Osteoporosi: prevenzione, diagnosi e cura

L'osteoporosi, chiamata anche perdita di massa ossea, è una malattia che aumenta il rischio di fratture ossee. Le aree particolarmente colpite sono la colonna lombare, il collo del femore e il radio nel polso. Leggi questo articolo per scoprire esattamente cos'è l'osteoporosi, come e quando si verifica, e come può essere trattata.

Sapevi che lo scheletro costituisce circa il 20% del tuo peso corporeo [1]? Non c'è da stupirsi, perché il tuo sistema scheletrico è responsabile, insieme alla tua muscolatura, di portare tutto il tuo peso corporeo in una postura eretta - e preferibilmente per tutto il giorno.

In Italia circa 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi, l'80% sono donne in post menopausa [2]. Le persone con osteoporosi subiscono fratture più rapidamente, anche durante i movimenti quotidiani come stare in piedi o camminare. Queste fratture possono essere accompagnate da conseguenze durature come il dolore cronico e acuto, che limitano gravemente la qualità della vita delle persone colpite.

Leggi qui come sono costruite esattamente le nostre ossa. Scopri cosa succede alle tue ossa quando soffri di osteoporosi. Ti informeremo anche sulle possibili cause e sulle attuali opzioni di trattamento.

Osteoporosi: cos'è?

Il termine deriva dalle parole latine "osteo", che significa osso, e "poros", che significa buco. Con l'osteoporosi, le ossa diventano porose, danno meno sostegno e si rompono più facilmente - ma perché?

Come si sviluppa l'osteoporosi?

Le ossa non sono solo strutture rigide, ma sono tessuti viventi composti da parti dure ed elastiche. All'interno dell'osso, la formazione e la degradazione dell'osso avvengono continuamente. Nell'osteoporosi, l'equilibrio tra formazione e degradazione si sbilancia, con conseguente diminuzione della massa ossea e aumento del rischio di fratture [3].

Poiché le prime microfratture di solito si verificano all'interno dell'osso, molte persone colpite non si accorgono per molto tempo che stanno soffrendo di osteoporosi. Queste fratture tuttavia fanno sì che la stabilità complessiva dell'osso diminuisca, aumentando così il rischio complessivo di frattura [4],[5].

Lo sapevi che un chiaro segno di osteoporosi manifesta è la cosiddetta gobba della vedova? In questo caso, la colonna vertebrale è gravemente incurvata, o perché i singoli corpi vertebrali sono crollati o perché si sono verificate fratture da compressione, cioè fratture causate dall'effetto della pressione.

Osteoporosi primaria e secondaria

L'osteoporosi è ulteriormente suddivisa in osteoporosi primaria e secondaria [3]:

  • osteoporosi primaria: la maggior parte delle persone colpite ha questa forma di malattia, dove non si trova una causa specifica. Anche se sono noti i fattori che aumentano il rischio di osteoporosi (per esempio l'età), non sono necessariamente i fattori scatenanti della malattia. Inoltre, viene fatta una distinzione tra il tipo 1, osteoporosi postmenopausale, e il tipo 2, osteoporosi senile;
  • osteoporosi secondaria: in questo caso, la perdita ossea è causata da un'altra malattia, come il diabete mellito e l'ipertiroidismo. Alcuni farmaci, come i glucocorticoidi, possono anche aumentare la probabilità di osteoporosi. Tuttavia, solo circa il cinque per cento dei pazienti è affetto da questa forma di osteoporosi [7].

Osteoporosi: diagnosi

L'osteoporosi si sviluppa gradualmente e silenziosamente. Questo è il motivo per cui molti malati se ne accorgono solo quando si verifica la prima frattura ossea grave. Questa frattura può durare fino a 10 anni - in meno del 25% delle persone colpite, la perdita ossea viene scoperta e trattata in tempo [5].

La massa ossea si riduce con l'età, questo è abbastanza normale. In media, il tasso è di circa lo 0,5-1% all'anno. Nei pazienti con osteoporosi, tuttavia, questo valore è significativamente più alto - in alcuni casi si perde fino al sei per cento della massa ossea [8].

Riconoscere i precursori dell'osteoporosi

Nel caso dell'osteoporosi, si fa anche una distinzione tra le fasi preliminari dell'osteoporosi e l'osteoporosi grave, che può già essere rilevata da fratture ossee. Il parametro decisivo qui è la struttura ossea, misurabile tra l'altro dalla densità ossea, che viene misurata con il cosiddetto valore T che serve come unità per indicare come sta la densità ossea della persona colpita. Le ossa sane e normali (come esempio sono usati qui i valori di 30 anni sani) hanno un valore T superiore a -1. Una classificazione più precisa è la seguente [9]:

  • osteopenia (valore T da -1 a -2,5): precursore dell'osteoporosi;
  • osteoporosi preclinica (valore T < -2,5): non sono ancora presenti fratture;
  • osteoporosi manifesta (valore T < -2,5): prime fratture vertebrali senza causa apparente (per esempio dovute a movimenti quotidiani);
  •  osteoporosi manifesta grave (valore T < -2,5): fratture ossee, anche al di fuori della colonna vertebrale, spesso al collo del femore o all'avambraccio.

L'osteoporosi manifesta, in particolare, può significare gravi limitazioni per chi ne soffre. Le persone colpite spesso hanno dolori e possono dover subire operazioni o lunghi trattamenti riabilitativi.

Prevenzione osteoporosi

I fattori di rischio per l'osteoporosi includono l'età e il sesso. Circa il 30% di tutte le donne e il 20% di tutti gli uomini svilupperanno l'osteoporosi nel corso della loro vita.

La buona notizia è che ci sono anche fattori che puoi influenzare tu stesso. Anche le seguenti circostanze possono aumentare il rischio [6]:

  • troppo poco movimento;
  • carenze nutrizionali (per esempio, calcio o vitamina D);
  • carenza di estrogeni;
  • troppa caffeina, alcol o nicotina.

Per scoprire se hai carenze nutrizionali gli esami per carenze vitaminiche e nutrizionali di cerascreen® ti possono essere d'aiuto. Puoi curare il tuo apporto di calcio e vitamina D e rafforzare i tuoi muscoli e le tue ossa con sufficiente esercizio fisico.

Esame vitamina D cerascreen

Calcio

Circa il 99% del calcio totale del nostro corpo si trova nelle nostre ossa, dove fornisce stabilità. Tuttavia, un po' di calcio circola anche nel sangue. Quando c'è una carenza di calcio nel sangue, il minerale mancante viene prelevato dalle ossa e utilizzato per i processi metabolici. Questo influenza la stabilità e la durezza delle ossa. Pertanto, è importante seguire un'alimentazione sana e assicurarsi di avere un adeguato apporto di calcio [10].

Le società professionali consigliano agli adulti di prendere 700 milligrammi a 1200 milligrammi di calcio al giorno. È possibile soddisfare questo requisito attraverso una dieta equilibrata. Gli spinaci in foglia e i broccoli in particolare sono ricchi di questo minerale, ma anche il latte vaccino, lo yogurt e il formaggio contengono calcio [11].

Lo sapevi che per assicurarti l'apporto di calcio, l'acqua minerale è una buona scelta? Non solo fornisce al tuo corpo l'importante minerale ma ti mantiene anche idratato allo stesso tempo [10],[11]. Tuttavia, non tutte le acque minerali sono uguali - per esempio, si parla di "acqua minerale ricca di calcio" quando ne contiene più di 150 milligrammi per litro [12].

Anche altri nutrienti sono importanti per le nostre ossa. Questi includono, per esempio:

  • magnesio, zinco e rame;
  • vitamina K;
  • vitamina C;
  • vitamina B6 e B12;
  • acido folico;
  • aminoacidi.

Puoi trovare informazioni più interessanti sui minerali magnesio, zinco e rame nel nostro portale della salute. Puoi anche scoprire di più sulla vitamina K, la vitamina C e gli aminoacidi.

Vitamina D

La vitamina D aiuta ad assorbire il calcio nel sangue e ad incorporarlo nelle ossa. Questi processi sono estremamente importanti per la stabilità dell'osso [6].

La vitamina D è prodotta dalla nostra pelle quando entra in contatto con i raggi del sole. Tuttavia, alle nostre latitudini, molte persone sono carenti, soprattutto durante i mesi invernali bui.

Come una carenza di vitamina D diventa evidente, quali altre funzioni importanti la vitamina assume nel corpo e come si può prevenire una carenza, puoi leggerlo nel nostro portale di salute.

Lo sapevi già? Secondo gli studi, un sano livello di vitamina D può prevenire le cadute - ma averne di più non sempre aiuta. Negli studi, una dose troppo alta di vitamina D ha avuto un effetto altrettanto negativo sul tasso di cadute come una carenza di vitamina D. Ecco perché può avere senso determinare la tua scorta attuale con un esame della vitamina D [13].

Movimento

Troppo poco movimento non fa bene al nostro corpo, e influisce sulla stabilità delle ossa, tra molte altre cose. L'esercizio fisico influisce sull'elaborazione del calcio da parte del tuo corpo: l'esercizio fisico stimola il tuo metabolismo generale, e anche specificamente il tuo metabolismo osseo. Di conseguenza, il calcio si deposita meglio nelle ossa, il che migliora la durezza e la stabilità delle ossa [14],[15].

La cosa importante da ricordare qui è che quando si sceglie di fare esercizio fisico, bisogna assicurarsi che la pressione e la forza siano applicate alle ossa. Questa applicazione di forza è l'unico modo per stimolare il tuo metabolismo. Gli sport che sono facili per le articolazioni, come il nuoto, non favoriscono l'accumulo di calcio nelle ossa. L'allenamento della forza, specialmente con i pesi, invece, è molto adatto. Anche il jogging o la camminata nordica, la ginnastica leggera, l'allenamento con il proprio peso corporeo o anche il ciclismo possono fare bene.

Osteoporosi: cura

Gli studi hanno scoperto che circa 40.000 fratture potrebbero essere evitate se chi soffre di osteoporosi ricevesse un trattamento più completo e farmaci [16].  In ogni caso, si dovrebbe cercare una terapia medica - che ha molti componenti. L'esercizio regolare e l'allenamento della forza, per esempio, non sono solo misure preventive, ma sono anche centrali nel trattamento dell'osteoporosi. Se si ha un rischio maggiore di fratture ossee a causa della perdita delle ossa, si dovrebbe anche ridurre il rischio di inciampare e altri incidenti nella vita quotidiana.

Quali farmaci aiutano contro l'osteoporosi?

Questi farmaci, insieme all'esercizio e alla dieta, sono comunemente usati per trattare l'osteoporosi [17]:

  • SERM: i modulatori selettivi del recettore degli estrogeni (SERM) sono specialmente per le donne colpite dopo la menopausa. La massa ossea si riduce a causa della carenza di estrogeni dopo la menopausa. I SERM imitano l'effetto dell'ormone sessuale e quindi contrastano la perdita.
  • I bifosfonati rallentano gli attuali processi di degradazione delle ossa.
  • Calcio e vitamina D: il calcio in particolare può essere ben incorporato nella tua dieta. Tuttavia, poiché la vitamina D e il calcio insieme e anche singolarmente sono essenziali per il metabolismo delle ossa, si possono anche prendere gli integratori appropriati dopo aver consultato il medico.
  • Paratormone: questo farmaco promuove l'attività degli osteoplasti, cioè le cellule che sono coinvolte nei processi di rimodellamento e nella formazione del tessuto osseo.
Integratori vitamina D

Osteoporosi in sintesi

Cosa sono le ossa?

Ci sono circa 206 ossa nel tuo corpo che ti permettono di muoverti e mantenere la tua postura.

Le ossa svolgono anche una serie di altre importanti funzioni, per esempio, proteggono gli organi interni, sono responsabili della formazione del sangue e immagazzinano molti minerali e nutrienti.

Cos'è l'osteoporosi?

Nell'osteoporosi, la massa ossea diminuisce e le ossa diventano più porose. La malattia è quindi chiamata anche perdita ossea.

Le persone colpite sono a maggior rischio di subire fratture ossee. La colonna lombare, il collo del femore e il radio del polso sono particolarmente a rischio.

Il rischio di osteoporosi aumenta con l'età, e le donne sono colpite più spesso degli uomini.

Come si previene l'osteoporosi?

L'esercizio fisico in abbondanza, specialmente l'allenamento della forza, stimola i processi metabolici nelle ossa e aiuta a prevenire l'osteoporosi.

Dovresti anche assicurarti di assumere nutrienti importanti, specialmente calcio e vitamina D.

Ridurre l'assunzione di caffeina, nicotina e alcol e, come donna, tenere d'occhio i livelli di estrogeni, soprattutto durante e dopo la menopausa.

Come si cura l'osteoporosi?

L'osteoporosi è di solito trattata con un allenamento mirato della forza e una terapia di esercizi.

Allo stesso tempo, a seconda della gravità della malattia, c'è la possibilità di migliorare la stabilità ossea con farmaci o integratori alimentari (per esempio, calcio e vitamina D).

Bibliografia

[1] National Cancer Institute, „Introduction to the Skeletal System“. https://training.seer.cancer.gov/anatomy/skeletal/ (zugegriffen Jan. 11, 2021).

[2] "Osteoporosi", Ministero della Salute: https://www.salute.gov.it/portale/donna/dettaglioContenutiDonna.jsp?lingua=italiano&id=4491&area=Salutedonna&menu=patologie (visualizzato il 10 giugno 2021).

[3] osteoporose.de, „Was ist Osteoporose (Knochenschwund)?“, Osteoporose.de, Okt. 10, 2020. https://www.osteoporose.de/osteoporose (zugegriffen Jan. 11, 2021).

[4] Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., „Knochenstruktur - was geschieht im Inneren der Knochen?“, Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., Okt. 10, 2020. https://www.osd-ev.org/osteoporose/knochen/struktur/ (zugegriffen Jan. 11, 2021).

[5] Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., „Stoffwechselkrankheit Osteoporose“, Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., Okt. 10, 2020. https://www.osd-ev.org/osteoporose/einfuehrung/ (zugegriffen Jan. 11, 2021).

[6] Prof. Dr. R. Bartl, „Osteoporose? Was Sie wissen sollten. Was ist Osteoporose für eine Krankheit?“, Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., Okt. 10, 2020. https://www.osd-ev.org/osteoporose/osteoporose-wissen/ (zugegriffen Jan. 11, 2021).

[7] C. Riegel, „Hormonelle Veränderungen bei Männern mit Osteoporose mit speziellem Interesse bezüglich des Hypophysen-Hypothalamus GH/IGF-1-Systems“, 2009.

[8] Prof. Dr. med. O.-A. Müller, „Was ist Osteoporose?“, Internisten im Netz, Aug. 18, 2017. https://www.internisten-im-netz.de/krankheiten/osteoporose/was-ist-osteoporose/ (zugegriffen Jan. 12, 2021).

[9] Osteoporose.de, „Osteopenie & weitere Osteoporose-Formen“, Osteoporose.de. https://www.osteoporose.de/osteoporose/formen (zugegriffen Jan. 12, 2021).

[10] Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., „Calcium: Der wichtigste Knochen-Baustein“, Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., Okt. 10, 2020. https://www.osd-ev.org/osteoporose/knochen/calcium/ (zugegriffen Jan. 19, 2021).

[11] gesundheitsinformation.de, „Wie kann ich meinen Kalziumbedarf decken?“, gesundheitsinformation.de, Nov. 14, 2018. https://www.gesundheitsinformation.de/wie-kann-ich-meinen-kalziumbedarf-decken.html (zugegriffen Jan. 19, 2021).

[12] K. Mertel und J. Bugaj, „Calciumaufnahme 1“, Netzwerk Osteoporose e. V., 2020. https://www.netzwerk-osteoporose.de/fachbeitraege/ernaehrung/calciumaufnahme-1/ (zugegriffen Jan. 29, 2021).

[13] Pharmazeutische Zeitung, „Sturzrisiko im Alter: Vorsicht vor hohen Vitamin-D-Dosen“, Pharmazeutische Zeitung, 2016. https://www.pharmazeutische-zeitung.de/2016-01/sturzrisiko-im-alter-vorsicht-vor-hohen-vitamin-d-dosen/ (zugegriffen Jan. 19, 2021).

[14] Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., „Belastung stärkt den Knochen. Warum?“, Osteoporose Selbsthilfegruppe Dachverband e.V., Okt. 10, 2020. https://www.osd-ev.org/osteoporose/knochen/belastung/ (zugegriffen Jan. 19, 2021).

[15] K. F. Janz, E. M. Letuchy, T. L. Burns, J. M. E. Gilmore, J. C. Torner, und S. M. Levy, „Objectively measured physical activity trajectories predict adolescent bone strength: Iowa Bone Development Study“, Br. J. Sports Med., Bd. 48, Nr. 13, S. 1032–1036, Juli 2014, doi: 10.1136/bjsports-2014-093574.

[16] O. Ström u. a., „Osteoporosis: burden, health care provision and opportunities in the EU: a report prepared in collaboration with the International Osteoporosis Foundation (IOF) and the European Federation of Pharmaceutical Industry Associations (EFPIA)“, Arch. Osteoporos., Bd. 6, S. 59–155, 2011, doi: 10.1007/s11657-011-0060-1.

[17] medi GmbH, „Osteoporose: Diagnose und Therapie | medi“. https://www.medi.de/gesundheit/diagnose-therapie/osteoporose/ (zugegriffen Jan. 19, 2021).

Contenuto