Ti auguriamo buon divertimento nella lettura

I nostri esperti ti possono aiutare a riconoscere e capire meglio i tuoi sintomi, clicca qui

Burnout: sintomi, cause e terapia

Bruciato dal lavoro - la sindrome da burnout è il risultato di uno stress eccessivo da lavoro. La vita lavorativa frenetica e il perfezionismo contribuiscono a bruciare internamente le persone. I giusti comportamenti e misure nell'ambiente di lavoro possono aiutare nella prevenzione e nel trattamento.

Si dice che il numero di persone che hanno sofferto di burnout sia triplicato negli ultimi dieci anni. Sempre più persone si mettono in malattia perché si sentono sopraffatte dal loro lavoro [1].

La sindrome da burnout è un problema serio, ma non è considerata una malattia secondo le definizioni odierne. L'Organizzazione Mondiale della Sanità la descrive come una "sindrome professionale" - un complesso di diversi fattori che richiedono un trattamento ma non è una malattia in sé. [2] Inoltre, il burnout non può essere diagnosticato con precisione. Nonostante queste difficoltà, sono stati creati indizi per una diagnosi e possibili concetti per trattare e prevenire.

Leggi in questo articolo cos'è esattamente la sindrome da burnout, quali segni indicano il superlavoro e quali cause aumentano il rischio. Inoltre: come possono il datore di lavoro e lo stile di vita aiutare nella prevenzione?

Burnout

Negli anni '70, lo psicologo Herbert Freudenberger osservò che gli operatori sanitari, specialmente infermieri e medici, si sentivano sempre più sopraffatti e stressati nel loro ambiente di lavoro. Freudenberger ha chiamato questa condizione"burnout" [3].

Cos'è il burnout?

La sindrome da burnout descrive la reazione a uno stress straordinario legato al lavoro. Il burnout si verifica in tutti i tipi di professioni e settori [3].  Spesso le persone che lavorano nella sanità o nell'assistenza sociale riferiscono di sentirsi esaurite. Queste includono specialmente [4]:

  • infermieri;
  • medici;
  • psicologi;
  • insegnanti;
  • poliziotti.

Sapevi che i medici hanno il doppio del rischio di sviluppare il burnout rispetto ad altre professioni [5]?

Le persone colpite hanno l'impressione di ricevere troppo poco apprezzamento e considerazione per il tempo e l'energia che hanno investito nel lavoro. A seconda dell'atteggiamento e delle condizioni di lavoro, la sindrome da burnout è debole o forte [4].

Buono a sapersi: secondo l'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, la sindrome da burnout causa anche grandi danni economici. Il congedo per malattia costa al sistema sanitario circa 20 miliardi di euro [4].

Perché il burnout non è considerato una malattia?

Si sostiene che il burnout non può essere classificato come una malattia perché non è un quadro clinico uniforme. Le persone colpite percepiscono sempre il burnout in modo diverso. C'è spesso confusione tra depressione e burnout. Inoltre, la sindrome da burnout è un problema della politica e non del sistema sanitario, poiché è di origine professionale [6].

Buono a sapersi: l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha incluso la sindrome da burnout nel catalogo delle malattie ICD-10, cioè la Classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi sanitari correlati, solo nel maggio 2019. Lì si chiarisce che il burnout non è una malattia.

Cos'è la sindrome da noia?

Mentre il burnout fa sentire le persone sopraffatte, la noia è l'opposto. Il lavoro non ti stimola abbastanza, il che può portarti ad affrontare i compiti lentamente e senza motivazione. Nel corso del tempo, si sperimentano sintomi simili al burnout - si può anche degenerare in burnout. Gli studi sulla sindrome da noia sono ancora scarsi. Gli esperti medici sostengono che si tratta semplicemente di una malattia di moda [7].

Burnout: cause

Un'interazione di fattori interni ed esterni che causano uno stress estremo sul lavoro apre la strada al burnout - specialmente se questo stress dura a lungo [3].

Cosa causa il burnout?

Come nasce un burnout dipende dai fattori individuali di stress a cui si è esposti sul lavoro. Sia il tuo atteggiamento interiore che le condizioni di lavoro intorno a te giocano un ruolo significativo nello sviluppo del burnout. Fondamentalmente, si tratta di fattori che causano stress cronico [8].

Fattori interni

Fattori esterni

Autocritica

Orari di lavoro lunghi e irregolari

Immersione nel lavoro

Reperibilità

Aspettative su se stessi, perfezionismo

Salario basso

Tolleranza dello stress

Insoddisfazione per il livello di gestione

Concetto morale

Revisione

Secondo uno studio del 2018 della Public Library of Science, una glicemia elevata a lungo termine (valori HbA1c) può aumentare il rischio di burnout [9].

Test emoglobina glicata cerascreen

Fattori interni - autoburnout

Il tuo rischio individuale di burnout è legato a come affronti lo stress e la tua vita lavorativa. La nostra educazione ha un'influenza diretta sul nostro carattere e quindi sui nostri atteggiamenti e idee nella vita e nel lavoro. Allo stesso modo, le persone a cui guardiamo come modelli influenzano i nostri valori e le aspettative su noi stessi. Le persone che sono molto perfezioniste e che hanno grandi aspettative su se stesse di solito hanno una bassa tolleranza dello stress; il più piccolo errore scatena un'enorme insoddisfazione e quindi stress. Se sei anche incline a un alto grado di autocritica, questa suscettibilità allo stress aumenta.

Se si è troppo assorbiti dal proprio lavoro, il rischio di burnout può aumentare. È poi difficile prendere le distanze dal lavoro, quindi ci si sovraccarica inconsciamente di molti compiti. Se lo stress cronico è principalmente il risultato di fattori interni, si parla di auto esaurimento. In questo caso, si va in sovraccarico soprattutto a causa delle proprie attitudini e caratteristiche. [5, 8, 10].

Cause esterne del burnout

Se sei continuamente frustrato dall'ambiente e dalle condizioni di lavoro, lo stress eccessivo determinerà la tua routine lavorativa quotidiana. Questo aumenta anche il rischio di burnout. Soprattutto, sono colpite le persone che: [5, 10]:

  • fanno straordinari involontariamente, dover lavorare in più a casa pur avendo finito il lavoro o lavorare in modo irregolare (turni e reperibilità);
  • devono dividere il loro tempo tra lavoro e famiglia;
  • sentono che la loro paga è ingiusta e troppo bassa;
  • non sono soddisfatte del lavoro e delle politiche della direzione e del personale dell'azienda;
  • non ricevono sostegno emotivo sul lavoro e non si sentono valorizzati.

Spesso questi fattori si applicano a manager, venditori, infermieri e medici - i medici e altri operatori sanitari sono considerati il gruppo a rischio per eccellenza [5, 11].

Burnout: sintomi

La sensazione di burnout legata al lavoro è caratterizzata da tutti i tipi di sintomi. Anche se il burnout ha luogo principalmente nella mente, colpisce anche il corpo. Il burnout è una sindrome psicosomatica, il che significa che i disturbi fisici possono essere l'origine di problemi mentali.

Quali segni indicano il burnout?

Ci sono tipicamente tre punti di partenza che i medici chiedono per indagare su un sospetto di burnout: esaurimento emotivo e fisico, depersonalizzazione e riduzione delle prestazioni lavorative [3].

Buono a sapersi: la depersonalizzazione descrive il sentimento di auto-alienazione. Le persone colpite percepiscono se stesse e il loro comportamento come alieni.

I tre punti di partenza

Sintomi

Esaurimento emotivo

Stanchezza, tensione, disturbi del sonno, problemi gastrointestinali

Depersonalizzazione (cinismo)

Frustrazione, allontanamento dal lavoro, antipatia per il lavoro e i colleghi, perdita di sentimenti

Prestazioni lavorative ridotte

Mancanza di concentrazione, insoddisfazione per le proprie prestazioni

(modificato dopo: Documento di posizione della Società tedesca di psichiatria, psicoterapia e neurologia sul tema del burnout; 07.03.2012)

Le dodici fasi del burnout

Herbert Freudenberger, che fu il primo scienziato a studiare la sindrome del burnout, ha classicamente diviso il burnout in dodici fasi. Tuttavia, il decorso della sindrome non è sempre lo stesso e la divisione in fasi è oggi contestata.

Il burnout spesso si sviluppa come segue, per esempio [10]:

  •  un burnout spesso inizia con un'eccessiva ambizione sul lavoro e trascurando i propri bisogni e hobby;
  • questo è seguito da un ritiro dalla vita sociale e da cambiamenti nel comportamento che vengono notati anche da amici, familiari e colleghi;
  • si verifica la "depersonalizzazione" - ci si allontana interiormente da se stessi e dal proprio lavoro e non si percepiscono più i propri bisogni e problemi;
  • infine, possono verificarsi stati estremi di esaurimento e stati d'animo depressivi, persino la depressione.

Impatto sul lavoro e sulla vita quotidiana
Lo stress cronico sul lavoro influisce sia sul rendimento che sulla vita privata. Le persone affette da burnout si allontanano sempre più dal loro lavoro e non gli danno più valore: svolgono i loro compiti senza motivazione e in modo improduttivo. Tendono anche a darsi malati spesso. Anche la loro vita privata ne risente: le persone con burnout spesso si ritirano dal loro ambiente sociale e passano sempre più tempo da soli [4].

Inoltre, l'alcolismo può anche essere una conseguenza del burnout [5].

Come influisce il burnout sul corpo?

Diversi studi potrebbero dimostrare che la sindrome da burnout si riflette anche a livello fisico. I seguenti disturbi potrebbero verificarsi in diverse fasi del burnout [4, 12]:

  • dolore muscolare;
  • mal di testa;
  • insonnia;
  • malattie del tratto respiratorio;
  • disturbi gastrointestinali, comportamento alimentare disturbato.

Le persone che soffrono della sindrome da burnout hanno anche un rischio maggiore di sviluppare il diabete mellito di tipo 2, livelli elevati di colesterolo e malattie cardiovascolari. C'è anche un legame con il rischio di sviluppare l'obesità e la carenza di vitamina D. Secondo gli studi, il rischio di morire prima può anche aumentare - forse a causa di un aumento del rischio di incidenti in alcuni settori, come l'industria.

I disturbi e le malattie che derivano dal burnout possono innescare un circolo vizioso: aumentano la sensazione di stress, che a sua volta può peggiorare i disturbi [9, 13].

Consiglio: leggi cosa dovresti sapere sul colesterolo e sui livelli di colesterolo nel nostro portale della salute. Spieghiamo anche come è possibile tenere sotto controllo i livelli elevati con la dieta giusta.

Esame colesterolo cerascreen

Il ruolo del cortisolo nel burnout

In situazioni di stress, l'asse ipotalamo-ipofisi-surrene si attiva, questo meccanismo endogeno controlla il rilascio dell'ormone dello stress, il cortisolo. Quando i nostri livelli di cortisolo aumentano, la pressione sanguigna aumenta, il sistema immunitario si spegne, lo zucchero nel sangue aumenta e il corpo consuma più nutrienti. L'aumento dello stress porta a grandi quantità di cortisolo, che può provocare i sintomi sopra elencati.

Dopo episodi prolungati di stress, come il burnout, in rari casi l'attività dell'asse dello stress può diminuire: rilascia solo piccole quantità di cortisolo appena entri in una situazione di stress, questo è chiamato ipocortisolismo [14], [15].

Burnout: diagnosi

Risulta difficile diagnosticare la sindrome da burnout perché può manifestarsi con sintomi diversi in ogni persona colpita. Inoltre, gli esami del sangue non possono indicare se il burnout è presente. Pertanto, è principalmente utilizzato un altro strumento: il questionario Maslach Burnout Inventory [16].

Come diagnosticare il burnout?

Il questionario Maslach Burnout Inventory (MBI) è diviso in tre parti con un totale di 22-25 domande. Ciascuna delle sezioni delle domande si concentra su uno dei tre sintomi principali - esaurimento, disimpegno e riduzione delle prestazioni lavorative [4], [17].

Per esempio, le domande riguardano se [10]:

  • l'atmosfera di lavoro è rilassata,
  • ti senti esausto e svogliato,
  • non hai voglia di andare al lavoro,
  • ti senti che stai facendo qualcosa di positivo al lavoro,
  • pensi che i dipendenti sono trattati come oggetti nell'azienda.

Anche se il questionario è il più consultato, secondo i ricercatori non è uno strumento veramente affidabile per diagnosticare il burnout [18].

I ricercatori stanno discutendo se una possibile carenza dell'ormone della felicità, la serotonina, gioca un ruolo nella sindrome da burnout.

Burnout: cura

La gamma di fattori di influenza individuali e i sintomi percepiti in modo diverso rendono difficile per i medici e gli scienziati sviluppare programmi di terapia uniformi per le persone con il burnout [8]. Gli studi non sono ancora giunti a risultati conclusivi. Non è chiaro se la psicoterapia, il rilassamento o le terapie naturopatiche da sole abbiano un effetto. Così, la rispettiva terapia dovrebbe essere adattata alla persona colpita [19]-[21].

Come si cura il burnout?

Le terapie comportamentali hanno ottenuto i migliori risultati. In questa psicoterapia, le persone colpite imparano a cambiare il loro modo di pensare per reagire meglio alle situazioni stressanti e per contenere la sensazione di essere sopraffatti [18]. Inoltre, gli interventi nell'ambiente di lavoro dovrebbero impedire che il burnout si sviluppi ulteriormente. I fattori che contribuiscono sono [4], [8], [22]:

  • adattamento dei compiti (scadenze più lunghe, divisione dei compiti);
  • sostegno nei compiti troppo impegnativi;
  • più libertà di scelta nella selezione dei compiti;
  • tecnologie che possono facilitare il lavoro.

Alcuni dottori suggeriscono anche che l'esercizio fisico può aiutare le persone con la sindrome da burnout. Tuttavia, l'analisi di uno studio del 2018 ha concluso che ad oggi, non ci sono risultati di studi affidabili che chiariscano la misura in cui l'attività fisica gioca un ruolo nel migliorare la sindrome da burnout [23].

Buono a sapersi: in un piccolo studio condotto, il tè al rosmarino è stato in grado di ridurre i sentimenti di stress in caso di burnout legato al lavoro. I partecipanti allo studio hanno bevuto quattro grammi di rosmarino in 150 millilitri di acqua al giorno per due mesi [24].

Prevenzione: come si può prevenire il burnout?

La misura più importante per prevenire il burnout è ridurre lo stress sul lavoro. Questo può significare, per esempio, fare meno straordinari, delimitare chiaramente le proprie aree di responsabilità e i propri ruoli, o risolvere i conflitti con i colleghi.

Anche l'ambiente di lavoro può favorire lo stress, per esempio attraverso il rumore, le cattive condizioni di luce, il cattivo clima della stanza e le distrazioni. Di conseguenza, rendere le condizioni di lavoro più piacevoli può aiutare a prevenirlo.

Le aziende possono offrire programmi di gestione dello stress per combattere tale stress. Questo di solito comporta che i dipendenti imparino a gestire lo stress nella vita quotidiana in corsi che durano diverse settimane. Negli studi, tali programmi sono riusciti a ridurre significativamente i livelli di stress dei dipendenti [22, 25].

Suggerimento: pensi che ci sia un problema di stress nella tua azienda? Puoi chiedere al tuo datore di lavoro di condurre una valutazione del rischio mentale. Le aziende possono così scoprire cosa stressa i loro dipendenti attraverso un sondaggio anonimo tra i dipendenti. Possono poi rispondere a questo con programmi di gestione dello stress e interventi sul posto di lavoro.

Allo stesso modo, uno stile di vita sano può aiutare a prevenire il burnout. Una combinazione di attività fisica, una dieta equilibrata, igiene del sonno e tecniche di rilassamento mirate possono aiutare a mantenere bassi i livelli di stress nella vita quotidiana.

La nutrizione può aiutare a prevenire il burnout?

La nostra dieta dà un contributo importante alla prevenzione del burnout, poiché può frenare le conseguenze dello stress eccessivo. Tra le altre cose, gli ormoni dello stress aumentano la nostra pressione sanguigna, abbassano le nostre difese immunitarie e smorzano il nostro spirito.

Omega 3: gli acidi grassi omega 3 dell'aringa, dello sgombro, delle noci e dell'olio di semi di lino, così come le fibre dei cereali integrali, hanno dimostrato di abbassare la pressione alta. Così, riducono il rischio di ulteriori malattie cardiovascolari. Inoltre, i ricercatori stanno discutendo se gli acidi grassi omega-3 possono ridurre il rischio di depressione, in cui il burnout può degenerare.

Consiglio: leggi di più su come prevenire e trattare la pressione alta nel nostro portale della salute.

Vitamina D: si sospetta che la carenza di vitamina D possa aggravare lo stress e altre malattie mentali. La vitamina D agisce come un ormone e ha anche importanti funzioni nel cervello, per esempio, supporta la capacità di concentrazione. La vitamina del sole è difficile da ottenere attraverso la dieta - il nostro corpo ha bisogno della radiazione UV del sole per produrre da solo quantità sufficienti.

Vitamina C e magnesio: quando siamo stressati, il corpo consuma grandi quantità di vitamina C e magnesio: questi due nutrienti possono rafforzare il nostro sistema immunitario. Gli alimenti che contengono vitamina C sono, per esempio, il ribes e i peperoni. Il magnesio si trova principalmente nei cereali integrali e nelle noci. Il minerale magnesio ha anche un effetto rilassante sui muscoli. Questo può anche aiutare durante le fasi di stress, quando le persone sono più inclini a muscoli tesi.

Nutrienti per il sistema nervoso: l'inquietudine interiore può essere causata da un sistema nervoso agitato. In questo caso, si può contrastare con alcuni nutrienti [26]:

  • vitamine del gruppo B da noci e uova, per esempio la vitamina B12
  • l'aminoacido L-triptofano da legumi, noci e cereali - è il precursore della serotonina, l'ormone della felicità.
Integratori vitaminici e integratori vitamina B12

Burnout in sintesi

Cos'è il burnout?

La sindrome da burnout è il risultato dello stress eccessivo a cui le persone sono esposte nella loro vita professionale. Le richieste eccessive portano le persone colpite a sentirsi esaurite. Le persone nei settori della sanità e dell'assistenza sociale sono particolarmente colpite.

Cosa causa il burnout?

Il comportamento e il carattere individuale possono aumentare il rischio di subire un burnout. Per esempio, le persone con una spinta al perfezionismo e una bassa tolleranza allo stress tendono a sentirsi sopraffatte dalle richieste eccessive sul lavoro. Anche le condizioni di lavoro come l'orario irregolare e lungo, un salario basso e problemi con i capi contribuiscono allo sviluppo del burnout.

Quali sintomi indicano il burnout?

L'esaurimento emotivo, l'auto-alienazione e la riduzione del rendimento lavorativo sono considerati i tre punti di partenza di una sindrome da burnout. A causa dello stress cronico, le persone con burnout si sentono svuotate, soffrono di problemi di concentrazione, si allontanano dal lavoro e dalla vita sociale e reprimono i conflitti interiori. Inoltre, possono verificarsi disturbi come problemi gastrointestinali, disturbi del sonno e dolori muscolari.

Come si cura il burnout?

Attraverso le terapie comportamentali, le persone colpite imparano a compensare lo stress nella loro vita quotidiana. Ulteriori interventi sul lavoro possono creare le condizioni per ridurre il livello di stress. Per prevenire il burnout, possono essere utili programmi di gestione dello stress, una dieta equilibrata e tecniche di rilassamento nella vita quotidiana.

Bibliografia

[1] „Burnout-Erkrankungen in Deutschland“, Statista. [Online]. Verfügbar unter: https://de.statista.com/statistik/daten/studie/239872/umfrage/arbeitsunfaehigkeitsfaelle-aufgrund-von-burn-out-erkrankungen/. [Zugegriffen: 23-Sep-2019].

[2] „WHO | Burn-out an ‚occupational phenomenon‘: International Classification of Diseases“, WHO. [Online]. Verfügbar unter: http://www.who.int/mental_health/evidence/burn-out/en/. [Zugegriffen: 23-Sep-2019].

[3] L. S. Rotenstein, M. Torre, und Marc, „Prevalence of Burnout Among Physicians“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6233645/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[4] B. K. Wiederhold, P. Cipresso, D. Pizzioli, M. Wiederhold, und G. Riva, „Intervention for Physician Burnout: A Systematic Review“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6034099/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[5] S. P. Rikinkumar, R. Bachu, A. Archana, und M. Malik, „Factors Related to Physician Burnout and Its Consequences: A Review“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6262585/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[6] „Mitteilungen der DGPPN“, Die Psychiatrie, Bd. 9, Nr. 02, S. 119–126, Apr. 2012.

[7] A. Lohmann-Haislah, Stressreport Deutschland 2012: psychische Anforderungen, Ressourcen und Befinden. Dortmund: Bundesanstalt für Arbeitsschutz und Arbeitsmedizin, 2012.

[8] H. L. Fred und M. S. Scheid, „Physician Burnout: Causes, Consequences, and (?) Cures“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6183652/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[9] A. Metlaine, F. Sauvet, D. Gomez-Merino, T. Boucher, M. Elbaz, und J. Y. Delafosse, „Sleep and biological parameters in professional burnout: A psychophysiological characterization“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5791983/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[10] W. P. Kaschka, D. Korczak, und K. Broich, „Burnout: a Fashionable Diagnosis“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3230825/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[11] B. Rutherford, A. Hamwi, S. Friend, und N. Hartmann, „Measuring Salesperson Burnout: A Reduced Maslach Burnout Inventory for Sales Researchers“, Journal of Personal Selling & Sales Management, Bd. 31, S. 429–440, Sep. 2013.

[12] N. Nevanperä, L. Hopsu, und E. Kuosma, „Occupational burnout, eating behavior, and weight among working women. - PubMed - NCBI“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22378728. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[13] D. Albieri Jodas Salvagioni, F. Nesello Melanda, und A. Eumann Mesas, „Physical, psychological and occupational consequences of job burnout: A systematic review of prospective studies“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5627926/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[14] A.-K. Lennartsson, A. Sjörs, und P. Währborg, „Burnout and Hypocortisolism – A Matter of Severity? A Study on ACTH and Cortisol Responses to Acute Psychosocial Stress“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4313581/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[15] J. Verhaeghe, F. Van Den Eede, H. Van Den Ameele, und B. G. C. Sabbe, „[Neuro-endocrine correlates of burnout]“, Tijdschr Psychiatr, Bd. 54, Nr. 6, S. 517–526, 2012.

[16] M. Danhof-Pont, T. Veen, und F. Zitman, „Biomarkers in burnout: A systematic review“, Journal of psychosomatic research, Bd. 70, S. 505–24, Juni 2011.

[17] H. Rodrigues, R. Cobucci, und A. Oliveira, „Burnout syndrome among medical residents: A systematic review and meta-analysis“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6231624/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[18] D. Korczak, M. Wastian, und M. Schneider, „Therapy of the burnout syndrome“, GMS health technology assessment, Bd. 8, S. Doc05, Juni 2012.

[19] A. Hillert, „[How is burnout treated? Treatment approaches between wellness, job-related prevention of stress, psychotherapy, and social criticism]“, Bundesgesundheitsblatt Gesundheitsforschung Gesundheitsschutz, Bd. 55, Nr. 2, S. 190–196, Feb. 2012.

[20] K. Ahola, S. Toppinen-Tanner, und J. Seppänen, „Interventions to alleviate burnout symptoms and to support return to work among employees with burnout: Systematic review and meta-analysis“, Burnout Research, Bd. 4, S. 1–11, März 2017.

[21] A. Mäkikangas und U. Kinnunen, „The person-oriented approach to burnout: A systematic review“, Burnout Research, Bd. 3, Nr. 1, S. 11–23, März 2016.

[22] M. Stier-Jarmer, D. Frisch, C. Oberhauser, G. Berberich, und A. Schuh, „The Effectiveness of a Stress Reduction and Burnout Prevention Program“, Dtsch Arztebl Int, Bd. 113, Nr. 46, S. 781–788, Nov. 2016.

[23] O. Ochentel, C. Humphrey, und K. Pfeifer, „Efficacy of Exercise Therapy in Persons with Burnout. A Systematic Review and Meta-Analysis“, J Sports Sci Med, Bd. 17, Nr. 3, S. 475–484, Aug. 2018.

[24] T. Mehrabi, S. Gorji, B. Zolfaghari, und R. Razmjoo, „The effect of Rosmarinus herbal tea on occupational burnout in Iran Chemical Industry Investment company employees“, Iran J Nurs Midwifery Res, Bd. 20, Nr. 4, S. 460–464, 2015.

[25] S. Kumar, „Burnout and Doctors: Prevalence, Prevention and Intervention“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5041038/. [Zugegriffen: 18-Sep-2019].

[26] K. Singh, „Nutrient and Stress Management“, J Nutr Food Sci, Bd. 6, Nr. 4, 2016.

Vuoi capire meglio il tuo corpo?

Misurando i tuoi parametri di salute, ricevi informazioni preziose sul potenziale del tuo corpo. A questo scopo, abbiamo sviluppato i kit cerascreen® per la raccolta e l'invio del campione da parte dell'utente finale. Facili e veloci da usare a casa e da rimandare gratuitamente al nostro laboratorio specializzato!
I nostri test sulla salute

Ci presentiamo

Vogliamo aiutare i nostri clienti a vivere una vita più sana. Per fare questo, lavoriamo con scienziati, medici ed ecotrofologi per sviluppare test che aiutano a capire meglio i sintomi del corpo.
Per saperne di più

Informazioni gratuite sulla salute

Iscriviti ora alla nostra newsletter e ricevi informazioni sulle ultime novità in materia di salute e nutrizione. Inoltre, ti daremo consigli sui prodotti e ti terremo aggiornato sulle promozioni del nostro negozio. Ottieni uno sconto di 5€ con l'iscrizione alla nostra newsletter.
Registrati ora
Contenuto