Ti auguriamo buon divertimento nella lettura

I nostri esperti ti possono aiutare a riconoscere e capire meglio i tuoi sintomi, clicca qui

Carenza vitamina D: sintomi e conseguenze

La vitamina D supporta numerosi processi nel corpo, tra cui la formazione delle ossa, la difesa immunitaria e il mantenimento dei muscoli. Di conseguenza, i sintomi di una carenza di vitamina D possono essere vari.

Più di un miliardo di persone nel mondo soffre di una carenza di vitamina D. Il tuo corpo produce vitamina D non appena i raggi del sole colpiscono la tua pelle. Se ti esponi raramente al sole, sei a rischio di carenza di vitamina D. In inverno la produzione di vitamina D del corpo è scarsa. Inoltre, molte persone passano tutto il loro tempo in casa. L'insufficienza di vitamina D a lungo termine porta alla carenza di vitamina D, che è associata a una serie di sintomi. 

In età avanzata, il rischio di carenza di vitamina D aumenta ulteriormente perché la pelle diventa meno capace di produrre la vitamina. Anche le malattie dei reni e del fegato abbassano la produzione di vitamina D. Le persone che prendono alte dosi di farmaci per l'artrite reumatoide (desametasone) o funghi della pelle (clotrimazolo) sono ad alto rischio di carenza di vitamina D [1]. Inoltre, l'obesità è un fattore di rischio: la vitamina D liposolubile si accumula nel tessuto grasso, dal quale non può essere rilasciata nel sangue – e determina una carenza di vitamina D [2]

Leggi in questo articolo come una carenza di vitamina D colpisce il tuo corpo e quando è consigliabile far misurare il tuo livello di vitamina D.

Carenza di vitamina D: sintomi

Una carenza di vitamina D può manifestarsi con sintomi molto diversi. Questo perché la vitamina del sole è coinvolta in molti processi nel corpo. I ricercatori stanno scoprendo solo ora molto a riguardo, il 95% di ciò che sappiamo sulla vitamina D oggi proviene da ricerche condotte negli ultimi 20 anni.

Quando la vitamina D è stata scoperta negli anni '20, i ricercatori hanno inizialmente supposto che la vitamina D lavorasse solo nel metabolismo osseo. Si pensava che la sostanza simile all'ormone fosse un rimedio efficace per il rachitismo, una malattia in cui le ossa si deformano in giovane età.

Nel corso degli anni, gli scienziati hanno scoperto altre funzioni della vitamina D negli studi, compreso il suo ruolo nel sistema immunitario, nella crescita dei capelli e nella protezione contro alcune malattie [3].

Una donna si siede al sole e assorbe vitamina D

Quali sono i sintomi della carenza di vitamina D?

Se si soffre di una carenza di vitamina D, si possono inizialmente sperimentare sintomi non specifici come sentirsi stanchi e svogliati. Una carenza di vitamina D indebolisce il sistema immunitario, quindi ci si può ammalare più spesso. Inoltre, si possono avere dolori ai muscoli e alle ossa.

Se la carenza di vitamina D dura a lungo, si possono sviluppare i seguenti sintomi e malattie [4, 5]:

  • osteoporosi e rachitismo;
  • debolezza muscolare;
  • depressione;
  • parodontite;
  • malattie cardiovascolari, diabete mellito, sindrome metabolica;
  • perdita di capelli:

Buono a sapersi: gli studi hanno osservato che la carenza di vitamina D durante la gravidanza aumenta il rischio di complicazioni. Questi includono: preeclampsia, nascita prematura e basso peso alla nascita [6].

Esame vitamina D cerascreen

Vitamina D e parodontite

La parodontite è un’infezione alle gengive. Le gengive possono allentarsi e persino ritirarsi quando la parodontite non viene trattata [7]. La carenza di vitamina D può favorire lo sviluppo della parodontite. La vitamina D è coinvolta in diversi processi che proteggono le gengive e i denti dall'attacco batterico e dai danni - ecco perché la carenza di vitamina D può promuovere lo sviluppo della parodontite [8].

Vitamina D e perdita di capelli

È possibile che la carenza di vitamina D sia legata alla perdita patologica dei capelli. I ricercatori hanno osservato in studi di laboratorio che la vitamina D stimola la formazione e la crescita delle cellule dei capelli. Le persone che soffrono di perdita di capelli patologica come il telogen effluvium o l'alopecia androgenetica hanno una carenza di vitamina D nella maggior parte degli studi [9]. Leggi qui come rafforzare i capelli

Vitamina per le ossa

Il tuo corpo cerca sempre di mantenere abbastanza calcio nelle ossa e nel sangue. Questo processo è anche chiamato omeostasi del calcio. Il calcio serve come materiale da costruzione per le ossa, mentre nel sangue controlla la coagulazione, aiuta le cellule nervose a trasmettere gli stimoli. Con l'aiuto della vitamina D, il calcio dal cibo può passare dall'intestino tenue al sangue ed essere incorporato nelle ossa [10].

Sapevi che il 99% di tutto il calcio è immagazzinato nelle ossa? L'ultima percentuale è nel sangue e nelle cellule nervose.

Carenza di vitamina D e perdita ossea

Una carenza di vitamina D impedisce all'intestino di trasportare abbastanza calcio nel sangue. Affinché l'equilibrio continui, la ghiandola paratiroide produce l'ormone paratiroideo. Questo ormone attiva gli osteoclasti - cellule che iniziano il riassorbimento delle ossa in modo che il calcio possa passare dalle ossa al sangue. In questo modo, il corpo ripristina l'omeostasi del calcio e mantiene le funzioni corporee.

Più a lungo si soffre di una carenza di vitamina D, più calcio perdono le ossa. Le ossa diventano fragili e possono diventare deformi. Può aumentare il rischio di malattie ossee come l'osteopenia, l'osteoporosi e il rachitismo [5].

Sintomi: la perdita ossea dovuta alla carenza di vitamina D non mostra sintomi per molto tempo. Tuttavia, aumenta il rischio di cadute e fratture, soprattutto nelle persone anziane.

Carenza di vitamina D e muscoli

In alcuni studi, gli scienziati hanno osservato che l'assunzione di integratori contenenti vitamina D migliora la funzione muscolare nei casi di debolezza muscolare. Si pensa che la vitamina D rafforzi le cellule nervose nei muscoli e mantenga la funzione muscolare. Se la vitamina D è carente, i muscoli potrebbero rompersi, causando dolore e una sensazione di debolezza - questo processo è chiamato sarcopenia [5, 11].

Puoi scoprire se hai una carenza di vitamina D e se hai bisogno di prendere degli integratori con l'Esame Vitamina D cerascreen®. È comodo da fare a casa, basta prelevare un piccolo campione di sangue dal dito ed inviarlo al nostro laboratorio specializzato. Tutto l'occorrente si trova nel kit che riceverai a casa. Otterrai i risultati dell'esame e dei consigli per migliorare i tuoi valori di vitamina D tramite un referto online.

Vitamina D sistema immunitario

Gli studi dimostrano che il sistema immunitario dipende dalla vitamina D. La vitamina D influisce sulla formazione delle cellule di difesa come le cellule T e le cellule B. Queste cellule fanno parte dei meccanismi di difesa che il corpo usa per eliminare gli agenti patogeni.

Inoltre, si pensa che la vitamina D fermi la crescita eccessiva delle cellule immunitarie. Se si soffre di una carenza di vitamina D, si corre il rischio di avere troppe cellule immunitarie che si formano e che attaccano le cellule sane. Questo fenomeno medico è chiamato autoimmunità, e può portare a malattie, tra cui [13]:

  • diabete mellito tipo 1;
  • sclerosi multipla;
  • artrite reumatoide.

Sintomi: maggiore suscettibilità alle infezioni come il raffreddore e l'influenza

Buono a sapersi: la carenza di vitamina D aumenta il rischio di diabete non solo a causa dell'autoimmunità, ma anche per la carenza di calcio che viene provocata da una carenza di vitamina D. Il corpo ha bisogno di calcio per rilasciare insulina per abbassare lo zucchero nel sangue. Quindi, se il corpo non ha abbastanza calcio, non ha neanche insulina - e questo può portare al diabete [2].

Depressione e vitamina D

Negli studi che hanno esaminato la relazione tra carenza di vitamina D e depressione, sono state osservate delle correlazioni: le persone con depressione avevano più spesso una carenza di vitamina D. Il rischio di depressione può aumentare fino al 14% quando è presente una carenza di vitamina D.

In alcuni studi, l'assunzione di integratori di vitamina D ha ridotto gli stati d'animo depressivi. Tuttavia, resta da vedere se la supplementazione di vitamina D è un intervento terapeutico per la depressione [3, 14].

Nota: la vitamina D aiuta a produrre la serotonina, l'ormone della felicità.

Integratori vitamina D

Carenza di vitamina D e malattie cardiovascolari

Nei nostri vasi sanguigni, si pensa che la vitamina D abbia un effetto antinfiammatorio: riduce la formazione di sostanze infiammatorie come l'interleuchina-6, il fattore di necrosi tumorale e le prostaglandine. La vitamina D regola anche la pressione sanguigna. Se si soffre di una carenza di vitamina D, questi compiti non possono essere svolti: può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari [15].

Più informazioni: gli acidi grassi Omega-6 sono coinvolti nella formazione di prostaglandine pro-infiammatorie. Scopri tutto sugli effetti e sulla presenza degli acidi grassi omega-3 e omega-6 nel nostro portale della salute.

Senza vitamina D, possono avvenire reazioni pro-infiammatorie, che possono causare la calcificazione dei vasi – aumenta il rischio di aterosclerosi. Inoltre, si può sviluppare la pressione alta. Il diabete mellito e la sindrome metabolica, possibili conseguenze della carenza di vitamina D, possono anche aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. Si pensa che anche la carenza di calcio abbia un ruolo in questo, poiché agisce come un minerale importante per la salute del cuore [16, 17].

Sintomi: l'ipertensione e l'aterosclerosi sono anche considerate insidiose perché spesso non si manifestano con sintomi per anni.

Vuoi scoprire ancora di più sulla vitamina D? Leggi l'articolo dettagliato nel nostro portale della salute.

Bibliografia

[1] O. Sizar und A. Givler, „Vitamin D Deficiency“, in StatPearls, Treasure Island (FL): StatPearls Publishing, 2019.

[2] B. Matyjaszek-Matuszek, M. Lenart-Lipińska, und E. Woźniakowska, „Clinical implications of vitamin D deficiency“, Prz Menopauzalny, Bd. 14, Nr. 2, S. 75–81, Juni 2015.

[3] S. Spedding, „Vitamin D and Depression: A Systematic Review and Meta-Analysis Comparing Studies with and without Biological Flaws“, Nutrients, Bd. 6, Nr. 4, S. 1501–1518, Apr. 2014.

[4] R. Nair und A. Maseeh, „Vitamin D: The “sunshine” vitamin“, J Pharmacol Pharmacother, Bd. 3, Nr. 2, S. 118–126, 2012.

[5] S. Pilz u. a., „Vitamin D testing and treatment: a narrative review of current evidence“, Endocr Connect, Bd. 8, Nr. 2, S. R27–R43, Jan. 2019.

[6] M. L. Mulligan, S. K. Felton, A. E. Riek, und C. Bernal-Mizrachi, „Implications of vitamin D deficiency in pregnancy and lactation“, Am J Obstet Gynecol, Bd. 202, Nr. 5, S. 429.e1-429.e9, Mai 2010.

[7] „Pschyrembel Online | Parodontitis“. [Online]. Verfügbar unter: https://www.pschyrembel.de/Parodontitis/T004B/doc/. [Zugegriffen: 04-Okt-2019].

[8] E. Jagelavičienė, I. Vaitkevičienė, D. Šilingaitė, E. Šinkūnaitė, und G. Daugėlaitė, „The Relationship between Vitamin D and Periodontal Pathology“, Medicina (Kaunas), Bd. 54, Nr. 3, Juni 2018.

[9] H. M. Almohanna, A. A. Ahmed, J. P. Tsatalis, und A. Tosti, „The Role of Vitamins and Minerals in Hair Loss: A Review“, Dermatol Ther (Heidelb), Bd. 9, Nr. 1, S. 51–70, Dez. 2018.

[10] I. Elmadfa, Ernährungslehre, 3. Aufl. Verlag Eugen Ulmer Stuttgart, 2015.

[11] L. Rejnmark, „Effects of Vitamin D on Muscle Function and Performance: A Review of Evidence from Randomized Controlled Trials“, Ther Adv Chronic Dis, Bd. 2, Nr. 1, S. 25–37, Jan. 2011.

[12] J. E. Gunton und C. M. Girgis, „Vitamin D and muscle“, Bone Rep, Bd. 8, S. 163–167, Apr. 2018.

[13] C. Aranow, „Vitamin D and the immune system“, J. Investig. Med., Bd. 59, Nr. 6, S. 881–886, Aug. 2011.

[14] G. B. Parker, H. Brotchie, und R. K. Graham, „Vitamin D and depression“, J Affect Disord, Bd. 208, S. 56–61, Jan. 2017.

[15] J. S. Danik und J. E. Manson, „Vitamin D and Cardiovascular Disease“, Curr Treat Options Cardiovasc Med, Bd. 14, Nr. 4, S. 414–424, Aug. 2012.

[16] B. Kheiri, A. Abdalla, M. Osman, S. Ahmed, M. Hassan, und G. Bachuwa, „Vitamin D deficiency and risk of cardiovascular diseases: a narrative review“, Clin Hypertens, Bd. 24, Juni 2018.

[17] A. NITSA, M. TOUTOUZA, N. MACHAIRAS, A. MARIOLIS, A. PHILIPPOU, und M. KOUTSILIERIS, „Vitamin D in Cardiovascular Disease“, In Vivo, Bd. 32, Nr. 5, S. 977–981, Sep. 2018.

Vuoi capire meglio il tuo corpo?

Misurando i tuoi parametri di salute, ricevi informazioni preziose sul potenziale del tuo corpo. A questo scopo, abbiamo sviluppato i kit cerascreen® per la raccolta e l'invio del campione da parte dell'utente finale. Facili e veloci da usare a casa e da rimandare gratuitamente al nostro laboratorio specializzato!
I nostri test sulla salute

Ci presentiamo

Vogliamo aiutare i nostri clienti a vivere una vita più sana. Per fare questo, lavoriamo con scienziati, medici ed ecotrofologi per sviluppare test che aiutano a capire meglio i sintomi del corpo.
Per saperne di più

Informazioni gratuite sulla salute

Iscriviti ora alla nostra newsletter e ricevi informazioni sulle ultime novità in materia di salute e nutrizione. Inoltre, ti daremo consigli sui prodotti e ti terremo aggiornato sulle promozioni del nostro negozio. Ottieni uno sconto di 5€ con l'iscrizione alla nostra newsletter.
Registrati ora
Contenuto