della felicità, viene convertita in melatonina, l'ormone del sonno, che può rendere le persone stanche, svogliate e depresse. Pertanto, una terapia con lampade a luce diurna che influenza il ritmo del corpo può aiutare contro la depressione invernale.

Il ruolo della vitamina D nella depressione

Ci sono anche teorie che collegano la depressione a una carenza di vitamina D. Il nostro corpo produce la vitamina D con l'aiuto dei raggi UV del sole, che è molto debole in inverno alle nostre latitudini. Ecco perché molte persone hanno bassi livelli di vitamina D in inverno - il che è stato spesso riscontrato anche nei depressi. Inoltre, gli scienziati sospettano che la vitamina D possa influenzare la regolazione della serotonina nel cervello e quindi l'umore [16].

Tuttavia, non è ancora chiaro quanto sia forte la connessione: le persone sviluppano una carenza di vitamina D e quindi aumentano il loro rischio di depressione? Oppure le persone con depressione escono meno spesso all'aria aperta e spesso hanno malattie concomitanti che abbassano il loro livello di vitamina D? Non ci sono anche studi chiari sulla questione se gli integratori di vitamina D possano contribuire alla prevenzione o al trattamento della depressione [17][19].

Integratori vitamina D

Depressione in sintesi

Cos'è la depressione?

La depressione è una malattia mentale caratterizzata da sintomi come sentimenti negativi, mancanza di speranza, svogliatezza, mancanza di interesse e frequenti rimuginazioni. Le persone che soffrono di depressione grave sono spesso incapaci di svolgere i compiti quotidiani e di concentrarsi.

Come si cura la depressione?

I pilastri più importanti del trattamento della depressione sono la psicoterapia e, soprattutto nei casi moderati e gravi, i farmaci. Con il giusto trattamento, i sintomi possono spesso essere significativamente alleviati.

La forma più comune di terapia è la terapia cognitivo-comportamentale, in cui si imparano strategie quotidiane per sostituire modelli di pensiero e abitudini negative.

Cosa posso fare per prevenire la depressione?

Una misura di auto-aiuto sensata è quella di assicurarsi di fare più esercizio fisico. Anche l'esercizio in gruppo può aiutare. Bassi livelli di vitamina D sono spesso stati rivelati nelle persone con depressione, ma se l'assunzione di integratori di vitamina D contribuisce al trattamento o alla prevenzione non è stato ancora chiarito scientificamente.

Fonti

[1] "Depressione: in Italia colpisce 3 milioni di persone". https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/postit/ONDA/2019/10/07/depressione-in-italia-colpisce-3-milioni-di-persone_6cbdeee8-c9d0-49c3-8216-39ea992cd2da.html  (visualizzato il 6 ottobre 2021).

[2] H.-U. Wittchen, F. Jacobi, M. Klose, L. Ryl, und R. Koch-Institut, „Gesundheitsberichterstattung des Bundes Heft 51 - Depressive Erkrankungen“, S. 46.

[3] B. Dgppn und A. (Hrsg ) für die L. U. D. Kbv, „S3-Leitlinie/Nationale VersorgungsLeitlinie Unipolare Depression – Kurzfassung, 2. Auflage. Version 1“, S. 77, 2017.

[4] Deutsche Gesellschaft für Psychiatrie und Psychotherapie, Psychosomatik und Nervenheilkunde, „S3-Leitlinie zur Diagnostik und Therapie Bipolarer Störungen“, 2020. https://www.dgppn.de/_Resources/Persistent/ef9214009e20d260d4f5a6e6932f3fb7f914efbb/S3_Leitlinie%20Bipolar_V2.1_Update_20200504.pdf (zugegriffen Aug. 26, 2021).

[5] Stiftung Deutsche Depressionshilfe, „Winterdepression“. https://www.deutsche-depressionshilfe.de/depression-infos-und-hilfe/depression-in-verschiedenen-facetten/winterdepression (zugegriffen Nov. 05, 2018).

[6] „In der Schwangerschaft und nach der Geburt - Stiftung Deutsche Depressionshilfe“. https://www.deutsche-depressionshilfe.de/depression-infos-und-hilfe/depression-in-verschiedenen-facetten/in-der-schwangerschaft-und-nach-der-geburt (zugegriffen Sep. 01, 2021).

[7] M. J. Kempton u. a., „Structural Neuroimaging Studies in Major Depressive Disorder: Meta-analysis and Comparison With Bipolar Disorder“, Arch. Gen. Psychiatry, Bd. 68, Nr. 7, S. 675–690, Juli 2011, doi: 10.1001/archgenpsychiatry.2011.60.

[8] „DAK-Psychoreport 2019: dreimal mehr Fehltage als 1997“. https://www.dak.de/dak/bundesthemen/dak-psychoreport-2019-dreimal-mehr-fehltage-als-1997-2125486.html (zugegriffen Aug. 26, 2021).

[9] F. Jacobi, „Nehmen psychische Störungen zu?“, Rep. Psychol., Bd. 34, S. 16–28, Jan. 2009, doi: 10.1055/s-2008-1067526.

[10] B. H. Hidaka, „Depression as a disease of modernity: Explanations for increasing prevalence“, J. Affect. Disord., Bd. 140, Nr. 3, S. 205–214, Nov. 2012, doi: 10.1016/j.jad.2011.12.036.

[11] „S3-Leitlinie/NVL Unipolare Depression, 2. Auflage, 2015. Version 5“, Leitlinien.de. https://www.leitlinien.de/themen/depression/2-auflage (zugegriffen Aug. 26, 2021).

[12] „Overview - Cognitive behavioural therapy (CBT)“, nhs.uk, Feb. 10, 2021. https://www.nhs.uk/mental-health/talking-therapies-medicine-treatments/talking-therapies-and-counselling/cognitive-behavioural-therapy-cbt/overview/ (zugegriffen Sep. 01, 2021).

[13] „Antidepressiva“. https://www.neurologen-und-psychiater-im-netz.org/psychiatrie-psychosomatik-psychotherapie/therapie/pharmakotherapie/antidepressiva/ (zugegriffen Aug. 30, 2021).

[14] P. J. Cowen und M. Browning, „What has serotonin to do with depression?“, World Psychiatry, Bd. 14, Nr. 2, S. 158–160, Juni 2015, doi: 10.1002/wps.20229.

[15] M. X. Hu u. a., „Exercise interventions for the prevention of depression: a systematic review of meta-analyses“, BMC Public Health, Bd. 20, Nr. 1, S. 1255, Aug. 2020, doi: 10.1186/s12889-020-09323-y.

[16] R. P. Patrick und B. N. Ames, „Vitamin D and the omega-3 fatty acids control serotonin synthesis and action, part 2: relevance for ADHD, bipolar disorder, schizophrenia, and impulsive behavior“, FASEB J. Off. Publ. Fed. Am. Soc. Exp. Biol., Bd. 29, Nr. 6, S. 2207–2222, Juni 2015, doi: 10.1096/fj.14-268342.

[17] C. H. Wilkins, Y. I. Sheline, C. M. Roe, S. J. Birge, und J. C. Morris, „Vitamin D Deficiency Is Associated With Low Mood and Worse Cognitive Performance in Older Adults“, Am. J. Geriatr. Psychiatry, Bd. 14, Nr. 12, S. 1032–1040, Dez. 2006, doi: 10.1097/01.JGP.0000240986.74642.7c.

[18] A. E. Stewart, K. A. Roecklein, S. Tanner, und M. G. Kimlin, „Possible contributions of skin pigmentation and vitamin D in a polyfactorial model of seasonal affective disorder“, Med. Hypotheses, Bd. 83, Nr. 5, S. 517–525, Nov. 2014, doi: 10.1016/j.mehy.2014.09.010.

[19] O. I. Okereke u. a., „Effect of Long-term Vitamin D3 Supplementation vs Placebo on Risk of Depression or Clinically Relevant Depressive Symptoms and on Change in Mood Scores: A Randomized Clinical Trial“, JAMA, Bd. 324, Nr. 5, S. 471–480, Aug. 2020, doi: 10.1001/jama.2020.10224.

Vuoi capire meglio il tuo corpo?

Misurando i tuoi parametri di salute, ricevi informazioni preziose sul potenziale del tuo corpo. A questo scopo, abbiamo sviluppato i kit cerascreen® per la raccolta e l'invio del campione da parte dell'utente finale. Facili e veloci da usare a casa e da rimandare gratuitamente al nostro laboratorio specializzato!
I nostri test sulla salute

Ci presentiamo

Vogliamo aiutare i nostri clienti a vivere una vita più sana. Per fare questo, lavoriamo con scienziati, medici ed ecotrofologi per sviluppare test che aiutano a capire meglio i sintomi del corpo.
Per saperne di più

Informazioni gratuite sulla salute

Iscriviti ora alla nostra newsletter e ricevi informazioni sulle ultime novità in materia di salute e nutrizione. Inoltre, ti daremo consigli sui prodotti e ti terremo aggiornato sulle promozioni del nostro negozio. Ottieni uno sconto di 5€ con l'iscrizione alla nostra newsletter.
Registrati ora
Contenuto